Venerdì, 13 Gennaio 2017 11:36

Percorsi per la formazione, il lavoro e l’integrazione dei giovani migranti

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Italia Lavoro attua, per conto del Ministero del Lavoro – Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione - il progetto dal titolo “Percorsi per la formazione, il lavoro e l’integrazione dei giovani migranti”, che si propone di sviluppare una azione pilota volta a sperimentare un modello di intervento di integrazione, empowerment e inserimento socio lavorativo dei minori stranieri non accompagnati in fase di transizione verso l’età adulta e giovani migranti. I giovani fino ai 23 anni, che siano entrati come minori non accompagnati, devono candidarsi entro fine gennaio.

Italia Lavoro attua, per conto del Ministero del Lavoro – Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione - il progetto dal titolo “Percorsi per la formazione, il lavoro e l’integrazione dei giovani migranti”, che si propone di sviluppare una azione pilota volta a sperimentare un modello di intervento di integrazione, empowerment e inserimento socio lavorativo dei minori stranieri non accompagnati in fase di transizione verso l’età adulta e giovani migranti. I giovani fino ai 23 anni, che siano entrati come minori non accompagnati, devono candidarsi entro fine gennaio.

La UNSIC di Roma, con sede in via Angelo Bargoni n.78, sta selezionando giovani migranti da inserire nel percorso di formazione-lavoro di cui sopra, che avrà una durata pari a circa 8 mesi e partirà nel gennaio-febbraio 2017. I ragazzi saranno impegnati in 5 mesi di tirocinio (a partire dal mese di marzo 2017) e riceveranno un compenso pari a 500,00 euro mensili.

Quali sono le figure ricercate:

Giovani migranti, entrati come minori non accompagnati, che non abbiano compiuto 23 anni d’età alla data di avvio del tirocinio, ivi compresi i richiedenti e i titolari di protezione umanitaria o internazionale, in condizione d’inoccupazione o disoccupazione.
Ai fini della partecipazione alle attività il destinatario deve risultare censito nella banca dati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione generale dell’Immigrazione e delle Politiche di integrazione. In difetto di tale circostanza, il requisito dell’ingresso in qualità di minore non accompagnato dovrà essere comprovato attraverso attestazione formale del Comune che ha avuto in carico il giovane.

E' necessario il possesso del Permesso di Soggiorno.

Si richiede una buona conoscenza della lingua italiana.

Al fine di redigere un profilo del destinatario, si necessita inoltre del curriculum del ragazzo o comunque di indicazioni in merito alle sue competenze linguistiche, eventuali esperienze formative e lavorative pregresse ed aspettative del giovane.

Per qualsiasi ulteriore informazione dott. Tommaso Usseglio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 901 volte Ultima modifica il Martedì, 31 Gennaio 2017 14:53
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.