Sebnem Isigüzel

Nata a Yalova nel 1973, autrice di diversi racconti e collaboratrice di testate giornalistiche nazionali, Sebnem Isigüzel è tra le più feroci voci critiche della società turca contemporanea e uno dei suoi romanzi è stato sottoposto a censura dal governo turco.

Ali Ferah è un ritrattista che soffre di acromatopsia, una patologia che gli impedisce di distinguere i colori; Salim Abidin, colpito improvvisamente da una malattia neurologica che non gli permette di riconoscere le lettere, è il primo scrittore turco vincitore di un premio Nobel. I due si incontreranno in uno studio medico e da quel momento le loro vite resteranno intrecciate, a causa di una serie infinita di coincidenze.

Additional Info