Julio Cortázar

Nato a Bruxelles nel 1914 da genitori argentini, a quattro anni ritorna nel suo paese d’origine, dove compie gli studi.
Insegna lettere in varie città di provincia e nel 1938 pubblica la sua prima collezione di poemi, "Presencia" con lo pseudonimo di Julio Denis.
Nel 1951, in opposizione al regime peronista, si allontana dall’Argentina e si trasferisce a Parigi, dove risiederà fino alla sua morte, nel 1984.
La scrittura di Cortázar, maestro del racconto fantastico, affonda le radici nella precisione realistica: i quartieri di Buenos Aires, gli ambienti borghesi, le atmosfere familiari, i locali dove si balla il tango.
Sugli scenari quotidiani si stacca il “bestiario” metafisico: come una tigre invisibile che invade la casa, coniglietti generati dal nulla...

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2005
  • Autore Julio Cortázar

Il libro racconta l'odissea, fra Parigi e Buenos Aires, di Horacio Oliveira, l'eterno studente argentino che si muove attraverso le città e l'esistenza come attraverso le caselle del "gioco del mondo", compiendo un viaggio, al tempo stesso reale e visionario, alla ricerca di sé nell'impossibile tentativo di dare un significato alla vita.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2005
  • Autore Julio Cortázar

"Tutti i fuochi il fuoco" raccoglie alcuni racconti esemplari dell'arte di Julio Cortázar, l'autore che apre nuove vie nel genere in cui è un riconosciuto maestro e sgrana le sue amatissime ossessioni: il tema del doppio, la discontinuità fra spazio e tempo, l'irrazionale come alternativa al quotidiano.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2005
  • Autore Julio Cortázar

"A volte lo scrittore di racconti sceglie, e altre volte sente come se il tema gli si imponesse in modo irresistibile, lo spingesse a scriverlo. Nel mio caso, la maggior parte dei racconti sono stati scritti - come dire - al margine della mia volontà, al di sopra o al di sotto della mia coscienza raziocinante, come se io non fossi altro che un medium attraverso il quale passasse e si manifestasse una forza estranea" (Julio Cortázar).
Il volume presenta, in edizione autonoma e integrale, la raccolta di racconti pubblicata dallo scrittore negli anni Cinquanta.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2003
  • Autore Julio Cortázar

Tradotto da Einaudi nel 1971, questo libro è tra i più significativi dell'intera produzione di Cortazar, quello in cui una lettura morale della realtà contemporanea assume le forme di apologo tanto preciso quanto elegante. Il libro trovò uno dei suoi sostenitori più attenti in Italo Calvino, il quale ebbe a presentarlo con queste parole: "I cronopios e i famas, due genie d'esseri che incarnano con movenze di balletto due opposte e complementari possibilità dell'essere, sono la creazione più felice e assoluta di Cortazar".

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2005
  • Autore Julio Cortázar