Venerdì, 06 Dicembre 2013 09:58

H2SO4. La vita che vuoi è la sola che avrai?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Da giovedì 12 a domenica 15 dicembre 2013 alle ore 21, ( domenica alle ore 18) presso il Teatro Studio Uno, via Carlo della Rocca 6, andrà in scena lo spettacolo H2SO4 è la formula chimica dell’acido solforico, regia di Silvia Pietrovanni e Simona Zilli. E' la storia di due mondi, due culture molto lontane e diverse che in qualche modo si toccano ed entrano in relazione. E’ la storia di due donne che per motivi differenti si incontrano nella sala d’attesa di un chirurgo plastico. Jamila, pakistana, sfregiata dall'acido quando era bambina per aver rifiutato un uomo molto importante del suo paese. E Solidea, italiana, coacher per grandi aziende e per privati, una cosiddetta "winner woman" dalle tecniche di vita vincenti. Durante le date dello spettacolo sarà allestito un banchetto per la vendita di libri e magliette che andranno a sostenere i progetti di Smilegain, associazione che restituisce un sorriso alle donne pakistane deturpate dagli acidi.

Da giovedì 12 a domenica 15 dicembre 2013 alle ore 21, ( domenica alle ore 18) presso il Teatro Studio Uno, via Carlo della Rocca 6, andrà in scena lo spettacolo H2SO4 è la formula chimica dell’acido solforico, regia di Silvia Pietrovanni e Simona Zilli. E' la storia di due mondi, due culture molto lontane e diverse che in qualche modo si toccano ed entrano in relazione. E’ la storia di due donne che per motivi differenti si incontrano nella sala d’attesa di un chirurgo plastico. Jamila, pakistana, sfregiata dall'acido quando era bambina per aver rifiutato un uomo molto importante del suo paese. E Solidea, italiana, coacher per grandi aziende e per privati, una cosiddetta "winner woman" dalle tecniche di vita vincenti. Durante le date dello spettacolo sarà allestito un banchetto per la vendita di libri e magliette che andranno a sostenere i progetti di Smilegain, associazione che restituisce un sorriso alle donne pakistane deturpate dagli acidi. 

Liberamente ispirato alla storia di Fakra Younas e al suo libro Il volto cancellato. Con il patrocinio di Smileagain, associazione che restituisce un sorriso alle donne pakistane deturpate dagli acidi. Durante le date dello spettacolo sarà allestito un banchetto per la vendita di libri e magliette che andranno a sostenere i progetti di Smilegain. 

Con Elisa Angelini, Valentina Conti
Musiche dal vivo della pianista Alessandra Giovannotti
Testo di Silvia Pietrovanni con contributo di Cristiana Saporito
Regia di Silvia Pietrovanni e Simona Zilli

Nel foyer del teatro sarà allestita  l' esposizione fotografica di Francesca Buglioni e Marco La Rovere dal titolo "Tracce":
"Le foto esposte, tratte dalla serie Tracce, mostrano le sfaccettature di diverse esistenze, o le diverse sfaccettature di una sola esistenza. L’attenzione degli autori si concentra sulla contrapposizione fra autentico e falso, fra sostanza e apparenza, in un crescendo di contrasti resi da numerose dicotomie: luce e ombra; perfezione e cicatrici; plastica e tessuti. Fino ad arrivare alla mutilazione dei corpi che altrove sembravano reali e felici, all'acido solforico, alle segregazioni, ai graffi disperati di un filo spinato, ad un cimitero a picco sul mare o ad una porta che schiude la luce in fondo a scale buie".
e la mostra pittorica di Giulia Vannicola dal titolo "Dentro l'ombra"  (www.artecamaleontica.blogspot.com)


Biglietti euro 10.
Info e prenotazioni:
cell. 349 4356219 - 328 3546847

Teatro Studio Uno
via Carlo della Rocca, 6
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.lacattivastrada.com
www.smileagain.fvg.it

 

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Giovedì, 12 Dicembre 2013
  • data fine: Domenica, 15 Dicembre 2013
  • Indirizzo: via Carlo della Rocca, 6 roma
Letto 2397 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Dicembre 2013 10:22
Show Street View
Alice D

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Amori diversi La città di plastica »