Il 13, 14, 15 dicembre 2019 Ai confini dell'arte - performance - street photography - musica - fumetti - video alla Biblioteca interculturale “Cittadini del mondo”, viale Opita Oppio 41. Se c'è un dato unificante nella multiformità delle culture contemporanee è proprio quello dello sconfinamento. Ai Confini dell’Arte, dopo un mese di percorso durante il quale si sono svolti una serie di workshop dedicati alle arti del contemporaneo rivolti a Under 30, propone il 13, 14 e 15 dicembre tre giorni di eventi artistici dedicati a dei focus sugli artisti che hanno partecipato al progetto e alla presentazione pubblica delle opere e delle performance create durante i laboratori.

Pubblicato in Eventi

Ai tempi del coronavirus, l'arte sembra un bene terziario, qualcosa di cui si può far a meno. O, ancor peggio, addirittura qualcosa di pericoloso. In un contesto storico così complesso, un barlume di speranza viene lanciato dal noto Atelier Montez, spazio creativo e polifunzionale creato da Gio' Montez e situato in zona Pietralata, a Roma, che intende lanciare una proposta, o forse una sfida, a tutti gli artisti, artigiani, creativi, italiani e non.

Pubblicato in Eventi

Italia, Spagna, USA, Perù, Australia, Inghilterra, Brasile, India: dopo aver dato vita a una serie di murales per raccontare l’emergenza globale, una nuova mobilitazione internazionale contro il coronavirus arriva dagli street artists di tutto il mondo, uniti da Yourban2030 - no profit fondata in Italia da Veronica De Angelis e ora approdata negli USA con Frank Ferrante della Ferrante Law Firm - che lancia la campagna artistica COLOR4ACTION in collaborazione con la Dorothy Circus Gallery. L'obiettivo è raccogliere fondi da destinare non solo alle strutture mediche, ma anche a tutti quegli enti no profit impegnati ad affrontare le emergenze post-Covid, a sostegno delle fasce più vulnerabili della popolazione, segnalate dagli stessi street artists coinvolti.

Pubblicato in Eventi

Prosegue fino al 20 settembre 2020, la collettiva Pride by your side, organizzata dal gallerista Francesco Maria Boni: 19 artisti in mostra per raccontare l'amore e il mondo tra pittura e fotografia, street art e illustrazione. La collettiva Pride by your side, si svolgerà all’interno di ARTSPACE, spazio che la galleria online FMB Art Gallery di Francesco Maria Boni (www.fmbartgallery.com) dedica agli eventi speciali. L’evento sarà online per tutta la stagione estiva, come un ipotetico Onda Pride, e si potrà arricchire di eventuali e ulteriori tasselli artistici. La chiamata per gli artisti sarà infatti aperta fino al 31 luglio: la galleria continuerà quindi a valutare nuovi artisti internazionali per tutta la durata della call, presentandone col tempo di nuovi. I ricavati della galleria per questo evento saranno devoluti a due associazioni LGBT italiane: Casa Famiglia Refuge LGBT e Plus - Persone LGBT+ sieropositive.

Pubblicato in Eventi

Il Museo Nazionale d'Arte Orientale "Giuseppe Tucci" custodisce i reperti degli scavi delle missioni archeologiche italiane in Iran, Pakistan e Afghanistan, oltre che gli oggetti acquistati in Nepal e Tibet da Giuseppe Tucci (uno fra i massimi orientalisti del Novecento) e collezioni di oggetti di vari periodi provenienti dal vicino ed estremo oriente. Nel corso degli anni il patrimonio del museo si è arricchito grazie agli acquisti effettuati dallo stato, a donazioni da parte di privati ed enti, a scambi con vari paesi asiatici. Il museo ospita, inoltre, alcune esposizioni temporanee.
Attualmente i settori visitabili del museo sono: Vicino e Medio Oriente Antico, Islam, Tibet e Nepal, India e Gandhara, Estremo-Oriente (Cina e Giappone).

Settore Estremo Oriente: le collezioni di questo settore offrono al visitatore una eccezionale panoramica sulla creatività e le culture della regione dalla Preistoria al XX secolo. Le culture preistoriche e protostoriche dell’arcipelago giapponese nei periodi Jomon tardo, Yayoi e Kofun (metà del III millennio a.C.-V sec. d.C.) sono illustrate da reperti archeologici provenienti da uno scambio con il Museo Nazionale di Tokyo. Sempre da uno scambio, ma con il Museo Nazionale di Seoul, vengono i vasi di gres con diversi tipi di vetrine ferruginose, del tipo detto in Occidente céladon, che rappresentano la migliore produzione delle fornaci coreane tra il XII ed il XV-XVI sec. (dinastie Koryo e Choson). Di pari importanza è la collezione – donata all’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente dall’ambasciatore Giacinto – di statuine di bronzo a soggetto buddhistico databili dal V al XIV sec. d.C., specchi di bronzo dal IV sec. a.C. al XIV sec. d.C., e da altri preziosi manufatti di bronzo ma di diversa funzione ed epoca, provenienti dalla Cina, dalla Corea e dal Giappone.

Pubblicato in Musei

Il Museo Nazionale d'Arte Orientale "Giuseppe Tucci" custodisce i reperti degli scavi delle missioni archeologiche italiane in Iran, Pakistan e Afghanistan, oltre che gli oggetti acquistati in Nepal e Tibet da Giuseppe Tucci (uno fra i massimi orientalisti del Novecento) e collezioni di oggetti di vari periodi provenienti dal vicino ed estremo oriente. Nel corso degli anni il patrimonio del museo si è arricchito grazie agli acquisti effettuati dallo stato, a donazioni da parte di privati ed enti, a scambi con vari paesi asiatici. Il museo ospita, inoltre, alcune esposizioni temporanee.
Attualmente i settori visitabili del museo sono: Vicino e Medio Oriente Antico, Islam, Tibet e Nepal, India e Gandhara, Estremo-Oriente (Cina e Giappone).

Pubblicato in Musei

Italia le cosiddette Primavere arabe del 2011 sono state spesso analizzate da commentatori e giornalisti solo come inaspettati scoppi di violenza o come il risultato di giochi di potere tra Stati occidentali. La miopia di un pensiero appiattito su posizioni islamofobe ci ha impedito di conoscere davvero chi scendeva nelle piazze di Tunisi, del Cairo o di Damasco: una giovane generazione che chiedeva libertà, rimettendo in discussione appartenenze politiche, religiose e di genere.

Pubblicato in AA.VV

Fino a sabato 14 aprile, torna alla Galleria 291 Est, Viale dello Scalo San Lorenzo 45, il movimento dei Nudisti Timidi, creazione “paranormale” dell'artista visivo giapponese Gun Kawamura, a cura di Vania Caruso. L’artista Gun Kawamura matura la sua visione, allarga le frontiere del movimento e ama farci sorridere o ridere delle nostre umane debolezze, in rappresentazioni parossistiche ma specchio reale di una timidezza relativa “la fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà”? Vernissage domenica 1 aprile alle ore 19.

Pubblicato in Giappone
Martedì 21 maggio alle ore 19, presso Doozo art books & sushi, verrà inaugurata la mostra Due scuole, una via: kadō, l’arte giapponese di disporre i fiori, che rimarrà allestita fino a domenica 26 maggio.
Pubblicato in Giappone

Sabato 25 gennaio 2014 alle ore 11 presso il Museo Nazionale d'Arte Orientale Giuseppe Tucci, Via Merulana 248, si terrà un incontro su Ikebana International Rome Prospective Chapter, organizzato in collaborazione con la Fondazione Italia Giappone e il Museo Giuseppe Tucci e patrocinato dall’Istituto Giapponese di Cultura. L’incontro si svolgerà illustrando non solo le due scuole che l'hanno fondata (Ohara e Sōgetsu), ma anche l'Ikenobo che ha aderito di recente e i progetti culturali in programma per il prossimo futuro. Ogni scuola al termine di ciascun intervento farà una dimostrazione della propria arte di Ikebana.

Pubblicato in Giappone
Pagina 10 di 19