Giorgia DM
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giovedì 31 ottobre 2019 dalle 11 alle 16.30 presso la Sapienza Università di Roma - Aula Organi Collegiali - Palazzo del Rettorato, in piazzale Aldo Moro, 5 è previsto il seminario nazionale L'impegno delle università per i rifugiati. Presentazione del Manifesto dell'università inclusiva.

Mercoledì 30 ottobre 2019 alle ore 18,30 in Via IV Novembre 157/b si terrà il terzo e ultimo incontro del secondo ciclo di 3 lezioni e pratiche mensili d yoga a cura del Coordinamento Lazio di Y.A.N.I. - Yoga Associazione Nazionale Insegnanti; a guidare questo appuntamento sarà Gioia Lussana. All'inizio dell'incontro la breve lezione introduttiva sarà su "La vitalità cosciente nello yoga non duale", seguirà poi la pratica, che si concluderà con un tè o una tisana da consumare insieme. Questa iniziativa nasce dall'incontro sul tema della pace tra i principi di Emergency, che oltre alle cure mediche ha come obiettivo principale la diffusione di una cultura di pace, e uno degli scopi della pratica yoga di coltivare la pace interiore  per promuovere lo spirito di fratellanza e interconnettere gli esseri umani tra loro.

In viaggio dal mondo arabo verso l'occidente, per trovare asilo e un nuovo inizio: uomini e donne che incrociano i loro destini per fuggire dal passato e si scontrano con l'illusione del futuro, la possibilità del fallimento. Corriere di notte ha la forma di un romanzo epistolare atipico e struggente che raccoglie l'ultima lettera scritta da ciascun personaggio: un clandestino albanese scrive alla donna amata, un'amante aspetta il suo uomo in una camera d'albergo, un ex carceriere in fuga si rivolge alla sua famiglia, una donna racconta al fratello che la loro madre è morta, un giovane omosessuale si dichiara al padre.

Bulbul ha appena perso il padre, che giace in un ospedale di Damasco. L'ultima promessa che gli ha fatto è stata di seppellirlo accanto alla sorella nel suo paese natale, vicino ad Aleppo. Solo quattrocento chilometri, ma a separare le due città c'è un solco ben più profondo: Damasco infatti è sotto il controllo del regime di Assad, mentre Aleppo è nelle mani dei ribelli. Viaggiare dall'una all'altra con una salma si rivela presto un compito molto arduo, che Bulbul condivide con il fratello Huseyn e la sorella Fatima.

Diciannove storie dedicate alle protagoniste silenti della rivoluzione siriana. Presenti numerosissime sul campo, spesso in prima fila, le donne siriane hanno dovuto combattere non solo il Regime, l’Isis e i ribelli islamici ma l’intera società patriarcale. «In questo libro le donne non pretendono di possedere la verità» scrive Samar Yazbek accingendosi a lasciare la parola alla voce e allo sguardo delle sue testimoni. Le storie da lei raccolte dall’inizio della guerra civile siriana nel 2011 sono di donne provenienti da famiglie della classe media, mogli, studentesse universitarie, insegnanti, giornaliste. Quasi tutte per sfuggire alla persecuzione e alla morte sono uscite dalla Siria e si trovano ora nei paesi confinanti o in Europa. Consapevoli che non faranno mai ritorno in patria vivono immerse in una forte nostalgia e in una grande costernazione per la perdita di umanità e per le tragiche condizioni in cui versa oggi il loro paese, diviso e abbandonato anche dalla comunità internazionale.

In un mondo di fantasia molto simile al nostro, una giovane donna di nome Amalantis viene arrestata per aver posto una semplice domanda: "Chi è il prigioniero?". Quando Amalantis scompare all'improvviso, Karnak, il suo fidanzato, comincia a cercarla ovunque. È un tentativo disperato e affannato, che sfocia in una consapevolezza crescente: per ritrovarla, deve prima comprendere il senso della sua domanda. La ricerca lo conduce così nei meandri di un mondo spaventoso, dove regnano menzogne, soprusi e paura, e al cui centro si staglia la Prigione.

Domenica 3 novembre 2019 dalle ore 11 alle 22:45 presso l'Auditorium Parco della Musica in viale Pietro de Coubertin, 30 è previsto il Dipavali Festival, la Festa Induista della Luce. Durante l’intera giornata si svolgeranno workshop e incontri per conoscere l’arte e la cultura indiane. A partire dalle 11, si terranno una serie di laboratori di musica, canto, recitazione e danze indiane. La cerimonia d’inaugurazione sarà alle 18:30, con un magnifico spettacolo pirotecnico e assaggi di cucina indiana. Seguiranno quindi altri concerti ed eventi.

Lunedì 28 ottobre 2019 alle ore 18 presso l'Ambasciata dell'India, in via XX Settembre, 5 è prevista la presentazione del libro In altre parole, altri mondi di Javed Akhtar e l'incontro con l'autore. Letture in urdu e italiano in occasione della prima traduzione italiana delle sue poesie.

Sabato 26 ottobre 2019 alle ore 21 presso la Galleria Sonora in via Trebula, 5 è prevista una serata dedicata alle poesie del mistico e alla sua visione verso la musica e le danze Sufi. Le poesie verranno lette in persiano ed in italiano accompagnate da musiche tradizionali persiane a cura di Pejman Tadayon.

Giovedì 24 ottobre 2019 alle ore 21 presso l'Apollo 11 in via Bixio, 80/a è prevista la proiezione in anteprima nazionale del film Don't Forget to Breathe di Martin Turk (Italia/Slovenia, 2019, 90’). Al termine della proiezione il regista e gli attori incontrano il pubblico.

Pagina 5 di 297