Fino a domenica 6 novembre 2016 presso il MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo- Via Guido Reni, 4A sarà possibile visitare la mostra La sabbia nei miei occhi-momenti sudanesi, tratta dall'omonimo libro di Enikö Nagy. L’autrice e fotografa Enikö Nagy ha passato vari anni a raccogliere documenti fotografici e testimonianze orali di momenti della vita quotidiana di oltre 45 tribù e comunità etniche sudanesi, percorrendo un territorio di 30.000 km, per realizzare il suo libro fotografico e letterario in lingua inglese e araba. Un mosaico di immagini e parole, tratte da oltre 26.000 foto e 2.500 brani di narrazioni tradizionali del Sudan.

Pubblicato in Africa

Il romanzo si apre con la decisione del protagonista, l'agente segreto 'Abdallah Harfash, di scrivere un romanzo. 'Abdallah, costretto all'inattività da un brutto incidente durante una missione, si rivolge allo scrittore di successo A.T. perché lo aiuti a mettere in atto il suo progetto. Durante il divertente percorso che dovrebbe portarlo a trasformare le larve di racconti a sua disposizioni in insetti compiuti, però, succede qualcosa di inaspettato: il maestro A.T. scompare. Proprio quando 'Abdallah, deluso e frustrato dall'abbandono di A.T., sta per rinunciare al suo progetto, il maestro ricompare e gli rivela una verità che cambia completamente il rapporto dell'ex-agente segreto con il grande scrittore e con la grande letteratura.

Pubblicato in Amir Tag Elsir

È un giorno di luglio quando Lubna, una giovane giornalista di Khartoum, viene arrestata dalla polizia in un ristorante. Il suo crimine è aver osato portare i pantaloni, un atto che in Sudan, terra della sharia, è considerato oltraggio alla “moralità pubblica” e come tale va punito con quaranta frustate. Lubna e altre quindici donne, colpevoli dello stesso reato, vengono caricate su una camionetta, picchiate, portate in prigione.

Pubblicato in Lubna Ahmad al-Hussein

«Dicono di essere vestite, ma non lo sono. Sono delle depravate, destinate all’inferno. Prendetele, condannatele, frustatele!» Il giovane predicatore tuona dal microfono contro Lubna e le altre donne che, in seguito a una retata, sono state condotte al suo cospetto. La loro colpa: indossare pantaloni. Che, secondo la sharia in vigore in Sudan dal 1989, sono vietati alle donne. La pena per chi infrange la legge sono quaranta frustate. Molte delle “depravate” arrestate quella sera subiscono quell’umiliazione, che brucia più delle ferite, e se ne vanno a testa bassa. A volte, ed è cronaca recente, qualcuna muore.

Pubblicato in Lubna Ahmad al-Hussein

Le nozze di al-Zain (pubblicato nel 1969) racconta le stravaganti imprese sentimentali di un personaggio unico nella letteratura di ogni paese. Alto e sgraziato, due soli denti in bocca, al-Zain si è conquistato sul campo una fama sfortunata, quella di un uomo che si invaghisce perdutamente di ragazze che finiscono sempre per sposare qualcun altro. Non gli manca il buon gusto, visto che «si innamorava solo delle ragazze più belle e attraenti del paese, quelle più educate, e quelle con la parlata più dolce», ma tanto efficace è questa sua paradossale qualità, questo suo disperato talento, che le madri affrante di figlie zitelle lo cercano e lo inseguono, confidando nel suo amore senza speranze per cambiare il destino nuziale di quelle giovani donne dall’incerto futuro.

Pubblicato in Tayeb Salih

Lunedì 17 febbraio alle ore 10 nei locali della Biblioteca Pasolini in viale Caduti per la Resistenza 410/a  Andrea Satta, cantante del gruppo Tetes de Bois, scrittore nonché pediatra presenta il suo libro Ci sarà una volta, raccolta di fiabe di ogni parte del Mondo raccontate dalle mamme dei bambini che frequentano il suo ambulatorio di Valmontone, un presidio sanitario espazio di socializzazione. Il ricavato della vendita del libro viene destinato al Centro Pediatrico di Emergency per i bambini del Campo Profughi Mayo in Sudan. All'evento partecipano tre classi delle scuole elementari di Spinaceto. Emergency sarà presente con un banchetto info-gadgets e presenterà l'attività dell'associazione con una breve proiezione.

Pubblicato in Biblioteche di Roma