L'Associazione Culturale Orchestés nasce a Roma nel 2008 su iniziativa della prof.ssa Marialuisa Sales, danzatrice di formazione classica,  ricercatrice e coreografa. Dalla fondazione ad oggi, in virtù di una programmazione di elevato profilo pedagogico e non commerciale, contraddistinta da un'accurata selezione dei contesti di performance, l'Istituto si è distinto come un ente di rilievo nel panorama culturale ed artistico nazionale. Tra il 2012 e il 2014, ha presentato i propri artisti due volte presso il Museo Nazionale D'Arte Orientale "Giuseppe Tucci" di Roma e presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, il Museo delle Arti del XXI secolo - MAXXI, il Dipartimento Istituto Italiano di Studi Orientali. Annovera tra le sue attività due produzioni per il Teatro Greco di Roma, spettacoli per l'Università degli Studi di Catania e La Sapienza di Roma; conferenze presso l'Università degli Studi di RomaTre e una collaborazione consolidata con la Biblioteca Indologica di Roma (Progetto "India!") e con Vidya Arti e Culture dell'Asia. Ha organizzato e promosso conferenze e spettacoli di  esponenti di prestigio internazionale nel campo della danza classica dell'India - quali Ileana Citaristi, Tiziana Leucci,  Arjun e Anuj Misra, Rosella Fanelli - e di artisti indiani emergenti in Italia (Bharathi Avireddy, Saraswathi Rajatesh, Namrita Rai, Susanta Kumar Moharana, Dr. Vasant Kiran). Dal 2008 l'Istituto ha inoltre divulgato in Italia la Danza di Corte dell'Iran.

Fondata nel 1985 a Milano, l’Ubi Unione buddhista italiana è l’ente religioso buddhista nazionale che rappresenta 34 centri di diverse tradizioni e ha firmato quest’anno con il governo l’intesa, prevista dall’art. 8 della Costituzione, che dà al buddhismo pienezza di diritti come una delle religioni ufficialmente riconosciute e tutelate dallo stato italiano. La sua sede amministrativa è a Roma.

Bibliothé
Biblioteca del Bhaktivedanta Cultural & Educational Library, centro culturale attinente alla realtà religiosa, storica e sociale del subcontinente indiano. E' specializzata in Indologia, con particolare riferimento alle tematiche Vediche, ma i suoi scaffali offrono anche volumi sulla storia politica e socioeconomica dell'India, sulle biografie e sul pensiero dei maggiori esponenti della filosofia e spiritualità indiane, sulle pratiche relative allo yoga e all'ayurveda. Altri argomenti variano dal dialogo interreligioso, alle discipline relative alla sintesi di scienza e religione.
Orario: lun-ven dalle 10 alle 22

Questa libreria, nata dall'idea di un architetto iraniano, è ora solo online.
Possiede una vasta scelta di libri orientali nelle lingue dei principali paesi, quindi libri in lingua araba, persiana, turca, tibetana, cinese e giapponese, albanese, afghana dari, urdu.
Si possono trovare anche libri di testo della facoltà di Studi Orientali dell'Università La Sapienza.
Tra i libri dedicati all’oriente un ricco scaffale è per l’India e agli altri paesi del subcontinente. I titoli vanno dai romanzi ai saggi critici, alle grandi traduzioni, ai libri di medicina o di astrologia indiana e di cucina. Né mancano i dizionari e le grammatiche.
Nonostante gli spazi ridotti del locale si possono trovare, tra gli altri, alcuni titoli della cinematografia indiana ma soprattutto abbondano i cd della musica del subcontinente: da Nusrat Fateh Ali Khan a Ravi Shankar e altri.

La Libreria Pagina 2 è l'evoluzione della libreria Orientalia, e si trova nel cuore del rione Esquilino, a pochi metri da piazza Vittorio Emanuele II. Offre una vasta selezione di narrativa italiana e straniera, libri per ragazzi e saggistica ed ha mantenuto al suo interno un'ampia area specializzata per tutti gli studiosi e gli amanti delle civiltà e delle lingue dei paesi del Medio e dell'Estremo Oriente. Importa testi in lingua direttamente da Cina, Giappone, India e Paesi arabi, in particolare manuali e vocabolari.
Orari: Lun 15.30-19, dal martedì al venerdì 9.30-13 / 15.30-19, Sabato 10-13 / 16-19



via Cairoli, 63
tel. 06 4464956
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.libreriapagina2.it

Biblioteca del dipartimento di  Studi Orientali
Il dipartimento di Studi Orientali possiede una biblioteca che, per l’alta specializzazione, è tra le principali biblioteche orientalistiche d’Italia. Le monografie sono 100.000, i periodici estinti 130, i periodici attivi 560. L’accesso alla sala di lettura è riservato ai docenti, agli studenti della facoltà di Lettere e Filosofia, ai dottorandi e ai borsisti della Facoltà. la biblioteca è attualmente dislocata in due sedi, una all'interno della città universitaria e una presso il dipartimento di Studi Orientali.

 

La Biblioteca Goffredo Mameli, via del Pigneto 22, apre le sue porte il 1 gennaio 2019 dalle 10 alle 13 per offrire ad adulti e bambini uno scorcio di cultura del Subcontinente Indiano: musica indiana, dalle tradizioni più antiche ai canti popolari, l’arte di costruire gli aquiloni che durante le feste riempiono con i loro colori i cieli di tanti paesi dell’Asia, letture animate e un assaggio di cucina indo-pakistana.
Varie attività occuperanno la giornata, dall'ascolto di letture sul tema, alla costruzione di un aquilone in un laboratorio per bambini, e poi Canti della vita delle donne e concerto di musica indiana e bangladese. Ancora musica offrirà l'Accademia di Santa Cecilia con esibizioni e con un bel laboratorio in cui si costruirà uno strumento musicale.

Lunedì 15 aprile 2019 ore 18 alla Biblioteca Nelson Mandela si terrà l'inaugurazione della mostra Magica India fotografie di Marianna Miranda, Patrizia Murgia, Teresa Fusco. Insieme alle autrici delle foto interviene Smiti Tanya Gupta, lettrice di lingua hindi, Istituto di Studi Orientali - Sapienza Università di Roma. L'Associazione culturale Artestudio eseguirà delle letture sceniche di poesie e racconti indiani con le attrici Caterina Galloni, Maria Sandrelli e l’attore Mirko Russo. La mostra si può visitare fino al 3 maggio.

Page 9 of 21