Il popolo, la cultura, la vita quotidiana, la politica del Messico – e i suoi tic, le sue delizie e assurdità – sono distillati in ciascuno dei capitoli di questo libro, che compone una sorta di guida involontaria, per turisti avventurosi o da divano. Un manuale che è al tempo stesso di autoaiuto per messicani e di sopravvivenza per i visitatori e i turisti, grazie al quale cercare una via di uscita dal labirinto della burocrazia e dell’inefficienza dei servizi pubblici, o comprendere le misteriose forme attraverso cui si manifesta la ineludibile «ospitalità a tutti i costi» dei messicani.

Pubblicato in Jorge Ibargüengoitia

Santa Rita è un’immaginaria città di frontiera nel sud del Messico, un passaggio obbligato per chi cerca fortuna negli Stati Uniti. È qui che Irma, una giovane assistente sociale con una figlia di sette anni e un divorzio alle spalle, viene inviata per gestire un’emergenza presso la Commissione Nazionale Migrazione: la morte di centinaia di migranti a seguito di un incendio in un centro di accoglienza. Quello che però Irma ancora non sa è che portare sua figlia con sé non è stata una buona idea, come non lo è entrare in contatto con una sopravvissuta, tentando di proteggerla.

Pubblicato in Antonio Ortuño

Nei brevi e fulminanti bozzetti che formano Bestiario – dettati a braccio nel corso di una settimana a un giovanissimo José Emilio Pacheco – Arreola concentra tutta l’ironia e la sagacia della sua poetica. L’autore si mette parodicamente nei panni di un naturalista e caratterizza i vari animali riflettendo allo stesso tempo sulla condizione umana.

Pubblicato in Juan José Arreola

Juan José Arreola, puntiglioso artigiano della parola, solitario e individualista, ha rincorso con l’ostinazione dell’autodidatta la sintesi assoluta per tutta la sua carriera di scrittore, producendo alcuni dei racconti più significativi della letteratura latinoamericana. Pubblicato oggi in una nuova traduzione di Stefano Tedeschi, il Confabulario di Arreola è una raccolta di racconti e prose che sfidano qualunque tentativo di classificazione: dall’aforisma alla satira, dal fantastico al visionario, dal grottesco al noir.

Pubblicato in Juan José Arreola

A cento anni dalla nascita, Edmundo Valadés, considerato oggi un maestro della letteratura breve, viene tradotto per la prima volta in italiano. I diciotto fulminanti testi di questa raccolta abbracciano temi universali, narrati da personaggi in un momento decisivo della propria esistenza: due adolescenti sono alle prese con la loro prima volta; un vecchio ha coltivato per tutta la vita un sogno e proprio quando sta per realizzarlo decide di rinunciarvi; un uomo fa un bilancio delle sue esperienze nel momento in cui sta per essere assassinato; un altro fa i conti col passato senza riuscire a lasciarsi alle spalle la guerra nella quale ha combattuto.

Pubblicato in Edmundo Valadés

Rimane allestita fino a sabato 30 novembre 2013 la mostra dell'artista messicana Daniela Edburg intitolata Is it the end? or just my imagination, all'interno della Galleria d’Arte Contemporanea Spazio Nuovo in via d’Ascanio 20.

Pubblicato in Mostre

Fino a lunedì 11 ottobre, all'interno di Villa Borghese, in viale delle Magnolie, si potrà visitare la mostra I nostri silenzi dello scultore messicano Rivelino: una mostra itinerante composta da 10 sculture monumentali di 1 tonnellata di peso ognuna, che vuole essere un omaggio del popolo messicano al popolo italiano in occasione delle celebrazioni per il Bicentenario dell’inizio della lotta per l’Indipendenza ed il Centenario della Rivoluzione Messicana.

 

Pubblicato in America Latina

Giovedì 17 ottobre 2013 dalle ore 19 la libreria Giufà, via Degli Aurunci 38, ospiterà un aperitivo messicano organizzato da SQUAME in occasione dell'uscita del 6° numero della rivista.

Pubblicato in America Latina

Proseguirà fino a giovedì 7 novembre 2013 la mostra Tránsitos de Nahualli dell’artista plastica Marta Palau al museo MACRO Testaccio “La Pelanda”., piazza Orazio Giustiniani 4.

Pubblicato in America Latina

L'Ambasciata del Messico in Italia invita giovedì 27 febbraio 2014 alle ore 18.30 in via Spallanzani, 16 al concerto del Quartetto Latinoamericano.

Pubblicato in America Latina
Pagina 2 di 7