Ristoranti iraniani

La cucina iraniana moderna è frutto di una lunga tradizione, i cui inizi si possono far risalire a 2500 anni fa, quando, con Ciro il Grande, si sviluppò per la prima volta una cucina di corte.
Ancora oggi, molti dei piatti che quotidianamente vengono serviti sulle tavole degli iraniani, sono gli stessi di una volta, fatti di ingredienti semplici, soprattutto riso (polo), carne di pollo (jugé kabab) e agnello (chelo kabab), insaporiti con erbe aromatiche fresche, molto saporite, ma non piccanti. Il moderno stile di vita non ha modificato le abitudini culinarie degli iraniani, e spesso la preparazione dei vari piatti richiede ore ed ore di cottura.
Normalmente, la base del pasto è costituita da riso basmati cotto al vapore, accompagnato da salse di vario genere (dette khoresh), nelle quali si abbinano carni e verdure, ma anche frutta, erbe aromatiche e spezie. Non manca mai lo yogurt, mast, servito di solito con cetrioli e erbe fresche, oppure come bevanda (dough), diluito con acqua e ghiaccio.
Molto importanti sono anche i dolci, shirini, fra cui ricordiamo il gaz, mandorlato persiano, e la frutta, che gli iraniani mangiano in grandi quantità.

Qui a Roma, purtroppo, non c’è molta possibilità di assaggiare piatti persiani; vi segnaliamo, comunque, un ottimo ristorante, una gelateria e un negozio di generi alimentari.