Jorge Canifa Alves

Jorge Canifa Alves è nato nel 1972 nella città di Mindelo, isola di São Vicente, arcipelago di Capoverde, vive in Italia. Nella sua ispirazione letteraria le due appartenenze, quella italiana e quella capoverdiana, convivono: "due culture sono meglio di una, hai un orizzonte più ampio, più possibilità di scelta".
I suoi racconti sono stati pubblicati sulle riviste "Il giornale di Peter Pan", "Caffè" e nelle antologie Memoria in valigia (Fara Editore, 1997), Capoverde: Nove Isole e un Racconto Disabitato (Edizioni Le Lettere, 2000), Libera o liberata (Il Leccio Editore 2002), Italiani per vocazione (Cadmos Editore, 2005) e Lo Sguardo dell'Altro (Mangrovie Edizioni, 2008). Ha pubblicato, nel 2005, Racconti in altalena (Edizioni dell'Arco), nel 2009 per la Fuoco Edizioni Il Bacio dell Sfinge e nel 2011 Claridade: la coscienza illuminata di Capo Verde (Fuoco Edizioni).
Nel 2006 insieme al gruppo teatrale da lui messo insieme, denominato RAIZ LONGE, porta in scena alcuni spettacoli tra cui “Gli Affamati”. Dal 2005 collabora con il gruppo dei poeti Apollo 11.
È stato dal 2004 al 2007 vice presidente della Consulta per il V municipio di Roma per l'emigrazione e per diversi anni presidente dell'associazione culturale Tabanka Onlus.
Trasferitosi in Spagna nel 2009 ritorna in Italia a fine 2011. Vive attualmente a Roma occupandosi di migrazione e teatro.

Gli affamati. Tragedia capoverdiana è un opera teatrale dove le voci di un popolo si alzano descrivere un periodo storico concreto. A cavallo della seconda guerra mondiale la fame attanaglia un arcipelago isolato dal mondo, a cui non arrivano i rifornimenti alimentari. La mancanza di vieveri e acqua porta alla pazzia di menti anche lucde. In questo un uomo ha commesso un atroce omicidio inseguendo demoni, streghe e fantasmi.

Informazioni aggiuntive


Una storia proiettata verso il mondo. Luciano ad un certo punto della sua monotona vita riesce ad effettuare quel salto che gli permetterà di lasciare la casa materna e di mettersi alla ricerca di Iolanda, suo grande amore adolescenziale ed emigrata in Francia molti anni prima. La nuova vita del protagonista si riempirà, piano piano, di nuove emozioni, nuovi amici ma anche di storie bizzarre, di stranieri e Rom che lo porteranno ad una più intensa consapevolezza del sé.

Informazioni aggiuntive


Storie di donne, libertà e culture altre che si incontrano in un continuo dondolare ora qua ora là, senza pregiudizi ma con curiosità viva ed empatica.
Sette racconti migranti, dove l’immigrato non è colui che subisce la condizione di “straniero-diverso” ma è colui che ha qualcosa da raccontare di se stesso e ha voglia di ascoltare gli altri per arrivare ad un punto di conoscenza comune, consapevole che la non conoscenza, l’ignoranza, genera la paura e l’intolleranza.

Informazioni aggiuntive


Perchè un turista arriva a Capo Verde pieno di pregiudizi? Forse non conosce questa terra e non conosce l'Africa, allora è bene raccontargliela prima ondeggiando tra fantasia e realtà! Ecco che il Bacio della Sfinge diventa un'occasione per raccontare il mondo capoverdiano dentro e fuori l'Arcipelago, da diversi punti di vista: quello fantasy dove un pirata cerca di salvare una forchetta dall'annegamento; quello reale dove una giovane immigrata, appena arrivata in Italia, si nutre di tè e biscotti perchè non riesce a mangiare "italiano"; quello sportivo dove un gruppo di giovani della seconda generazione compie l'impresa storica di vincere un'importante torneo di calcio; quello fiabesco fatto di animali parlanti, di aereo-tram volanti e di un regno fatto di "bionde bollicine".

Informazioni aggiuntive


“Kronos ‘90” è una selezione di poesie scritte, la maggior parte, negli anni ’90. Comprende tre quadri di tre colori differenti: il bianco, il grigio e il nero. Questo trittico è composto da quattro temi: una selezione de “Le Nuvole”; da “L’Onda” e “Le Tentazioni” ed, infine, da “VersAFRICAndo”.
Disponibile solo in formato E-book.

Informazioni aggiuntive