Giorgia DM
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Quali sono le caratteristiche che useremmo e quante ci sentiremmo di condividere liberamente con gli altri? Quali elementi della nostra identità invece riterremmo di dover nascondere per non essere bersaglio di atteggiamenti di diffidenza, rifiuto o addirittura di odio? Queste domande, già complicate per gli adulti, possono diventare estremamente complesse per chi, nel difficile percorso di crescere, sentirà la necessità di collocarsi in schemi facilmente riconoscibili e, in qualche modo, socialmente “accettabili”. Vorrà essere, in parole povere, “normale”.

Dal 16 al 28 settembre 2020, l'Accademia di Romania in Roma, con l’appoggio dell'Istituto Culturale Romeno, organizza la mostra d’arte contemporanea "In between repetition and variation" dell'artista Lucia Ghegu, borsista “Vasile Pârvan” per l’anno in corso. Le opere dell'artista propongono una visione introspettiva e radicale del suo rapporto con la famiglia, la casa, gli spazi e le interazioni umane. Spesse volte Lucia Ghegu crea ed elabora delle case immaginarie, delle gabbie, nonché dei ritratti di familiari e delle rappresentazioni di sé. La sua storia personale si riflette nella pratica artistica, in stretta connessione con nozioni tali la comunità e l’migrazione. Sono ricorrenti nelle sue opere concetti come appartenenza, alienazione e memoria. La mostra sarà inaugurata il 16 settembre 2020, alle ore 18:00. Il numero di visitatori sarà limitato e l'accesso avverrà su prenotazione.

A partire da giovedì  17 settembre 2020 presso l'anfiteatro della Casa delle Arti e del Gioco di Via Policastro 34 si tiene la rassegna cinematografica che ha per tema il cinema migrante, i diritti delle donne e film educativi per ragazzi. La rassegna è una delle iniziative promosse dal progetto EduCare, realizzata in partenariato con Amref e Maestri di Strada di Napoli, con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri- Dipartimento per le politiche della famiglia. Il progetto avrà la durata di 6 mesi  e prevede una serie di azioni per l’empowerment dell’infanzia e dell’adolescenza.

A partire dal 6 ottobre 2020 Cidis propone un corso di 40 ore di microlingua per approfondire il linguaggio della patente di guida. Il corso è rivolto a donne straniere residenti a Roma e si tiene il martedì e il giovedì dalle 16 alle 18.

Lo Sportello Cidis di informazione ed orientamento per cittadini stranieri è attivo online su Skype ogni giovedì pomeriggio dalle ore 14 alle 18. Lo Sportello è aperto al pubblico SOLO SU APPUNTAMENTO chiamando al numero
06 483066 o scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fino al 3 ottobre 2020 sono aperte le iscrizioni al corso formativo online sugli shock culturali Affrontare e gestire la relazione interculturale, promosso dalla Fondazione Intercammini. Il corso è riconosciuto sia presso il CROAS che presso la Facoltà di laurea in mediazione linguistico interculturale dell'Università Sapienza di Roma.

Sabato 26 settembre 2020 alle ore 16:00 presso la Casa Internazionale delle Donne in Via della Lungara 19, si tiene l'incontro Kosovo. Ruanda. Il riscatto. Di seguito il programma.

Dal 24 al 27 settembre 2020 alle ore 23 presso il Cinema Farnese, in Piazza Campo de' Fiori, 56, si tiene Flowers of Taiwan II, organizzato da Asiatica Film Festival - Incontri con il Cinema Asiatico: la grande storia del cinema di Taiwan dagli anni ‘60 ad oggi in quattro giorni al Cinema Farnese. Ingresso libero fino ad esaurimento posti, tutti i film in lingua originale sottotitolati in italiano. Di seguito il programma.

Dal 1 al 4 ottobre 2020 dalle 17 presso i Giardini del Verano in Piazzale del Verano si tiene il Falastin Festival promosso dalla Comunità Palestinese di Roma e del Lazio, con musica, cultura, dibattiti e cucina.

Domenica 13 settembre 2020 alle ore 18.30 in via di santa Cecilia, 1/a il Circolo di Lettura di GRIOT torna in libreria per la discussione su Contro un mondo senza amore della scrittrice palestinese-americana Susan Abulhawa. I posti in libreria sono solo 8, per chi vuole partecipare da remoto è previsto il collegamento via Gotomeeting.

Pagina 2 di 331