L'Associazione Comboniana Servizio Emigranti e Profughi nasce circa 30 anni fa con il nome di Associazione Comboniana Studenti Esteri. Fu fondata da P. Renato Bresciani con l'intento di aiutare gli studenti ad inserirsi e studiare in Italia per poi tornare nei loro paesi d'origine. Col passare del tempo l'ACSE è diventata un punto di riferimento per persone immigrate sole o comunque disagiate ed ha cercato di rispondere alle loro richieste d'aiuto, sempre con un occhio rivolto alla loro dignità ed ai loro diritti/doveri.

Associazione di volontariato che opera per tutelare e risolvere le problematiche dei medici ed operatori sanitari di origine straniera in Italia ed inoltre agevolare l'accesso al Servizio Sanitario Nazionale della popolazione immigrata con difficoltà di comprensione della lingua italiana, tramite delle convenzioni con le ASL. Visite di medicina generale, odontoiatriche e specialistiche vengono effettuate da medici di madrelingua russa, croata, macedone, araba, albanese, rumena, inglese, cinese, portoghese e spagnola. 

La Casa dei Diritti Sociali - Focus è un'associazione di volontariato laico, costituita nel 1985, impegnata nella lotta contro l’esclusione sociale e nella promozione dei diritti umani e sociali degli stranieri e dei cittadini italiani a rischio di emarginazione.
Una struttura autogestita in cui sono state sperimentate alcune delle iniziative più interessanti realizzate a Roma negli ultimi anni: i centri di accoglienza rivolti a immigrati, rifugiati e persone senza dimora che hanno posto, ben prima che venisse affermato dalla nuova legge sull’immigrazione, l’esigenza di offrire agli ospiti non solo alloggio, ma anche orientamento, assistenza legale, segretariato sociale, informazione sulle possibilità di lavoro, formazione linguistica, poliambulatorio specialistico con medici di specializzazioni diverse; unità di strada per persone senza fissa dimora, prostitute, tossicodipendenti.

La federazione fu costituita ufficialmente nel 1967 sulla spinta unitaria di larghi settori del protestantesimo italiano, avendo come membri effettivi battisti, luterani, metodisti e valdesi.
Attualmente si può dire che fanno parte della federazione quasi tutte le chiese "storiche" del protestantesimo italiano, più alcune denominazioni evangeliche di origine più recente. La Fcei opera attraverso una serie di "servizi", tra cui un servizio istruzione e educazione, un servizio rifugiati e migranti e un servizio stampa radio e tv.

Il Centro Welcome è un’associazione di volontariato operante a Roma, nel II Municipio, nel settore dell’immigrazione, e, in particolare, nell’ambito del sostegno alle donne immigrate.
Lo scopo del Centro Welcome, è quello di aiutare le donne e i bambini provenienti dai paesi extra-comunitari; favorire, con apposite iniziative, la conoscenza e l’incontro con diverse culture; approfondire la cultura dell’accoglienza e della solidarietà, in particolare presso i giovani; promuovere la partecipazione degli aderenti all’associazione a corsi di formazione; promuovere, amministrare e gestire corsi di formazione professionale, anche per persone extra-comunitarie; favorire con la propria attività di formazione e con il proprio lavoro la crescita delle iniziative di enti locali e di associazioni nei confronti della maternità.

In Migrazione è un'associazione senza scopo di lucro nata nel 2012 dalla volontà di un gruppo di professionisti impegnati nell’accoglienza e nel supporto agli adulti stranieri. Counselor, psicologi, insegnanti di italiano L2, progettisti, antropologi, ricercatori ed esperti di formazione e mediazione culturale che collaborano tra loro da anni e che vogliono trasformare i patrimoni di esperienze e conoscenze personali in un soggetto collettivo, aperto e trasparente.

CReA Onlus nasce nel 2003 con l’obiettivo di promuovere attività formative, culturali e di ricerca nell’ambito della cultura/intercultura, dell’ambiente e del sostegno alla persona. È costituita da professionisti attivi nel campo dell’educazione e del sostegno all’infanzia, all’adolescenza, impegnati a favorire l’integrazione dei portatori di qualunque tipo di differenza e di svantaggio. Gli associati, italiani ed immigrati, hanno da sempre operato nell’ambito dell’intercultura, dell’inserimento dei migranti e del benessere sociale, svolgendo attività di progettazione, realizzazione, monitoraggio, valutazione, supervisione nell’ambito di azioni a favore degli immigrati. L’associazione opera con un approccio improntato alla condivisione di finalità e progetti in un lavoro di ricerca e costruzione del benessere sociale in modo affiancato e paritario, realmente interculturale. L’azione di stretto raccordo con il territorio, attraverso l’adozione del metodo di coordinamento aperto e un approccio bottom-up nella definizione e nella implementazione di strategie di intervento caratterizza l’insieme delle attività dall’associazione di seguito elencate: mediazione interculturale, potenziamento cognitivo (Programma Feuerstein), laboratori didattici, ricerca e formazione continua. CReA si occupa, inoltre, di cooperazione europea.

Archivio Memorie Migranti raccoglie un gruppo di autori, ricercatori, registi, operatori sul campo, migranti e non, impegnati nel tentativo di dare vita a un nuovo modo di comunicare, partecipato e interattivo, che lasci traccia dei processi migratori in corso e, allo stesso tempo, permetta linserimento di memorie “altre” nel patrimonio collettivo della memoria nazionale e transnazionale. L’Amm si compone di due aree di lavoro: il gruppo ricerche, che si occupa della produzione e archiviazione di testimonianze scritte e orali, e il gruppo audiovisivi, impegnato nella realizzazione di produzioni documentarie audio e video.

ZaLab è un’associazione per la produzione, distribuzione e promozione di documentari sociali e progetti culturali. E’ un collettivo di cinque filmmakers e operatori sociali: Michele Aiello, Matteo Calore, Stefano Collizzolli, Andrea Segre, Sara Zavarise. Il video partecipativo è l’officina delle storie. I laboratori di ZaLab si rivolgono a chi vive al margine e normalmente non si esprime con il video, ma che grazie al percorso laboratoriale può diventare autore di racconti inediti sulla realtà. Dal 2006 ad oggi ZaLab ha prodotto e distribuito, in sala e televisione, film documentari pluripremiati a livello internazionale, tra cui: Mare Chiuso di Andrea Segre e Stefano Liberti, Il sangue verde di Andrea Segre, Come un uomo sulla terra di Andrea Segre e Dagmawi Yimer.

Roma, agosto 2010. In un vecchio palazzo senza ascensore, Ilaria sale con fatica i sei piani che la separano dal suo appartamento. Vorrebbe solo chiudersi in casa, dimenticare il traffico e l’afa, ma ad attenderla in cima trova una sorpresa: un ragazzo con la pelle nera e le gambe lunghe, che le mostra un passaporto. «Mi chiamo Shimeta Ietmgeta Attilaprofeti» le dice, «e tu sei mia zia.» 

Pubblicato in Francesca Melandri
Pagina 6 di 77