Can Xue

Can Xue è nata nel 1953 a Changsha, un villaggio della Cina centrale.
Dopo aver fatto il medico "a piedi scalzi", l’operaia, la supplente nelle scuole, ha appreso per proprio conto l’arte del cucito e ne ha fatto un mezzo di sussistenza.
Dal 1985 si dedica esclusivamente alla letteratura.

Can Xue rappresenta il limite estremo cui è giunta la letteratura cinese contemporanea. Nei suoi racconti raccolti in Dialoghi in cielo l’immenso corpo del realismo socialista viene polverizzato, svuotato di senso e ridotto a un mucchio di ceneri. Can Xue parte sempre da un’esperienza quotidiana - l’infanzia, l’amore, i rapporti familiari, la solitudine - e la dilata fino a mostrarcene il tessuto primordiale, inconscio, uno spettacolo indicibile che è forse l’estremo tentativo di ricomporre - attraverso la letteratura - l’immagine disgregata e mutilata del corpo materno.

Informazioni aggiuntive