Dal 24 novembre al 18 dicembre 2020 alle ore 18 si tiene la manifestazione Occidente verso Oriente. Cina e Giappone, organizzata dall'associazione Art di Bolzano Bozen: 6 conferenze online per conoscere costumi, cultura, musica di altre culture, ampliando l'orizzonte culturale, fornendone la chiave di lettura di altre culture, al fine di arricchire ed essere volano di sviluppo culturale ed inevitabilmente anche economico. Dal 2017 la manifestazione si è svolta in Alto Adige. La prima edizione è stata dedicata al Giappone e ora ritorna con modalità online a illustrare e discutere sul Giappone e sulla Cina. Tutti gli incontri tenuti da selezionati esperti, docenti di prestigiose università italiane o estere hanno un carattere divulgativo.  

Pubblicato in Eventi

Il Museo Nazionale d'Arte Orientale "Giuseppe Tucci" custodisce i reperti degli scavi delle missioni archeologiche italiane in Iran, Pakistan e Afghanistan, oltre che gli oggetti acquistati in Nepal e Tibet da Giuseppe Tucci (uno fra i massimi orientalisti del Novecento) e collezioni di oggetti di vari periodi provenienti dal vicino ed estremo oriente. Nel corso degli anni il patrimonio del museo si è arricchito grazie agli acquisti effettuati dallo stato, a donazioni da parte di privati ed enti, a scambi con vari paesi asiatici. Il museo ospita, inoltre, alcune esposizioni temporanee.
Attualmente i settori visitabili del museo sono: Vicino e Medio Oriente Antico, Islam, Tibet e Nepal, India e Gandhara, Estremo-Oriente (Cina e Giappone).

Settore Estremo Oriente: le collezioni di questo settore offrono al visitatore una eccezionale panoramica sulla creatività e le culture della regione dalla Preistoria al XX secolo. Le culture preistoriche e protostoriche dell’arcipelago giapponese nei periodi Jomon tardo, Yayoi e Kofun (metà del III millennio a.C.-V sec. d.C.) sono illustrate da reperti archeologici provenienti da uno scambio con il Museo Nazionale di Tokyo. Sempre da uno scambio, ma con il Museo Nazionale di Seoul, vengono i vasi di gres con diversi tipi di vetrine ferruginose, del tipo detto in Occidente céladon, che rappresentano la migliore produzione delle fornaci coreane tra il XII ed il XV-XVI sec. (dinastie Koryo e Choson). Di pari importanza è la collezione – donata all’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente dall’ambasciatore Giacinto – di statuine di bronzo a soggetto buddhistico databili dal V al XIV sec. d.C., specchi di bronzo dal IV sec. a.C. al XIV sec. d.C., e da altri preziosi manufatti di bronzo ma di diversa funzione ed epoca, provenienti dalla Cina, dalla Corea e dal Giappone.

Pubblicato in Musei

L’Istituto Giapponese di Cultura in Roma presenta fino a sabato 18 febbraio in via Antonio Gramsci 74, la mostra Aquiloni e trottole dal Giappone, una forma d’arte desueta e affascinante, densa di valenze folcloriche e di riferimenti culturali. I circa cinquanta pezzi in mostra, raccolti sul territorio nazionale, forniscono preziose informazioni sull’ethnos del Giappone, con le varianti locali e i richiami alle ricorrenze stagionali. Sapienza costruttiva, materiali non artefatti come legno e carta e colori vivi incontrano levità e gioco in un’espressione che in Giappone, sullo sfondo di un immaginario ludico hypertech, è ancora sorprendentemente attuale e perpetuata. Ingresso libero.

Pubblicato in Giappone

Il Museo Nazionale d’Arte Orientale Giuseppe Tucci, Via Merulana 248, invita sabato 3 marzo ore 17 ad assistere alla tradizionale Cerimonia del Tè - chanoyu presieduta da Michiko Nojiri, Maestra del Tè del Centro Urasenke, una delle maggiori scuole giapponesi di Cerimonia del Tè. A partire dalle ore 16.30 si potrà usufruire del biglietto d'ingresso al Museo al prezzo ridotto di 3 euro. Per la Cerimonia de Tè l’ingresso in sala sarà consentito fino ad esaurimento posti.

Pubblicato in Giappone

A un anno di distanza, l'Istituto Giapponese di Cultura, via Antonio Gramsci 74, in Roma propone fino al 5 maggio una serie di eventi incentrati sulle regioni colpite dal terremoto-tsunami, per ricordare, per ringraziare, per proseguire.  Tra le iniziative in programma una mostra fotografica, una rassegna video, conferenze sul terremoto e sulla ricostruzione.

Pubblicato in Giappone

Fino a sabato 14 aprile, torna alla Galleria 291 Est, Viale dello Scalo San Lorenzo 45, il movimento dei Nudisti Timidi, creazione “paranormale” dell'artista visivo giapponese Gun Kawamura, a cura di Vania Caruso. L’artista Gun Kawamura matura la sua visione, allarga le frontiere del movimento e ama farci sorridere o ridere delle nostre umane debolezze, in rappresentazioni parossistiche ma specchio reale di una timidezza relativa “la fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà”? Vernissage domenica 1 aprile alle ore 19.

Pubblicato in Giappone
Martedì 21 maggio alle ore 19, presso Doozo art books & sushi, verrà inaugurata la mostra Due scuole, una via: kadō, l’arte giapponese di disporre i fiori, che rimarrà allestita fino a domenica 26 maggio.
Pubblicato in Giappone

Fino al 31 luglio presso l'Istituto Giapponese di Cultura, via Antonio Gramsci 74, si terrà la mostra fotografica sulla scultura buddhista in Giappone con la proiezione dei video on demand L’incontro di kami e Buddha; Dal mondo terreno alla Terra Pura; Kyoto e Nara. 30 pannelli fotografici, trenta capolavori del patrimonio artistico mondiale. Ingresso libero.

Pubblicato in Giappone

Debutta al Teatro Argentina di Roma il venerdì 4 ottobre 2013 alle 21 e sabato 5 ottobre alle 19, in versione integrale, la pièce teatrale Doppio suicidio d’amore a Sonezaki con pellegrinaggio ai luoghi sacri di Kannon ('Sonezaki shinju tsuketari Kannon meguri') tratta dall’opera del drammaturgo Chikamatsu Monzaemon (1653-1724). L'Istituto di cultura giapponese, via Gramsci 74 organizza inoltre fino al 5 ottobre alcune attività collaterali allo spettacolo.

Pubblicato in Giappone

Fino a sabato 14 dicembre 2013, presso l'Istituto Giapponese di Cultura di Roma, via Antonio Gramsci 74, si potrà visitare una mostra dedicata a Un tesoro svelato dell'Ukiyo. Stampe della Collezione della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (ex Fondo Contini) a cura di Giovanni Peternolli, Alessandro Guidi, Manuela Moscatiello del Centro Studi d’Arte Estremo-Orientale, Bologna. Conferenza introduttiva lunedì 4 novembre 2013 dalle 17,30.

Pubblicato in Giappone
Pagina 8 di 21