Giorgia DM
Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Per diventare cose, ha scritto una volta Remo Bodei, gli oggetti devono assumere una valenza soggettiva, emergendo dal campo di forze che se ne contendono il significato. Il caso più emblematico di questa emersione rimane probabilmente quello dello smartphone, il cui avvistamento tra le mani di un migrante prelude spesso allo sfogo di retoriche xenofobe e razziste. Al lato opposto della contesa, internet risulta invece il medium diasporico per eccellenza, perché solo nel cyberspazio è possibile accorciare le distanze che separano chi parte da chi rimane e coloro che partono tra di loro, trasformando dispositivi come la parabola satellitare o il telefono in un "frammento di casa".

– Sai cosa? È faticoso essere noi. Avere la consapevolezza di saper stare bene da soli con se stessi è una gran fatica. Facciamo paura alle persone. Facciamo paura perché ci teniamo sempre a debita distanza dal mondo, non ci apriamo mai, non ci concediamo mai, ma nel momento esatto in cui succede che decidiamo di farlo, di aprirci, le persone si spaventano. Si spaventano per il troppo che abbiamo da dare. Credo sia così…
– Un cuore che si protegge…
– Sì, un cuore che si protegge da tanto tempo, ma non per questo spento. E di questo, almeno, sono certo. Lo sento.

Scoprii qual era la vera causa della mia malinconia, quando un giorno, Modou, con una certa freddezza, mi apostrofò: “Non fare domande: vivi!” E io di domande, purtroppo, me ne facevo sempre troppe. Soprattutto quando mi succedeva qualcosa di bello. Come se io non mi meritassi le cose belle. Come se io non mi meritassi di essere felice. Come se la mia felicità avesse bisogno di una spiegazione. Ogni volta.
Domande a cui, poi, non sapevo mai dare una risposta. Forse è questo il segreto della felicità: smettere di farsi domande e viverla…

Fino al 28 novembre 2020 si tiene online la XII edizione del Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli. Le opere in concorso provengono da più di 30 nazioni diverse e trattano di temi riguardanti tutti i Diritti Umani. La loro visione è gratuita. Per vedere i film in concorso (esclusivamente online sul portale Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli) basta registrarsi al sito. Una volta registrati si ha l'accesso alla visione di tutte le opere online. In diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Festival, e successivamente on demand sul sito e sul canale YouTube del Festival saranno visibili gli Eventi internazionali con film fuori concorso e contributi da esperti e testimoni.

Nell'ambito del progetto Biblionavette, rimodulato in modalità online a causa dell'emergenza sanitaria, l'Associazione Sentieri Popolari propone i Salotti di Conversazione Italiana per stranieri e residenti. L'ambiente informale e rilassato del salotto virtuale crea l'occasione di un apprendimento partecipativo di utilizzo pratico della lingua italiana per stranieri. I Salotti sono aperti a parlanti non nativi di ogni livello che, guidati da un docente esperto nella didattica dell’italiano a stranieri, potranno così esercitare le proprie competenze in un contesto multiculturale e aperto, ottenendo un feedback immediato, sotto forma di tutoring, da parte dell’insegnante. Anche i residenti italofoni sono invitati a partecipare, per condividere un momento di integrazione culturale e sociale attraverso il racconto delle esperienze vissute e dei tratti peculiari della propria cultura.

Venerdì 27 e sabato 28 novembre 2020 è previsto il convegno internazionale in diretta streaming da Trieste Sulla rotta balcanica. Di seguito il programma.

Venerdì 27 novembre 2020 alle ore 19 è prevista in diretta sulla pagina Facebook di OBC Transeuropa, una tavola rotonda dal titolo Oltre i confini: mobilitazioni transnazionali con i migranti ai confini dell’UE con la partecipazione di ricercatrici e attivisti di associazioni per i diritti dei migranti organizzata in occasione della Bright-Night Notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori nell'ambito del Network Jean Monnet "Transnational political contention in Europe" dalla Scuola Normale Superiore, in collaborazione con Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa.

Mercoledì 25 novembre 2020 alle ore 18, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, è prevista la presentazione online sulla Pagina Facebook e il canale Youtube Paoline del libro Donne di sabbia di Laura Cappellazzo (edizioni Paoline, 2020). Oltre all'autrice, intervengono Elena Guerra, giornalista; Caterina Boca, legal advisor Ufficio Politiche migratorie e Protezione Internazionale Caritas Italiana e Romano Cappelletto, Uffcio stampa Paoline. Il volume è il racconto in forma romanzata della drammatica vicenda di quattro donne vittime di violenza.

E' ancora possibile iscriversi al Corso di Italiano Lingua in Gioco, incentrato sull'insegnamento della Lingua Italiana attraverso lo sport, in particolare il calcio che parte lunedì 23 novembre 2020. Gli incontri, virtuali su piattaforma Zoom, Fb, Whatsapp e YouTube e con molti momenti di interazione, possono essere seguiti con lo smartphone, il tablet o il pc sia individualmente che in aula. Gli studenti riceveranno indicazioni per poter partecipare in autonomia con lo strumento prescelto e interagire con il docente e con il gruppo classe per la didattica a distanza. Tale didattica è incentrata sullo sport e, in particolare, sul calcio: video di azioni in campo, campionati e tornei, tecniche di gioco, personaggi, ecc. Il corso, pur essendo improntato ad un approccio ludico, sistematizza il lessico e consente un progresso significativo dell'apprendimento della lingua italiana.

Venerdì 27 novembre 2020 dalle ore 11 alle 13 è prevista la presentazione on line del Dossier Statistico Immigrazione 2020 Idos-Confronti. Il webinar online si tiene al seguente link: https://stream.meet.google.com/stream/10dfc085-8968-4489-ada7-06fadd05141b.

Page 1 of 336