Ngugi wa Thiong'o

Ngugi nacque il 5 gennaio 1938 a Kamiriithu, nei pressi di Limuru nel distretto di Kiambu, in Kenya.
Frequentò la scuola missionaria locale, diventando un cristiano devoto.
Nel 1963 si laureò alla Makerere University di Kampala, in Uganda; ma già l'anno prima era iniziata la sua carriera letteraria, con la messa in scena della sua opera teatrale The Black Hermit (L'eremita nero), che fu anche la prima opera teatrale in lingua inglese pubblicata in Africa Orientale.
Nel 1964 pubblicò il suo primo romanzo (anche in questo caso il primo in Africa Orientale).
La svolta, letteraria e politica, venne con Un chicco di grano 1967 romanzo nel quale Ngugi espresse per la prima volta posizioni esplicitamente marxiste-fanoniste.
Nel 1992 divenne docente di letteratura comparata, prima presso Yale e poi presso l'Università di New York.
La sua ultima opera (la prima dopo circa un ventennio di silenzio), Wizard of the Crow, è stata pubblicata nel 2006 da Random House.

I quattro testi che compongono Decolonizzare la mente, pubblicati in inglese alla metà degli anni Ottanta, sono a buon diritto tra gli scritti più famosi di Ngugi, la summa di un pensiero che si è andato formando con anni di studio e con dolorose esperienze vissute in prima persona: in particolare la scelta di scrivere una pièce di critica al potere nella sua lingua madre, il gikuyu, in modo che potesse essere capita da ogni strato di pubblico, costò allo scrittore oltre un anno di detenzione.

Informazioni aggiuntive


Primo romanzo proveniente dall’Africa orientale anglofona, pubblicato nel 1964 con il titolo Weep Not, Child.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 1975
  • Autore Ngugi wa Thiong'o

Convinto che ogni scrittore debba esprimersi nella propria lingua di origine, Thiong’o, nel 1977, incominciò a scrivere solo in kikuyu. Il governo Kenyatta prima lo mise in prigione, poi lo esiliò. In questi famosi saggi lo scrittore kenyota muove da una considerazione: l’Occidente si considera il centro del mondo; controlla il potere culturale, così come controlla quello politico ed economico. Spostare quel centro è indispensabile per liberare le culture del mondo dai recinti del nazionalismo, della classe, della razza, del sesso.

Informazioni aggiuntive


Inediti in italiano, i racconti brevi del grandissimo scrittore e intellettuale keniano contenuti in questa raccolta furono pubblicati a metà degli anni Settanta, prima che l’autore abbandonasse l’inglese in favore del gikuyu, nella convinzione che fosse necessario decolonizzare la letteratura e, con essa, il pensiero. Ambientate alternativamente nel Kenya precoloniale, in transizione o indipendente, le storie narrate da Ngũgĩ raccontano il paese in modo caleidoscopico, attraverso le vicende di personaggi attanagliati da problemi e difficoltà.

Informazioni aggiuntive


Ilmorog, un villaggio oppresso dalla carestia, sarà trasformato in florida città dall'installazione di una fabbrica di birra di proprietà straniera.
L’assassinio dei tre direttori africani della fabbrica travolgerà i protagonisti.
Un romanzo politico in cui l’autore descrive con passione le varie sembianze che può assumere il potere.

Informazioni aggiuntive


Prendendo le mosse dai più lontani ricordi del suo gruppo familiare, tutta l'esistenza raccolta nelle cinque capanne del padre e delle sue quattro mogli, la storia personale del bambino finisce per incontrarsi e scontrarsi con quella di un Kenya scosso dai fermenti indipendentisti e dalla dura repressione del governo britannico. Il fascino della parola pervade tutto il libro, presagio del destino del protagonista: dai racconti collettivi del paese, in cui la consistenza storica del fatto si perde nella pluralità delle voci che lo compongono, alle storie raccontate in famiglia "con il riflesso delle fiamme che danzava sui volti", dall'incontro con la parola scritta, grazie a un'inseparabile Vangelo prima e alla biblioteca di un insegnante poi, alla fallace linearità della propaganda coloniale che occupa ogni spazio pubblico.

Informazioni aggiuntive


Romanzo dalla complessa struttura narrativa che riflette il quadro di tensioni emotive che gravita attorno alla celebrazione dell'indipendenza. La vicenda è ambientata a Thabai, un grande villaggio kikuyu, nel 1963.
Come negli altri romanzi l’autore tenta di comprendere la storia, individuando e denunciando le ingiustizie che segnano il cammino della società africana. Il romanzo è stato ristampato nel 1997.

Informazioni aggiuntive