Leila D
Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Sportello di autotutela legale aperto tutti i martedì dalle 18 alle 21. E' uno sportello gratuito ed aperto a tutti, in cui non è necessario esser in possesso di documenti e tramite il quale ci si può accordare con degli avvocati per la risoluzione di problemi specifici, quali le pratiche di richiesta del permesso di soggiorno, i ricorsi per i decreti di espulsione e i problemi legati in generale alle vertenze sul lavoro. Assieme allo sportello è attiva una scuola di italiano per stranieri aperta tutti i lunedi dalle 18 alle 20 e tutti i giovedì dalle 18 alle 20.

 

L'associazione Italia-Bangladesh ha come obiettivo progettare e gestire programmi di reciproco aiuto sopratutto nei momenti di emergenza in seguito ad avvenimenti ambientali catastrofici, reperendo fondi e organizzando forme d'accoglienza. Si propone inoltre di organizzare incontri culturali, corsi, convegni e conferenze in Italia e di organizzare iniziative di conoscenza del territorio attraverso escursioni, ecomusei e centri di educazione ambientale sul posto.

 

Progetto DAVKA nasce nel 2004 dall’amore di Maurizio Di Veroli e Uri Baranes per Israele, la sua cultura e la sua musica. Si interessa della diffusione della cultura di questa nazione, utilizzandone la musica come veicolo per diffondere la conoscenza dei vari aspetti sociali, storici e folkloristici e ponendo la lente d’ingrandimento su questo intrigante melting pot di popoli, esperienze, fedi e idiomi, in un’ottica di confronto sia al suo interno, sia verso la cultura occidentale.

Tutti i mercoledì alle ore 19,30 presso la Biblioteca Rispoli, in piazza Grazioli, 4 si tengono gli incontri del Bibliopersiano. Circolo di lettura Persepolis a cura dell'associazione italo-iraniana Alefba, conversazioni in lingua farsi su temi di letteratura, attualità, arte adatto a tutti i livelli di conoscenza. Gli incontri si svolgeranno tutti i mercoledì dalle ore 19,30 alle 21.

 

Fino al 19 ottobre presso la Biblioteca Rugantino, in via Rugantino 113, si terrà un nuovo ciclo di Cartoni Solidali in Biblioteca. Prima di ogni proiezione, sarà possibile ritirare in biblioteca materiale informativo del Progetto in favore dell'apertura di nuove biblioteche nei paesi del sud del mondo dove il progetto lavora dal 2006 in collaborazione con alcune associazioni romane.

 

La Gabbianella onsul promuove il concorso Tesi di laurea sul Sostegno a Distanza (SaD) in Italia e nel mondo. L'obiettivo è quello di diffondere il Sostegno a Distanza, sollecitando una maggiore attenzione in ambito accademico e favorendo la realizzazione di studi approfonditi sul settore. Il bando è in scadenza al 30 aprile 2011.

Leyla Vahedi è una giovane artista italo-iraniana. Sin da piccolissima sperimenta la pittura nello studio del padre pittore. Al liceo si dedica al collage e organizza mostre e laboratori nell'ambito della Giornata dell'arte studentesca. Laureata in filosofia, negli anni dell'università si avvicina alla pittura a olio e all'incisione. Ha studiato e continua a studiare incisione, anatomia artistica e disegno dal vero presso la Scuola di arti e mestieri S. Giacomo di Roma e in privato.

 

Nato a Teheran nel 1947, Hassan Vahedi si è diplomato in pittura e scultura alla locale Accademia di belle arti. Ha partecipato insieme a letterati ed artisti del suo Paese al gruppo Talere Iran. Giunto in Italia alla fine del 1974, ha studiato pittura con Montanarini e Trotti e scultura con Fazzini e Greco all'Accademia di belle arti di Roma. Risiede e lavora a Roma, dove ha partecipato a numerose mostre collettive e personali in Italia ed all'estero.

 

Fino a lunedì 11 ottobre, all'interno di Villa Borghese, in viale delle Magnolie, si potrà visitare la mostra I nostri silenzi dello scultore messicano Rivelino: una mostra itinerante composta da 10 sculture monumentali di 1 tonnellata di peso ognuna, che vuole essere un omaggio del popolo messicano al popolo italiano in occasione delle celebrazioni per il Bicentenario dell’inizio della lotta per l’Indipendenza ed il Centenario della Rivoluzione Messicana.

 

Olha Polovynets nasce a Herson nel 1977. Pittrice e decoratrice autodidatta si trasferisce a Roma nel 1998 dove studia  l’arte del’affresco e trompe l’oeil. Attraverso la pittura, esprime un profondo e nostalgico legame con la natura di suo paese, ed il fascino dell’essere femminile etereo.