Venerdì, 03 Febbraio 2017 10:47

Più Culture: migranti nel Municipio II di Roma

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Si potrà visitare fino al 14 aprile 2017 all’Auditorium del Goethe-Institut Rom, via Savoia 15, la mostra fotografica Più culture: migranti nel Municipio II di Roma. Cinquantanove fotografie scattate da giovani fotografi dell’istituto Superiore di Fotografia ISFCI raccontano, attraverso una densa narrazione visiva, le trasformazioni del II Municipio di Roma, protagonista di un processo di immigrazione e integrazione che lo rende specchio di una Roma che cambia.

Si potrà visitare fino al 14 aprile 2017 all’Auditorium del Goethe-Institut Rom, via Savoia 15, la mostra fotografica Più culture: migranti nel Municipio II di Roma. Cinquantanove fotografie scattate da giovani fotografi dell’istituto Superiore di Fotografia ISFCI raccontano, attraverso una densa narrazione visiva, le trasformazioni del II Municipio di Roma, protagonista di un processo di immigrazione e integrazione che lo rende specchio di una Roma che cambia.

Flussi migratori vecchi e nuovi, palazzine occupate, centri diurni e notturni per minori non accompagnati. E poi negozi aperti di notte, botteghe con competenze artigiane, luoghi di culto di fedi diverse e luoghi di passaggio e altri diventati ormai insediamenti stabili, per quanto precari. È un’umanità varia, quella del secondo Municipio. 


Progetto a cura di Piuculture e ISFCI in collaborazione con CNR, Goethe-Institut Rom e Biblioteca Europea.

Con il patrocinio del Municipio II e FOTOGRAFIA festival Internazionale di Roma e il supporto di IDEAFIMIT Sgr.

Testo completo a cura di Veronica Adriani, pubblicato su Piuculture

Auditorium del Goethe-Institut Rom
Via Savoia 15

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Martedì, 14 Febbraio 2017
  • data fine: Venerdì, 14 Aprile 2017
  • Indirizzo: via Savoia, 15, Roma
  • Depubblicazione homepage: Sabato, 15 Aprile 2017
Letto 1977 volte Ultima modifica il Giovedì, 11 Maggio 2017 15:55
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.