Martedì, 11 Febbraio 2014 13:37

Diversamente italiani. Inchiesta shock sui convertiti all’Islam

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 13 febbraio 2014 alle ore 18.30 presso l’Università ECampus, via del Tritone 169, verrà presentato il volume Diversamente italiani – Inchiesta shock sui convertiti all’Islam di Silvia Layla Olivetti. Ventiquattro testimonianze, diciotto di donne, sei di uomini, servono a Silvia Layla Olivetti, convertitasi all’Islam sin da giovanissima, a proporre uno spaccato della condizione di chi, come lei, da cattolico è diventato musulmano o, pur rimanendo nella Chiesa cattolica, vive accanto a un fedele dell’Islam. Sarà presente l’autrice, Silvia Layla Olivetti. 

Giovedì 13 febbraio 2014 alle ore 18.30 presso l’Università ECampus, via del Tritone 169, verrà presentato il volume Diversamente italiani – Inchiesta shock sui convertiti all’Islam di Silvia Layla Olivetti. Ventiquattro testimonianze, diciotto di donne, sei di uomini, servono a Silvia Layla Olivetti, convertitasi all’Islam sin da giovanissima, a proporre uno spaccato della condizione di chi, come lei, da cattolico è diventato musulmano o, pur rimanendo nella Chiesa cattolica, vive accanto a un fedele dell’Islam. Sarà presente l’autrice, Silvia Layla Olivetti.

Dopo i saluti di Rita Neri, Responsabile della Sede di Roma dell’Università ECampus, e il messaggio del Ministro dell’Integrazione Cecile KYENGE, interverranno: Marco Marrone, Consigliere del Ministro dell’Integrazione; Souheir KATKHOUDA, Presidente dell’Associazione Donne Musulmane d’Italia; Martin NKAFU NKEMNKIA, Direttore del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali – Area Internazionale di Ricerca Sviluppo Cultura Africana, Pontificia Universitas Lateranensis e Abdellah REDOUANE, Direttore del Centro Islamico della Moschea di Roma.

Modererà il giornalista Lorenzo SCHEGGI MERLINI.


“Il vissuto di ognuno è diverso – spiega l’autrice - l’Islam in Italia non è un monolite e la realtà dei musulmani cambia col variare dell’area geografica di residenza. Il Nordest è notoriamente poco recettivo nei confronti dei musulmani. Non è facile vivere a Treviso, Venezia, Padova. La discriminazione si sente nell’aria, si respira, si vive quotidianamente e questo certamente influenza negativamente la percezione che i musulmani hanno della società.
Il Veneto, la mia regione, non ha una comunità musulmana omogenea e vasta come invece la Lombardia, bensì una realtà molto eterogenea, composta da una miriade di diverse culture: questo si traduce in diverse posizioni e vissuti personali. Un musulmano che sente di appartenere a una grande comunità con la quale condivide esperienze e vita quotidiana avrà anche la tendenza a sentirsi meglio nel contesto in cui vive e a non considerarlo ostile. Viceversa, il fatto di percepirsi come isolati, rifiutati e in minoranza, genera sentimenti negativi e pessimisti rispetto al resto della società.
Chi si sente discriminato di solito innalza barriere, si autoesclude o più in generale tende a mettersi sulla difensiva. In quest’ottica è comprensibile che alcuni maturino il desiderio di emigrare altrove, in zone percepite come maggiormente accoglienti e nelle quali trovi riscontro il desiderio legittimo di appartenenza”.

Università eCampus
Via del Tritone, 169

Ufficio Stampa ECampus: tel. 06 6994011106 69940111
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Giovedì, 13 Febbraio 2014
  • data fine: Giovedì, 13 Febbraio 2014
  • Indirizzo: via del Tritone, 169 roma
Letto 2775 volte Ultima modifica il Venerdì, 14 Febbraio 2014 10:01
Show Street View
Alice D

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.