Questa Moschea è gestita da cittadini bengalesi.


via dei Durantini, 98
Cellulare: 327 9885215

Fornisce assistenza legale e sanitaria per gli immigrati del Bangladesh. Organizza saltuariamente corsi di italiano per stranieri.

Presidente: Islam Mumenul
via Eratostene, 44
Cell. 339 2035383
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Questa Moschea è gestita da cittadini bengalesi.


via Val di Lanzo, 147

Fondato a Roma a settembre 2007, il BCII Bangladesh Cultural Institute of Italy ha inaugurato la sua attività in occasione dei festeggiamenti per il Boishakhi Mela (festival del capodanno bengalese) 1415, che si è svolto a Roma nell'Aprile 2008.
Nato da un'idea del presentatore bengalese Rony Akther, presidente dell'Istituto, e di altri intellettuali del Bangladesh, che vivono in Italia da molti anni, il BCII ha l'obiettivo di favorire una nuova identità italiana, affinché diventi sempre più interculturale.

Questa Moschea è gestita da cittadini bengalesi.


Circonvallazione Appia, 33B

L'associazione Italia-Bangladesh ha come obiettivo progettare e gestire programmi di reciproco aiuto sopratutto nei momenti di emergenza in seguito ad avvenimenti ambientali catastrofici, reperendo fondi e organizzando forme d'accoglienza. Si propone inoltre di organizzare incontri culturali, corsi, convegni e conferenze in Italia e di organizzare iniziative di conoscenza del territorio attraverso escursioni, ecomusei e centri di educazione ambientale sul posto.

 

Questa Moschea è gestita da cittadini bengalesi.

via dei Gladioli, 14
Cellulare: 324 5560231

La moschea Quba può ospitare fino a trecento fedeli per la preghiera del venerdì. Il luogo di culto è gestito da bengalesi come il suo imam Ruhulamin. All’interno è stata organizzata anche una Madrasa (scuola coranica) frequentata da giovani studenti alcuni dei quali praticano la memorizzazione del Corano.
L'Associazione Culturale Orchestés nasce a Roma nel 2008 su iniziativa della prof.ssa Marialuisa Sales, danzatrice di formazione classica,  ricercatrice e coreografa. Dalla fondazione ad oggi, in virtù di una programmazione di elevato profilo pedagogico e non commerciale, contraddistinta da un'accurata selezione dei contesti di performance, l'Istituto si è distinto come un ente di rilievo nel panorama culturale ed artistico nazionale. Tra il 2012 e il 2014, ha presentato i propri artisti due volte presso il Museo Nazionale D'Arte Orientale "Giuseppe Tucci" di Roma e presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, il Museo delle Arti del XXI secolo - MAXXI, il Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali. Annovera tra le sue attività due produzioni per il Teatro Greco di Roma, spettacoli per l'Università degli Studi di Catania e La Sapienza di Roma; conferenze presso l'Università degli Studi di RomaTre e una collaborazione consolidata con la Biblioteca Indologica di Roma (Progetto "India!") e con Vidya Arti e Culture dell'Asia. Ha organizzato e promosso conferenze e spettacoli di  esponenti di prestigio internazionale nel campo della danza classica dell'India - quali Ileana Citaristi, Tiziana Leucci,  Arjun e Anuj Misra, Rosella Fanelli - e di artisti indiani emergenti in Italia (Bharathi Avireddy, Saraswathi Rajatesh, Namrita Rai, Susanta Kumar Moharana, Dr. Vasant Kiran). Dal 2008 l'Istituto ha inoltre divulgato in Italia la Danza di Corte dell'Iran.
Page 10 of 24