L’Ambasciata d’Egitto invita all’inaugurazione della mostra d’arte Colours of Egypt. Opere delle artiste egiziane Farida Darwish,Dina Fahmy, Rasha Ghaleb, Farida El Kouni, che si terrà giovedì 2 maggio 2019 alle ore 17 in Via delle Terme di Traiano 13.

Pubblicato in Mondo arabo

Un filo di solidarietà parte dal Pigneto a Roma, attraversa il mediterraneo e arriva fino in Libano dove la onlus Ulaia Artesud sviluppa progetti a favore degli abitanti dei campi palestinesi presenti nel paese, soprattutto donne, bambini e adolescenti. Martedì 30 Aprile 2019 alle 19,30 Le Pigne in testa sarà in collegamento telefonico col campo di Burj El Shemali vicino Tiro per sentire dalle voci dei palestinesi quali sono questi progetti e la vita nei campi.
E' possibile ascoltare il programma presso lo Yeti in via Perugia 4 o in streaming su Radio 32.

Pubblicato in Mondo arabo

Domenica 12 maggio 2019 alle 18.30 in via di Santa Cecilia, 1/a GRIOT presenta Si chiamava Palestina. Storia di un popolo dalla Nakba a oggi di Cecilia Dalla Negra (2019, Aut Aut edizioni). Insieme all’autrice partecipa Costanza Pasquali Lasagni, esperta di questioni mediorientali.

Pubblicato in Mondo arabo

Mercoledì 15 maggio 2019 ore 18 presso la Sala Zavattini di Aamod, via Ostiense 106, verrà proiettato per Cineforum Palestina Jerusalem. The east side story di Mohammed Alatar e Zahrat al madain di Ali Siam. La proiezione è a cura di AAMOD Rete Romana di solidarietà con il popolo palestinese, in collaborazione con Al Ard Doc film Festival.

Pubblicato in Mondo arabo

Domenica 26 maggio 2019 alle ore 19,30 presso YogAyur, via Acerbi 38, Cultura 4You presenta Serata Irachena - The Road to Baghdad, in collaborazione con l'Associazione Culturale Amicizia Iraq Italia e YogAyur. In programma musica dal vivo con Marwan Samer, iraqi Dance con Helena Russo e cena irachena con SmSm.

Pubblicato in Mondo arabo

Sabato 15 giugno 2019 dalle ore 10 alle 11.30 si terrà una visita con una guida esperta alla Grande Moschea di Roma, principale luogo di culto della comunità musulmana a Roma¸ il maggiore in Italia e il piú grande in Europa.

Pubblicato in Mondo arabo

Mercoledì 3 Luglio 2019 alle 19 in Via di Ponte Salario 28 Villa Ada Roma Racconta il Mondo presenta Si chiamava Palestina. Storia di un popolo dalla Nakba a oggi di Cecilia Dalla Negra (Aut Aut Edizioni). Cecilia Dalla Negra che sarà intervistata da Serena Fiorletta, antropologa, esperta di post-colonialismo e studi di genere.  
Il 1948 è l’anno della Nakba, il principio e fine di tutto quanto è accaduto in questa terra così piccola, e insieme così carica di simboli e significati, la catastrofe che vede l’espulsione di migliaia di persone dalla Palestina e la distruzione di centinaia di villaggi a opera del nascente Stato di Israele. A distanza di settant'anni, Cecilia Dalla Negra ripercorre le principali tappe del processo di colonizzazione israeliano, fino a giungere agli eventi attuali segnati dalla “Grande Marcia del Ritorno”, luogo simbolico in cui la storia della Nakba e la sua attualità si incontrano. Integrando alcune testimonianze dirette, il libro segue il cammino di un popolo che ancora oggi resiste al tentativo di annientamento operato da Israele e alle sue strategie di esproprio e repressione.

Pubblicato in Mondo arabo

Fino al 27 luglio 2019 presso la sede espositiva del Centro culturale Islamico della Grande Moschea di Roma in via della Moschea, 85, è possibile visitare la mostra Sguardo a Levante a cura di Cultura4You, Associazione Ibdart-Peace e il Centro Culturale Islamico. Ingresso libero.

Pubblicato in Mondo arabo

Sabato 12 ottobre 2019 dalle ore 20.30 in via delle Quattro Fontane, 21/c l'Associazione Culturale Incontrando invita alla Serata Siriana con musica dal vivo di Saleh Tawil, spettacolo e cena araba.

Pubblicato in Mondo arabo

La libreria Griot, via di Santa Cecilia 1A, presenta sabato 30 Novembre 2019, un Workshop e a seguire concerto di musica araba e ritmi arabi con Hafid Moussaoui (Algeria). Un laboratorio di canto, ritmi e musica araba del Mediterraneo che volge uno sguardo al passato e uno al presente, perché il musicista Hafid Moussaoui è convinto che il linguaggio musicale sia una forma di interculturalità positiva, creativa e pacifica.

Pubblicato in Mondo arabo
Pagina 32 di 38