Gao Xingjian

Gao Xingjian, narratore, saggista, drammaturgo, traduttore e pittore, nasce nel 1940 nella Cina sud-orientale.
Dopo aver studiato letteratura francese all'Università di Pechino e aver tradotto alcuni classici del Novecento, e dopo cinque anni di "rieducazione" imposti dalla rivoluzione culturale, si afferma sulla scena letteraria con alcune opere teatrali.
In un clima politico sempre più ostile, Gao decide di lasciare la Cina e nel 1988 approda a Parigi, dove vive tuttora.
Qui conclude il suo capolavoro, "La Montagna dell'Anima" (1990), che nel 2000 gli permettere di ricevere (sarà il primo scrittore cinese ad ottenerlo) il Premio Nobel per la letteratura.
E' la storia d'amore, tormentata e sensuale, tra un maturo intellettuale cinese in esilio e un'"ebrea fornita di un cervello tedesco e che parla cinese", Margarethe.
Ed è il sofferto racconto della vita in Cina durante la Rivoluzione culturale, l'epoca in cui i figli denunciavano i genitori, i vicini spiavano i vicini, gli artisti - come accadde a Gao - bruciavano i propri quadri e le proprie poesie.
"Perché tutto ciò?" chiede Margarethe. "Perché - spiega il protagonista - bisognava trovare dei nemici. Senza nemici, come avrebbe fatto il regime a esercitare la sua dittatura?".

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2003
  • Autore Gao Xingjian

Una raccolta di tutte le opere scritte da Gao Xingjian per il teatro: da “Segnali d'allarme” e “Fermata d'autobus” a “La fuga”, composta di getto in Francia dopo i fatti di piazza Tien'an Men, e a “Neve d'agosto”, in cui Gao si avvicina ai temi del buddhismo zen.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2004
  • Autore Gao Xingjian

"La Montagna dell'Anima" è l'opera monumentale che ha consacrato Gao Xingjian come uno dei maestri del nostro tempo.
È il racconto, in gran parte autobiografico, di un lungo viaggio nella Cina del sud-ovest, compiuto da uno scrittore perseguitato dal regime e al quale, per errore, è stato diagnosticato un cancro. Il viaggio è dunque l'occasione di un bilancio esistenziale e fonte inesauribile di nuove esperienze.
Il libro è al tempo stesso saggio enciclopedico sugli animali e le piante della foresta, sugli usi delle popolazioni tribali, sulla storia classica e contemporanea, riflessione politica sulla Cina comunista, ricerca filosofica, storia d'amore...

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2002
  • Autore Gao Xingjian

La visita al tempio in rovina da parte di due sposi in viaggio di nozze; un incidente stradale; il crampo che assale un nuotatore; la conversazione in un parco tra un ragazzo e una ragazza che si ritrovano dopo molti anni; l'acquisto di una canna da pesca che fa rinascere il mondo dell'infanzia: ogni racconto prende l'avvio da un'evocazione che fa nascere il sogno, la riflessione, il ricordo, espressi in una lingua limpida e cristallina, duttile, musicale, precisa ma allo stesso tempo letteraria e colloquiale.

Informazioni aggiuntive