Lipa (tiglio, in tutte le lingue slave) è un’associazione a forte vocazione interculturale, formativa e sociale.
Nasce nel marzo 2003 per iniziativa di sette donne provenienti dai paesi del territorio della ex Jugoslavia, professioniste in Italia che si uniscono a Roma per promuovere l' Interazione tra culture diverse, il rispetto per la diversità, il protagonismo femminile, organizzando incontri che uniscono la creatività e l' impegno civile.
Le socie investono nell’associazione, luogo vissuto come spazio di eccellenza e di propulsione dei valori e delle esperienze condivise, uno sfaccettato patrimonio di professionalità ed esperienze personali accumulato in anni di lavoro nei settori sociale e culturale.

Lipa (tiglio, in tutte le lingue slave) è un’associazione a forte vocazione interculturale, formativa e sociale.
Nasce nel marzo 2003 per iniziativa di sette donne provenienti dai paesi del territorio della ex Jugoslavia, professioniste in Italia che si uniscono a Roma per promuovere l' Interazione tra culture diverse, il rispetto per la diversità, il protagonismo femminile, organizzando incontri che uniscono la creatività e l' impegno civile.
Le socie investono nell’associazione, luogo vissuto come spazio di eccellenza e di propulsione dei valori e delle esperienze condivise, uno sfaccettato patrimonio di professionalità ed esperienze personali accumulato in anni di lavoro nei settori sociale e culturale.
Lipa crede nel fare rete e collabora con: Associazione Italo-Croata, Comunità bosniaca “Bosna u srcu”, Forum per l’intercultura, Ufficio Dossier Statistico Immigrazione della Caritas, Lunaria, associazione Namasté, Master in Immigrati e rifugiati della Facoltà di Sociologia dell’Università di Roma “La Sapienza”, fondazioni “Moravia” e “Lelio e Lisli Basso”, Spes – Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio, CNA, cooperative "Risvolti" e “Nuova Socialità”, ecc.
Lipa organizza laboratori didattico-creativi ed eventi interculturali, seminari e percorsi formativi per insegnanti e operatori, attività di orientamento e di sportello informativo, traduzioni ed interpretariato.

 


L'associazione Lipa ha contribuito alla cultura letteraria della Bosnia Erzegovina con questo progetto editoriale:

Jezeva Kucica - La casetta del Porcospino
Di Branco Copic, traduzione a cura di Manuela Orazi, Luci Zuvela - Associazione LIPA, 2003
La favola in versi “La casetta del Porcospino” è forse una delle opere più significative del vasto repertorio letterario di Branco Copic, ritenuto, insieme a Petar Kocic e Ivo Andric, uno dei maggiori narratori dellaBosnia ed Erzegovina. Un Rodari degli Slavi del Sud che per più di cinquanta anni e una produzione letteraria estremamente fertile, ha cadenzato la vita letteraria dei paesi balcanici. La sua opera per eccellenza, intitolata “La casetta del porcospino”, per giunta di recente tradotta anche in Inghilterra dalla casa editrice Istros Books con il titolo Hedgho’s Home, ha educato con estrema semplicità e chiarezza grandi e piccoli, lasciando una traccia su svariate generazioni.

La favola in edizione cartonata, testo bilingue a fronte, vide luce nella città eterna per la forte volontà di alcune socie fondatrici dell’Associazione Lipa a dispetto di tutte le difficoltà, e da allora cammina con le proprie gambe. Dalla data di pubblicazione ad oggi sono stati realizzati più di 200 laboratori interculturali per varie scuole, due rappresentazioni teatrali, nonché laboratori interrativi rivolti ai genitori e figli. La particolarità dello stile di Copic, che con il suo linguaggio colorito e creativo, pieno di ironia e umorismo, ha sempre elogiato la virtù dei semplici valori quotidiani, nonché l’accurata traduzione hanno reso possibile la divulgazione di questo testo in tutta Italia, nonostante fosse un samizdat.

Il testo, arricchito dalla prefazione di Predrag Matvejevic e dalla postfazione di Vinicio Ongini, è reperibile facendone richiesta all’indirizzo e-mail dell’Associazione Lipa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamando il numero 338 7111916.

Il libro dell’Associazione Lipa è la traduzione di un classico della letteratura infantile dei Balcani, La casetta del Porcospino, dello scrittore bosniaco Branco Copic, il Gianni Rodari bosniaco, presentato in un libro bilingue, con tavole a colori: una favola in versi, ironica e briosa, sulle peripezie del “piccolo” porcospino alle prese con i grandi “pericoli” del bosco.via Raffaele Paolucci, 59


Presidente: Luci Zuvela cell. 338 7111916
Ksenija: cell. 348 9010820
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2223 volte Indietro Ultima modifica il Mercoledì, 24 Aprile 2013 12:08


Print E-mail
Valid XHTML 1.0 Transitional
CSS Valido!
Roma Multietnica 2013 © Tutti i diritti riservati