Mercoledì 6 dicembre 2017 dalle ore 15 alle 19 Ius Soli: ancora uno sforzo#MaratonaPinocchio in piazza Montecitorio. Pinocchio è il libro italiano più tradotto all’estero, e per questo rappresenta l’immagine più conosciuta del carattere di una nazione. Ma quella di Collodi è anche la storia di un bambino che – esattamente come quegli 800mila bambini oggi senza cittadinanza – “voleva solo essere come tutti gli altri”. Per questo motivo lo abbiamo scelto come simbolo dell’estrema richiesta indirizzata al Parlamento per l’approvazione di una legge giusta e ragionevole.

Published in Diritti

Sabato 11 e domenica 12 giugno 2016 alle ore 18 presso Termini Underground, Stazione Termini binario 24 settore E sottopasso 2, si terrà un workshop gratuito di Hip hop. L'iniziativa fa parte del progetto MigrArti, promosso dal Ministero per i beni e delle attività culturali, Sala Umberto,  Associazione ALI Onlus, Romà Onlus, Street Univercity Berlin. PercorsiMigranti è una riflessione attorno al tema dell’identità culturale attraverso lo sguardo dei giovani immigrati di #secondagenerazione, nel loro rapporto da un lato con le culture di provenienza, dall’altro con il Paese in cui crescono.

Published in Seminari

Chi è italiano oggi? Solo chi nasce da genitori italiani o anche quei bambini e ragazzi, ormai oltre un milione, che nel nostro Paese vivono, studiano e crescono respirandone sin dall'infanzia la cultura e le tradizioni? Da questa domanda parte il viaggio di Francesca Caferri alla scoperta di quella che è stata definita la generazione Balotelli, i nuovi italiani di origine straniera. Una presenza sempre più familiare, soprattutto nelle scuole: oltre l'8% degli studenti nell'anno scolastico 2011-2012, dato che continua ad aumentare a ritmo vertiginoso. Da Treviso a Napoli, questi giovani raccontano in prima persona l'esperienza quotidiana a cavallo fra due mondi: quello a cui appartengono stabilmente, ma che fatica a dare loro spazio, e quello di provenienza, lontano, diverso, a volte oppressivo, che spesso li rinnega. Ne scaturisce un ritratto abbastanza sorprendente e variegato.

Published in Francesca Caferri

Vivo per questo è un viaggio trascinante in una Babele metropolitana di colori, culture, suoni e voci. È la storia di un bambino e di una famiglia sempre in bilico sull’orlo della legalità. Una storia che parte veloce su una tavola da skate, correndo sui marciapiedi di Tor Pignattara inseguita da negozianti inferociti, con Roberto detto Kyashan e Napoleone, amici inseparabili. Una storia che segue le movenze irresistibili della breakdance con Crash Kid, amico e mito scomparso troppo presto. Una storia che attraversa le scorribande del writing, anima nera della street art: la ricerca di un codice, le crew di quartiere, i tag per riconoscersi e sentire di esistere.

Published in Amir Issaa

La storia d’amore e passione proibita tra Laila, anglo-araba velata, di fede musulmana, e Mark, non musulmano, figlio di un leader di partito di estrema destra della città di Dover. Laila si racconta con tutte le sue contraddizioni ed insicurezze, schiacciata tra due culture tra loro distanti. Il sesso, seppure proibito, sarà il territorio che i due protagonisti varcheranno con naturalezza e con la sfrontatezza dei loro diciotto anni.

Published in Rania Ibrahim
Page 10 of 10