Dagli anni Venti agli anni Cinquanta del secolo scorso l’Iran, paese fortemente tradizionalista e con un impressionante tasso di analfabetismo, conosce un periodo di modernizzazione poco noto a noi occidentali. Il primo motore di questa apertura alla modernità è Reza Khan, diventato scià grazie a un colpo di Stato che limita il potere temporale dei religiosi, istituisce l’istruzione obbligatoria aprendo scuole in maniera capillare, e proibisce l’uso del chador.

Pubblicato in Parisa Reza

Le poesie raccolte nel presente volume, unitamente alle prose di narrativa autobiografica e di meditazione sul senso del poetare che lo concludono, restituiscono un ritratto dinamico dell’autore attraverso tutte le fasi della sua produzione. Ad ogni pagina, anche aprendo a caso, si celebra l’incontro con qualcosa come un monile o una pietra preziosa.

Pubblicato in Arsenij Tarkovskij

Italia le cosiddette Primavere arabe del 2011 sono state spesso analizzate da commentatori e giornalisti solo come inaspettati scoppi di violenza o come il risultato di giochi di potere tra Stati occidentali. La miopia di un pensiero appiattito su posizioni islamofobe ci ha impedito di conoscere davvero chi scendeva nelle piazze di Tunisi, del Cairo o di Damasco: una giovane generazione che chiedeva libertà, rimettendo in discussione appartenenze politiche, religiose e di genere.

Pubblicato in AA.VV

Antologia che raccoglie i versi più significativi di Tagore composti sui temi a lui più cari: la vita, la morte, Dio, il dolore, la gioia. Il poeta celebra soprattutto l'amore, con sensibilità tutta orientale: una sintesi di amante e amato, vicina a Dio o identificabile con Dio stesso, un sentimento tormentoso e insieme vitale, che muove energie che investono la realtà intera e il cosmo. Come ha scritto W.B. Yeats, Tagore, al pari della civiltà indiana, ha realizzato la sua pienezza nello scoprire l'anima e nell'abbandonarsi alla sua spontaneità.

Pubblicato in Rabindranath Tagore

Giovedì 12 e venerdì 13 maggio 2016, si terranno le due giornate del Simposio internazionale From the roots to the flowering branches of Japanese Literature, organizzato in collaborazione con l'Istituto Giapponese di Cultura e l'Associazione italiana per gli studi giapponesi (Aistugia). Per l'occasione, giovedì 12 maggio il Principe e Principessa Akishino incontrano gli studenti presso l'aula magna del Palazzo del Rettorato, piazzale Aldo Moro 5. La seconda giornata si terrà venerdì 13 maggio 2016 dalle ore 10 presso l'Istituto Giapponese di Cultura in Roma, via Antonio Gramsci 74.

Pubblicato in Giappone

Venerdì 6 aprile 2018 alle ore 18.30 presso l'Istituto Giapponese di Cultura via Antonio Gramsci 74, in collaborazione con Festival Incroci di Civiltà e Sellerio Editore, lo scrittore-performer Furukawa e lo yamatologo-traduttore Coci parlano dei vent’anni di letteratura di uno degli autori contemporanei più amati e originali del Giappone contemporaneo. Ingresso libero fino a esaurimento posti dalle 17 alle 18.30 è visitabile la mostra bibliografica a tema in edizione limitata. In biblioteca.

Pubblicato in Giappone

Il venditore del tempo è un'ampia selezione antologica della prima e più celebre raccolta del poeta di Baalbek, in dialetto arabo-libanese, qui pubblicata per la prima volta in traduzione con testo a fronte in una lingua straniera. Con quest'opera, vincitrice nel 1972 del premio "Said Aql" (Libano), Haidar offre un valido contributo ai dibattiti sulla modernità poetica e sul linguaggio della letteratura nel Libano contemporaneo.

Pubblicato in Talal Haidar

Siria, 1980. Il regime di Hafez al-Assad reprime ferocemente i tentativi di insurrezione, sfociati anche in un fallito attentato contro di lui, organizzati dalla leadership sunnita. Le famiglie siriane, famiglie normali, con i loro amori, speranze e tradimenti, sono strette tra il fondamentalismo e un regime poliziesco e corrotto. Una giovane universitaria, cresciuta in un’antica casa tradizionale nel cuore di Aleppo sotto l’influenza conservatrice dello zio Bakr, aderisce alla causa per la caduta del regime e diviene un’attivista convinta.

Pubblicato in Khaled Khalifa


Carré di agnello con Don Chisciotte , bistecca di tonno con Moby Dick , manzo di Kobe con L'adolescente . E' il 2037, l'unica carta stampata è quella delle banconote e leggere significa dar fuoco ai libri per cuocervi sopra cibi prelibati.

Pubblicato in Vladimir Sorokin

Una raccolta poetica di Antonio Arévalo – artista a tutto tondo, considerato uno dei maggiori intellettuali della cultura cilena (e sudamericana) contemporanea – che racchiude i versi scritti tra il 1980 e il 2016.

Pubblicato in Antonio Arévalo
Pagina 14 di 28