Giorgia DM
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovedì 30 gennaio 2020 alle ore 18.30 presso la Casa Argentina in via Veneto, 7 è prevista la conferenza La Creazione: dal niente al tutto dal teatro underground di Buenos aires all'opera lirica contemporanea con Carlos Branca e Carlos Belloso.

Lunedì 3 febbraio 2020 alle ore 18.30 presso la Libreria Koob in Piazza Gentile da Fabriano 16 è prevista la presentazione del libro Lettere da Yerevan (Neos Edizioni) di Giorgio Macor. Introduce Anoush Torunyan e interviene Sabrina Monti. L'autore del romanzo attraverso una scrittura raffinata e coinvolgente narra la storia del rimpatrio degli armeni della diaspora, costellata di percorsi individuali tortuosi, segnati nella maggior parte dei casi, da un destino comune.

Il Presidente dell’Aburiria – poverissimo paese africano vessato dalla dittatura – soffre di una strana malattia: l’uomo vorace e senza scrupoli che ha instaurato un governo repressivo fondato sulla paura, ora fluttua nella stanza del trono, gonfio a dismisura e incapace di parlare. Nessuno può curarlo, tranne il famigerato Mago dei corvi: un giovane stregone di nome Kam ̃ıt ̃ı, noto tra la gente per le sue straordinarie facoltà magiche.
Nel paese intanto, mentre il governo avvia la costruzione di un’opera faraonica – la Marcia verso il Paradiso, una sorta di moderna Torre di Babele – esplode la protesta guidata dal Movimento per la Voce del Popolo, di cui fa parte la bella Nyaw ̃ıra, che lotta clandestinamente per i diritti delle donne, per i poveri e la libertà.

Lunedì 3 febbraio 2020 alle ore 16.45 presso la Biblioteca Franco Basaglia in via Federico Borromeo, 67 è prevista l'attività Migrando a cura di Federica Mancini, Teatro La Casetta, con lettura del libro senza parole Migranti e laboratorio. Inoltre dal 24 gennaio al 10 febbraio 2020 si potrà lasciare il proprio racconto migrante nella valigia dei sogni in biblioteca. Attività gratuita per bambini dagli 8 anni in poi. E' gradita la prenotazione.

Sabato 25 gennaio 2020 dalle ore 16.30 alle ore 19.30 nel teatro di Villaggio Globale a sostegno del Crowdfunding Coloriage-Una Scuola Di Moda Gratuita E Solidale è prevista la Lettura perfomance per bambini dai 2 ai 12 anni del libro Lina e il canto del mare di Laura Riccioli. Lina e il canto del mare è un libro magico, che riesce a parlare ai bambini di integrazione e accoglienza attraverso una fiaba bellissima, ispirata alle storie di Badolato e Riace. Leggerà Laura Riccioli, che oltre ad attrice è anche pittrice e ha illustrato il libro. Le sue meravigliose tavole verranno proiettate nel teatro durante la perfomance.  

In occasione dalla Giornata dell’Unione dei Principati Romeni, l’Accademia di Romania in Roma con l’appoggio dell’Istituto Culturale Romeno presenta il lavoro fotografico L’Ultima Luna di Nicola Bertasi e Marzio Villa. La mostra, inaugurata lunedì 27 gennaio 2020 presso la Galleria d’Arte Accademia di Romania in viale delle Belle Arti, 110, rimarrà aperta al pubblico fino al 15 febbraio 2020 (visitabile su appuntamento). La serie di immagini esposte sono state scattate nella regione dei Maramures e compongono un racconto che attraversa la vita degli abitanti e le tradizioni di una delle aree più remote ed immutate d’Europa.

Qui di seguito i nuovi appuntamenti di Febbraio 2020 con le passeggiate sonore di Guide Invisibili per raccontare Roma dal punto di vista dei suoi cittadini migranti.

Sabato 1 febbraio 2020 dalle ore 21 presso A.I.A.S.P. Casa dei Popoli in viale Irpinia 50 Moustapha Mbengue & Tamtammorola presentano il concerto di musica africana di Sunu Africa.

Mercoledì 29 Gennaio 2020 dalle ore 18 alle 20:30 presso il Museo di Roma in Trastevere in piazza Sant'Egidio, 1 Roma Capitale e Presidenza della Repubblica di Turchia invitano alla mostra fotografica di Ara Güler, noto fotografo turco.

Sono aperte le iscrizioni al Corso di formazione gratuito FAI Ponte tra culture, un corso di formazione base per mediatori artistico-culturali rivolto prevalentemente a cittadini di origine straniera. ll corso si inserisce nell’ambito del progetto FAI ponte tra culture, l’iniziativa del FAI che intende coinvolgere i cittadini di origine straniera che vivono in Italia nella fruizione del  patrimonio  artistico e culturale considerato come strumento di dialogo e di integrazione con il territorio e la comunità locale. Il patrimonio viene valorizzato non solo da un punto di vista storico e artistico ma anche antropologico, riscoprendo i legami, antichi o recenti, tra l’Italia e il resto del mondo, le reciproche influenze e connessioni. Nello specifico il corso si propone di formare dei “mediatori artistico-culturali”, ovvero persone interessate all’arte e alla cultura italiana e desiderose di trasmettere quanto appreso alla propria comunità di origine in Italia e, più in generale, a tutti  i cittadini.

Pagina 5 di 307