Domenica 13 settembre 2015 appuntamento alle 17 al pontile di Ostia per la manifestazione Benvenuti su questa spiaggia! a sostegno di quanti fuggono da Paesi in guerra, dalla fame e cercano rifugio in Europa. Si svolgerà una commemorazione per ricordare le migliaia di persone morte nel tentativo di approdare alle nostre spiagge. Successivamente, con l'intervento dei volontari de "La Scuola di Pace" - associazione che assiste i bambini colpiti da calamità naturali o da guerre - si svolgeranno attività ludiche per i piccoli, mentre gli adulti potranno ricevere informazioni sulla situazione in Siria e sui motivi che spingono all'esodo migliaia di siriani.

Pubblicato in Appelli e campagne

Proseguono fino al 18 dicembre, giornata mondiale per i diritti dei migranti, i presidi nelle piazze italiane di Milano, Palermo, Torino, Messina per chiedere con forza i necessari cambiamenti delle politiche migratorie europee e globali. Giovedì 17 dicembre 2015 a Roma Largo Argentina dalle ore 18 alle 19. Ogni giorno le vite di migliaia di donne e uomini in fuga vengono messe a rischio, i diritti umani e civili di profughi e migranti calpestati e la libertà di movimento annullata.

Pubblicato in Appelli e campagne

Il 18 dicembre del 1990 l’assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la “Convenzione Internazionale sulla Protezione dei Diritti dei Lavoratori Migranti e dei Membri delle loro Famiglie” e nel 2000 l'ONU ha proclamato ufficialmente questa data come la Giornata Internazionale dedicata ai Migranti. Il coordinameto rifugiati e migranti di Amnesty International, sezione italiana, vuole celebrare questa giornata attraverso una fotopetizione, invitando tutti a fotografare i loro piedi, o le loro scarpe, aggiungendo l'hashtag #soseurope e postare la foto su questa pagina o sulle loro bacheche.

Pubblicato in Appelli e campagne

I volontari del centro spontaneo di accoglienza Baobab di Via Cupa, visto l'alto afflusso di migranti rifugiati, chiedono aiuto per reperire beni di prima necessità per garantire un minimo di assistenza, nella assenza di provvedimenti pubblici. Mercoledì 6 luglio 2016 tra le 18 e le 20 è stato organizzato un punto di raccolta in Via Federico Borromeo 33 per portare poi quanto ricevuto a Via Cupa.

Pubblicato in Appelli e campagne

Giovedì 19 gennaio 2017 dalle ore 15 alle ore 18 presso il Pantheon, Piazza della Rotonda, si terrà il presidio La Vita Vale Molto Di Più Di Una Frontiera!, in occasione della conferenza stampa del Ministro Minniti sul nuovo piano immigrazione, che prevede il ripristino degli accordi di rimpatrio e l'apertura di nuovi centri di detenzione sul territorio. Il presidio è organizzato dalla rete Roma accoglie nata lo scorso anno a Roma, che tiene dentro diverse realtà che da anni si attivano in favore dei diritti dei migranti partendo dal tentativo dell’elaborazione di un’altra idea di accoglienza.

Pubblicato in Appelli e campagne

HummusTown: è un progetto concreto per aiutare i rifugiati siriani a Roma a ottenere l'indipendenza economica attraverso lavoro dignitoso: cucinare, confezionare e consegnare deliziosi piatti tradizionali in città e nei dintorni. L’obiettivo, a lungo termine, è acquistare uno spazio che includa una cucina industriale, uno spazio per uffici, una sala riunioni e una reception per gli ordini diretti. Su GoFundMe è partita la raccolta fondi per coprire i costi operativi del progetto.

Pubblicato in Appelli e campagne

Per lungo tempo li abbiamo chiamati "angeli del mare". Le Ong impegnate nel Mediterraneo per soccorrere i migranti erano considerate il simbolo della società civile europea pronta all'accoglienza, quella della solidarietà e degli striscioni "Refugees Welcome", che aveva scelto di non abdicare al proprio ruolo dopo il conflitto in Siria e l'esodo legato al fallimento delle primavere arabe. Poi qualcosa è cambiato. Nel 2017, nel giro di pochi mesi, il discorso pubblico è stato deviato: gli angeli sono diventati vicescafisti, le loro navi taxi del mare. Un processo di criminalizzazione segnato da tappe precise: un dossier dell'agenzia europea Frontex, una campagna mediatica, la commissione d'indagine del Senato, poi le accuse (perlopiù archiviate) di alcune procure siciliane, i sequestri delle navi, infine le dichiarazioni dei politici di casa nostra e di esponenti della destra sovranista di tutta Europa.

Pubblicato in Annalisa Camilli

Un ragazzo di quindici anni si mette in viaggio dalla Costa d’Avorio per raggiungere l’Europa. Il suo nome è Kader Diabate. In questo libro racconta la fuga da casa e l’attraversamento del deserto, l’incarcerazione in Libia e il viaggio nel Mediterraneo, fino all’arrivo in Italia. Ma soprattutto racconta la sua voglia di libertà e la sua ribellione contro l’arroganza e l’ingiustizia degli uomini. Perché la sofferenza vissuta è diventata il carburante per alimentare la sua lotta pacifica, nutrita dalla passione per i libri e la cultura. Oggi Kader ha poco più di vent’anni.

Pubblicato in Kader Diabate

Humilitas onlus è un’associazione no profit, per statuto braccio sociale della Missione Latino americana di Roma; impegnata da vent’anni nel sostegno alle fasce più vulnerabili, senza distinzione alcuna di religione, genere o provenienza. Humilitas onlus opera attraverso attività d’inclusione e di studio, consulenze gratuite di ascolto psicologico e di sostegno legale. Propone percorsi di  formazione al lavoro accessibili, pensati per chi ha bisogno di ricominciare a mettersi in gioco, per chi già lavora ma vuole migliorarsi, per chi altrimenti non potrebbe permettersi di studiare.Lavora in contrasto alle nuove e vecchie povertà. Ascolta e sostiene chi cerca un lavoro. Crea nel territorio interventi e progetti per migliorare le comunità in cui opera. Attiva reti di persone volenterose per aiutare chi è solo o lontano da casa.

Agus Morales segue le orme degli esiliati della terra, dà voce a coloro che sono stati obbligati a fuggire. Viaggia alle origini del conflitto in Siria, Afghanistan, Pakistan, Repubblica Centrafricana e Sudan del Sud. Cammina con i centroamericani che attraversano il Messico e con i congolesi che fuggono dai gruppi armati. Si addentra sulle strade piú pericolose, segue i salvataggi nel Mediterraneo, conosce le umiliazioni che soffrono i rifugiati in Europa. E sbarca presso l’ultima frontiera, la piú dura e la piú difficile da attraversare: l’Occidente.

Pubblicato in Agus Morales
Pagina 3 di 38