Leila D
Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

L’associazione si è adoperata sin dal suo nascere per il riconoscimento del genocidio armeno da parte del Parlamento Italiano, obiettivo raggiunto nel 2000, a seguito del lavoro svolto presso tutte le forze politiche e la promozione di diversi convegni per sensibilizzare l’opinione pubblica e parlamentare.
Zatik è impegnata in numerose attività, fra cui ricordiamo: commemorazione del genocidio armeno il 24 aprile di ciascun anno; appello al Parlamento Italiano per la tutela del patrimonio architettonico, artistico e religioso del popolo armeno; presentazione, in occasione di manifestazioni varie di pubblicazioni riguardanti l’Armenia; richiesta e ottenimento di apertura dell’Ambasciata Italiana a Yerevan; incontri con delegazioni armene in Italia; definizione di progetti di ricerca riguardanti la diaspora armena nei paesi dell’U.E.

Pejman Tadayon è nato a Isfahan nel 1977.
Fin da bambino, ha coltivato la sua predisposizione per la pittura e nel 1987 ha realizzato la sua prima opera, sotto la guida del maestro Ustad Nasr, famoso ad Esfahan per essere stato uno dei primi ad usare la tecnica figurativa realista per ritrarre la natura, usando la tecnica ad olio.
Da allora, Pejman ha lavorato molto sulle proprie capacità, arrivando a ritrarre soggetti sempre più complessi, come le complicate architetture della sua città e a soli 17 anni è diventato maestro di pittura presso la scuola del nonno.
Nel suo percorso, non ha mai abbandonato altri interessi: si è iscritto alla Facoltà di Ingegneria, ha studiato come autodidatta la filosofia e la storia dell’arte.
La passione per la pittura è stata, per un certo periodo, sostituita da quella per la musica, in particolare per la musica tradizionale dell’Iran e per alcuni strumenti persiani, come il setar.
Successivamente, però, la sua ricerca è andata oltre: è riuscito a coniugare queste due espressioni, a mettere in una lo spirito dell’altra.
È quindi tornato a dipingere, a sperimentare nuove tecniche e nuovi materiali; nel 2003 si è trasferito in Italia, si è iscritto all’Accademia di Belle Arti di Firenze, ed ha partecipato a varie mostre collettive.
Dal 2003 vive a Roma, continua a studiare pittura e suona nel gruppo curdo-iraniano Sarawan.

Pejman Tadayon
cel. 339 8120101
www.pejmantadayon.com
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Dal 2013 svolgono l’attività di Agenzia di Viaggio con una attenzione particolare al traffico etnico verso le Filippine.I  titolari infatti sono una cittadina filippina ed una cittadina italiana, entrambe impegnate a rafforzare questo ponte tra due paesi così lontani.

Nato in Colombia nel 1960, Alvaro ha studiato Danze folcloristiche colombiane e, successivamente, Tecnica vocale, presso la Scuola popolare di musica, a Roma.
Già nel 1980, ha fondato il suo primo gruppo danza, in Colombia; erano i Chirimia, tuttora esistenti.
Dal 1987 vive in Italia, dove tiene dei corsi di balli latino-americani e di folclore colombiano; inoltre, ha partecipato a vari festival.

Salsa & Latin Dance Music. Uno strumento a fiato di legno simile ad un clarinetto, importato dagli spagnoli in Colombia dà il nome a questa formazione storica nel panorama della musica latina in Italia. Caratteristica del gruppo è di cimentarsi nel vastissimo repertorio della musica e dei ritmi attualmente in voga nel Caribe, dalla salsa al merengue, al bolero, dalla cumbia al cha-cha-cha. Hanno realizzato due lavori discografici per la BMG. Leader storico, fondatore e anima del gruppo è il cantante-ballerino Alvaro Hugo Atehortua Martinez, tra i primi promulgatori di questo genere nella capitale e nel resto della penisola. Al suo fianco il direttore musicale è il pianista cubano Leonardo Perez Guerra.

Il gruppo nasce da un progetto del sassofonista Javier Girotto, che vuole fondere i ritmi del tango con quelli del jazz.
La loro musica richiama chiaramente al grande del tango Astor Piazzola, ma riescono a creare un repertorio del tutto originale.
Partecipano a molti festival musicali, collaborano con importanti artisti italiani, come Paolo Fresu o Peppe Servillo degli Avion Travel, e vengono sempre più apprezzati dal pubblico italiano.
Nel 2006, nel trentesimo anniversario del colpo di Stato in Argentina, esce il loro nono disco, Trentamila cuori, album di memoria e di denuncia.
Il gruppo é così formato: Javier Girotto (sax,flauti andini), Alessandro Gwis (pianoforte), Michele Rabbia (percussioni), Marco Siniscalco (basso).

Nasce nel 1995 dall'incontro fra musicisti italiani e argentini attivi nel campo della musica da camera, con l'intento di diffondere la musica di Astor Piazzolla.
La scelta della formazione a quattro, flauto, piano, violino e violoncello, è finalizzata a evidenziare l'aspetto cameristico della musica del compositore argentino.
Ha partecipato a numerosi festival e rassegne musicali (Festival Mundi, Festival internazionale di musica latinoamericana, Mille e una nota, ecc.) e ha registrato numerose partecipazioni televisive per varie emittenti internazionali.
Fra le incisioni: Musica di Astor Piazzolla, T come tango.

Cucina tipica cubana, cocktails, churrascheria e musica dal vivo ogni giovedì, venerdì e sabato.
Orario: dalle 20 alle 24.
chiuso: lunedì

Associazione che si occupa di diffondere in Italia la cultura latinoamericana, in particolare la musica e il folklore.
Collabora con Tierra Brasili’s, un gruppo composto da ballerini professionisti, che organizza spettacoli per feste di tutti i generi.

Silvia cell. 331 9740791
Riva cell. 339 6440293
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.tierrabrasilis.it

Quest’associazione fornisce un valido servizio di orientamento agli immigrati, non solo latinoamericani: chiarimenti riguardo alla legge sull’immigrazione, alle pratiche per ottenere il permesso di soggiorno e altri documenti. Offre anche un servizio di mediazione fra i lavoratori stranieri e gli italiani che cercano personale di vario tipo, ed in passato ha organizzato corsi di italiano per stranieri.
L’Associazione si appoggia nella Parrocchia S.M. della Perseveranza in Via della Pisana, 95.