Daniel Chavarría

Nasce nel 1933 in Uruguay. Prima di trasferirsi a Cuba, dove inizierà la sua carriera di scrittore, Chavarría svolge i mestieri più vari: professore di lingue in Marocco, cicerone al Museo del Prado, venditore ambulante in Italia, minatore e fabbro in Germania. Nel 2002 la Mystery Writers of America ha conferito a Adiós muchachos l'Edgar Allan Poe Award, il più prestigioso riconoscimento americano per la letteratura di genere poliziesco e fantastico, vinto per la prima volta da un autore latinoamericano.
Veterano di tutte le guerre ingiuste, feroce cultore dell'odio per l'uomo, monomaniaco difensore di un'aristocrazia necrofila, estremo perfino per l'estrema destra in cui milita, il protagonista si muove in un'intricata trama spionistica, sullo sfondo di mutevoli scenari, dal cuore dell'Amazzonia più selvaggia a una tranquilla fattoria sulle rive di un fiume, dal quartier generale della CIA a Langley fino alle strade dell'Avana. Vive ai tempi duri in cui la CIA è molto vicina a decretare la sparizione del sogno cubano. Ma nell'isola caraibica troverà "pane per i suoi denti"...

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2000
  • Autore Daniel Chavarría