Amitav Ghosh

Nato a Calcutta nel 1956 è cresciuto in Bangladesh, Sri Lanka, Iran e India.
Dopo la laurea, conseguita a Delhi, ha studiato antropologia sociale presso l'università di Oxford. Nel 1980 è stato in un villaggio contadino in Egitto per approfondire sul campo gli studi fatti.
Ha narrato questa esperienza in uno dei suoi libri: "In an antique land".

Fare una cronaca del mondo che viene, descrivendo e analizzando le sue situazioni violente "senza che il proprio lavoro ne diventi complice", è il tema proprio di questo libro. Guidato nelle zone calde del mondo da un reporter e uno scrittore indiano che ha vissuto da sempre, sin dall'infanzia, in circostanze incendiarie, il lettore scopre in queste pagine che c'è qualcosa di istruttivo nell'attuale disordine del mondo: che poche idee sono pericolose quanto la convinzione che ogni mezzo sia consentito in funzione di un fine auspicabile.

Informazioni aggiuntive


È il 1840 a Canton e l’opera del commissario Lin, inviato dall’Imperatore a porre fine al contrabbando dell’oppio per salvare le terre del Celeste Impero, ha già mutato il volto della città. Dell’antica Fanqui-town, l’enclave straniera, è rimasto poco o nulla. La factory britannica, un tempo l’edificio più affaccendato e grandioso dell’enclave, è chiusa e sbarrata, le verande deserte, le lancette dell’orologio del campanile ferme. I mercanti inglesi sono stati espulsi; non prima, però, d’aver consegnato l’intero carico celato nelle stive delle loro navi. Le confische imperiali cinesi, tuttavia, non passano affatto sotto silenzio a Londra.

Informazioni aggiuntive


In un paesaggio narrativo coloratissimo si snodano le mille avventure di Alu, ragazzo straordinario, che deve il suo nome a una testa dalla forma irregolare, tutta bernoccoli e protuberanze.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2002
  • Autore Amitav Ghosh

È il settembre del 1838 quando una terribile burrasca si abbatte sulla Ibis, la goletta a due alberi in viaggio verso Mauritius con il suo carico di "coolie", di "delinquenti". Come un uccello mitologico in balia del vento, con il bompresso come un grande becco e le vele come due enormi ali spiegate, la Ibis resiste miracolosamente alla furia dell'uragano. Nel fracasso della tempesta, tuttavia, tra lampi, tuoni e marosi, una scialuppa si allontana lestamente dalla goletta.

Informazioni aggiuntive


Nel novembre del 1885, quando giunge a Mandalay, Rajkumar ha undici anni e lavora come aiutante e garzone su un "sampan". Dopo aver risalito l'Irrawaddy dal golfo del Bengala, la sua barca si è dovuta fermare per riparazioni e il ragazzino indiano si è spinto per un paio di miglia nell'entroterra ed è arrivato nella capitale del regno di Birmania. Vi è arrivato nei giorni della fine del regno. La casa reale ha chiamato i sudditi a combattere contro gli eretici e i barbari kulan inglesi, per difendere l'onore nazionale e "avviarsi sul cammino che conduce alle regioni celesti e al Nirvana".

Informazioni aggiuntive


Reportage d’autore su uno dei personaggi più enigmatici dei nostri anni: Pol Pot, capo dei kmher rossi.
Dopo una lunga guerra civile contro il regime militare, l’ala più intransigente e filocinese del movimento di resistenza prese il potere e formò il nuovo governo. Pol Pot si è reso responsabile della morte dei suoi compagni di rivoluzione e di migliaia di altre persone.
Per capire l’uomo e gli avvenimenti, Ghosh è andato a parlare con i famigliari, i maestri e i seguaci di Pol Pot cercando di spiegare il passato e prevedere il futuro della politica in Cambogia.

Informazioni aggiuntive


In questi intensi reportages Ghosh parte alla scoperta di Cambogia e Birmania, per studiare le terribili ferite che la storia di questo secolo ha inferto ai due Paesi. Oltre agli interessi storici e culturali, sono anche le ragioni politiche a spingere Ghosh, narratore e antropologo, alla ricerca. In Cambogia, tra il 1975 a il 1979, è avvenuto uno dei più spaventosi genocidi della storia. Pol Pot, studente simpatizzante del marxismo a Parigi, poi feroce comandante dei Khmer rossi in patria, aveva scelto a modello il Robespierre che nel dramma di Buchner dice: la virtù è terrore, il terrore virtù. Il caso della Birmania è forse meno tragico ma altrettanto importante per il discorso di Ghosh.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 1998
  • Autore Amitav Gosh

A New York, in un futuro non molto lontano, Antar, un egiziano addetto alle ricerche telematiche per conto di un'organizzazione internazionale che si occupa dell'esaurimento delle risorse idriche del pianeta, si imbatte in una vecchia tessera di riconoscimento, un ID di una compagnia presso cui era impiegato nei primi anni Novanta del Ventesimo secolo. Antar è curioso di sapere a chi possa essere appartenuto quell'ID consunto e immediatamente interroga Ava, il suo computer di ultima generazione.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2008
  • Autore Amitav Ghosh

Sullo sfondo dell'arcipelago dei Sundarban, a sud di Calcutta, un luogo tanto affascinante quanto pericoloso, si snoda la vicenda di Kanai, un giovane traduttore indiano in viaggio per decifrare uno strano diario lasciato dallo zio. Lungo il tragitto, incontra Piya, una biologa marina attratta dalla potenza magica della natura, e Fokir, un pescatore che attinge alla millenaria sapienza pratica dell'Oriente.

Informazioni aggiuntive


Il giovane protagonista del romanzo ha imparato sin da bambino ad ascoltare affascinato i racconti del cugino Tridib che gli parla di una Inghilterra lontana e mitica, profondamente diversa dall’India.
Personaggi reali e fantastici affollano il racconto in cui la storia famigliare del giovane si intreccia alle vicende dell’India negli anni cruciali della separazione dal Pakistan, la guerra tra le due nazioni, la fondazione del Bangladesh.

Informazioni aggiuntive

  • Anno 2010
  • Autore Amitav Ghosh

Pagina 1 di 2