Giorgia DM
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Locale completamente arredato con mobili messicani, per ricreare l’atmosfera calda e colorata di quei posti.
Anche la cucina è tipica, con i suoi sapori piccanti, ed i pasti sono sempre accompagnati da ottime birre e cocktails, oltre che da un sottofondo di musica latinoamericana.
Martedì, musica dei Mariachi dal vivo.

Comunità che svolge varie attività, pastorali e sociali, fra cui: incontri settimanali di preghiera e dialogo, catechismo, coro, corsi di chitarra; assistenza sociale, in collaborazione con la Caritas; assistenza legale, da parte delle ACLI; corsi di italiano.
La Messa in spagnolo si celebra la seconda e la quarta domenica del mese alle 16 mentre quello in italiano la prima e la terza domenica alle 11.30

In questa chiesa si celebra la Messa in spagnolo, la domenica alle 19.
Sempre la domenica, fra le 16 e le 19, si organizzano varie attività formative (corsi di italiano e di inglese, oltre a corsi di danza e folclore andino) e religioso (catechesi, corsi sulla Bibbia).
Si tratta in realtà di un dislocamento del Centro latinoamericano Santa Maria della Luce, il cui responsabile è Padre Antonio Guidolin.

Presso questa parrocchia si celebra la Messa in lingua spagnola, tutte le domeniche alle 17.

La chiesa anglicana accoglie la comunità latinoamericana dal 1992, proponendo iniziative spirituali e sociali: celebra la messa, ogni domenica alle ore 13.00, in lingua spagnola, fornisce sostegno legale e sanitario, prima accoglienza agli immigrati, organizza campionati di calcio e di pallavolo e promuove lo scambio con altre associazioni di stranieri. Inoltre, si organizzano anche varie attività ricreative, come feste per bambini, riffe, cene collettive.
Le musiche della messa sono a cura del gruppo folcloristico ecuadoriano Matices.
Presso la chiesa è attivo anche un centro per rifugiati provenienti da tutto il mondo, dove ricevere informazioni di vario genere.

Tabanka è il termine con cui si designa il luogo d’incontro nei villaggi dell’Africa occidentale, regione da dove provengono le principali etnie che hanno popolato nel corso di tre secoli l’arcipelago di Capo Verde, ma è anche miscela sincretica di musica , danza, allegorie del potere, rituali religiosi.
In altre parole, è uno dei simboli dell’identità culturale di Capo Verde, frutto dell’incrocio tra popoli e culture, tra Africa e Occidente.
Tabanka Onlus è stata costituita nel 2004 da capoverdiani che vivono da anni in Italia, capoverdiani della Diaspora, della seconda generazione o residenti a Capo Verde e da amici e professionisti italiani innamorati delle Isole di Capo Verde, tutti già coinvolti nel mondo dell’associazionismo e della cooperazione.
L’associazione intende impegnarsi da un lato nella cooperazione allo sviluppo integrato delle isole, dall’altro per la diffusione della cultura capoverdiana in Italia e nel mondo.
In particolare si interessa di elaborazione e realizzazione di progetti di cooperazione sociale, economica e culturale a Capo Verde; promozione in Italia della cultura capoverdiana attraverso manifestazioni, incontri, pubblicazioni e editoria multimediale; ideazione e gestione di iniziative sui temi dell’ emigrazione e dell’intercultura; interscambio culturale con la diaspora capoverdiana; formazione dei giovani della seconda generazione.

Sede c/o Archivio dell'Immigrazione
viale delle Milizie, 108
cell 347 0800958 - 339 1737455
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tabanka.org

Aminata Fofana nasce in Guinea e trascorre l'infanzia immersa nella vita tribale del suo piccolo villaggio.
La sua vita è segnata profondamente dalla figura del nonno, grande uomo di "ginnah bjè", magia bianca, sciamano della tribú.
Appena adolescente, Aminata lascia con la sua famiglia la vita incontaminata del villaggio e si trasferisce a Kindia, una città alle porte della capitale Conakry, per poi stabilirsi in Europa, dove inizia la sua carriera prima di modella e poi di cantante.
Da anni vive a Roma e "La luna che mi seguiva"(Einaudi, 2006) è il suo primo libro scritto direttamente in italiano, lingua da lei adottata.

Di etnia mandinga, Lao Kouyate è nato a Thievallao, un piccolo villaggio del sud del Senegal, da una famiglia di musicisti e cantanti griot. Suona la kora, il bafalon e il doumdunba. Dopo un’intensa carriera in Africa, iniziata già in tenera età suonando, cantando e vendendo kore ai turisti di passaggio, emigra in Europa. Il suo percorso artistico vanta la partecipazione a diversi festival e importanti collaborazioni per la realizzazione di cd con diversi artisti africani in Italia e all’estero. Ha collaborato anche con musicisti italiani come i Mau Mau, celebre gruppo torinese.
Attualmente vive a Roma esibendosi con la sua band Lao Kouyate African Trio (formata da kora, voce, basso e batteria) in vari locali e manifestazioni. La sua musica, oltre alla tradizione africana, sempre curata nei particolari, abbraccia vari stili, spaziando dal jazz al blues e al reggae. Il suo primo cd si intitola Pourquoi tout ça?.

cell: 333 1007040 - 333 5093667
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.myspace.com/laokouyate
www.laokouyate.wordpress.com

Il gruppo African N’diguel, nato a Roma per volere dei suoi 12 artisti, intende far conoscere la propria cultura africana attraverso le sue numerose espressioni.
E’ un progetto culturale che vuole mettere in risalto i suoni, il linguaggio del corpo, i colori, i costumi, attraverso musiche e danze tradizionali che trascinano il pubblico verso una magia e un’emozione irripetibili.
I musicisti: Lamine, Ismaila, Alfha, M’Beba. I ballerini:Jean, Odete, Mami, Goundò, Dieynaba, Cheickh.
Tanti sono gli strumenti che vengono usati dal gruppo: djembe, kenkeni, sangban, tama, doumdoum. Ecco alcuni ritmi: sabar, che prende il nome dallo strumento che si usa per accompagnare questa musica e questa danza. Il Sabar è una festa che viene fatta nella piazza principale del villaggio e tutti cominciano a ballare per strada; surubà, un ritmo spesso suonato nelle feste per le battute di caccia. Serve a spingere i giovani a gareggiare nella danza.

Info e contatti:
346 7745047 - 389 9890139
Ufficio stampa:
Francesca Rasi cell. 338 2556025

Per informazioni sui gruppi musicali ci si può rivolgere a questa associazione.

tel. 06 89360760 - 335 6109670
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.mousyworldmusic.com

Pagina 329 di 330