Venerdì, 17 Gennaio 2014 11:53

Il teatro turco del Karagöz

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nell’ambito delle iniziative per la mostra Il principe e la sua ombra burattini e marionette tra Oriente e Occidente dalla Collezione di Maria Signorelli (18 dicembre 2013 – 5 marzo 2014) giovedì 23 gennaio 2014 alle ore 17 presso il Museo Nazionale di Arte Orientale G. Tucci in via Merulana, 248, si terrà la conferenza Il teatro turco del Karagöz di Michele Bernardini (Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"). La conferenza sarà dedicata all’origine e alla diffusione di questa particolarissima forma di teatro delle ombre che è nata molto probabilmente su un modello indonesiano in ambito egiziano e si è poi sviluppata in Turchia a partire dal XVI secolo.

Nell’ambito delle iniziative per la mostra Il principe e la sua ombra burattini e marionette tra Oriente e Occidente dalla Collezione di Maria Signorelli (18 dicembre 2013 – 5 marzo 2014) giovedì 23 gennaio 2014 alle ore 17 presso il Museo Nazionale di Arte Orientale G. Tucci in via Merulana, 248, si terrà la conferenza Il teatro turco del Karagöz di Michele Bernardini (Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"). La conferenza sarà dedicata all’origine e alla diffusione di questa particolarissima forma di teatro delle ombre che è nata molto probabilmente su un modello indonesiano in ambito egiziano e si è poi sviluppata in Turchia a partire dal XVI secolo.

L'ingresso in sala è consentito fino ad esaurimento posti.

Dalle ore 16,30 alle ore 17,00 si potrà usufruire del biglietto d'ingresso al Museo al prezzo ridotto di € 3,00
 
per maggiori informazioni e per scaricare la locandina cliccare su http://goo.gl/4MbwDj

MUSEO NAZIONALE D’ARTE ORIENTALE ‘Giuseppe Tucci’
via Merulana 248
Tel. 06 469748 – fax 06 46074837

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Giovedì, 23 Gennaio 2014
  • data fine: Giovedì, 23 Gennaio 2014
  • Indirizzo: via Merulana 248 - Roma
Letto 1707 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Gennaio 2014 10:49
Show Street View
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.