L’impegno della Comunità di Sant’Egidio con gli zingari inizia nel 1982, con l’incontro fra un gruppo di rom Khorakené provenienti dalle repubbliche della ex-Jugoslavia, e alcuni volontari che hanno dato vita a vari progetti perlopiù rivolti ai bambini, come corsi di alfabetizzazione e inserimento nelle scuole, ma anche agli adulti, attraverso interventi di mediazione.
Tra gli attuali progetti, le cosiddette “scuole della pace”: due o tre volte alla settimana diversi gruppi di minori rom e sinti partecipano insieme a minori non rom ad incontri attraverso i quali si vuole educare all’incontro interculturale, al rispetto dei disabili, al rispetto dell’ambiente, e così via.
Fra le altre attività, viene fornita assistenza per particolari necessità, come visite mediche o problemi con le istituzioni ed è stato istituto un centro di prima accoglienza per i nuovi arrivati (aperto il venerdì tra le 15.30 e le 19.30).
Grazie a questi interventi diretti, la Comunità di Sant’Egidio è diventato un osservatorio privilegiato delle comunità zingare presenti sul territorio romano, nonché uno strumento di integrazione, di incontro e di scambio interculturale.

piazza S.Egidio 3/a
tel. 06 8992234 fax 06 5800197
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.santegidio.org
Pubblicato in Associazioni rom

La Cooperativa Zajedno nasce dalla fusione dell’associazione Insieme Zajedno e di operatrici sociali con lo scopo di elaborare una specifica azione di sostegno all’occupabilità femminile. Dall’esperienza del Laboratorio Manufatti Donne Rom e dall’incontro di un gruppo di donne, che hanno condiviso le motivazioni, lo spirito e il modello organizzativo secondo un’ottica di genere, è nata l’idea di fondare, insieme a donne Rom, la Cooperativa Zajedno. La Cooperativa promuove azioni di rafforzamento delle competenze sociali e professionali delle donne, favorendo la creazione di opportunità di lavoro per donne rom e donne in situazione di fragilità sociale.
L’attività della Cooperativa Zajedno spazia dalla realizzazione e vendita di manufatti sartoriali, originali e unici, accessori d’abbigliamento e d’arredo, a libri tattili, a forniture per Enti Pubblici, esercizi commerciali e del privato sociale, a percorsi di una specifica formazione professionale e di inclusione sociale. 

Pubblicato in Associazioni rom

Gruppo di riferimento della musica popolare italiana, molto conosciuto per i suoi spettacoli divertenti e per il grande coinvolgimento del pubblico.
Una grande esperienza, dai matrimoni ai festival internazionali, permettono a questo ensemble di musicisti di gestire qualsiasi situazione, in qualsiasi lingua, dando sempre vita ad uno spettacolo vibrante ed ironico in un originalissimo stile zingaro italiano forgiato dagli Acquaragia Drom.
In repertorio le tammurriate dei sinti del Vesuvio, le canzoni e le serenate dei parenti rom molisani, le tarantelle dei musicanti calabresi e del Salento, le serenate dei camminanti siciliani e vario swing e ritmi ballabili.
E in scena si balla! Rita ed Elia lasciano i loro strumenti per portare il pubblico nel cuore di una cerimonia tradizionale, di un matrimonio, di una animata festa gitana intorno ad un grande fuoco da campo: ritmi incalzanti e passionali, melodie struggenti e racconti di storie inverosimili con protagonisti tragicomici di cui si può ridere o commuoversi.

tel. 06 64690714
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.finisterre.it

Pubblicato in Gruppi di musica zingara

Nome "collettivo" di un gruppo di musicisti legati alla comunità rom di via e Salviati attivi nel vitale circuito di feste che si realizzano all'interno di alcune delle comunità rom provenienti dall’area dell’ex Yugoslavia.
Il repertorio e gli stili strumentali e di danza sono strettamente legati alla musica tradizionale e moderna maggiormente in voga in area balcanica.

Cooperativa Ermes
via Statilio Ottato 33
tel 06 7611748
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.ermescooperativa,it

Pubblicato in Gruppi di musica zingara
La più conosciuta formazione di virtuosi di violino, fisarmonica, cymbalon, contrabasso a 3 corde e altri strumenti, nel panorama della musica rom rumena in Italia, catapultati dai matrimoni e dalle feste tradizionali dell'Oltenia direttamente nel circuito dei festival e delle rassegne musicali nostrane. In repertorio melodie e balli tradizionali dal cuore dei Carpazi ma anche un gran numero di standard internazionali suonati ‘a la zingara’, adattissimi per animare e coinvolgere il pubblico di un concerto o per far ballare e cantare tutti gli invitati di un matrimonio. Il gruppo vanta numerose e importanti collaborazioni con musicisti nazionali e star internazionali.

Finisterre
via Macedonio Melloni, 9
tel/fax 06 64690714
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.finisterre.it

Pubblicato in Gruppi di musica zingara

Venerdì 12 giugno 2015 dalle 16.30 alle 19 Biblioteca Goffredo Mameli, via del Pigneto 22, ospita la biblioteca viventeABCittà in collaborazione con Associazione 21Luglio e Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma, dedica la sua decima edizione di Biblioteca Vivente al tema dei Rom e dell’incontro con il mondo dei non Rom. Una decina di libri umani dai titoli significativi affronteranno la questione Rom attraverso alcune angolature (la scuola dei bambini, l’interazione con i quartieri e i non Rom, il campo e la casa, il lavoro, la famiglia …).

Mercoledì 28 ottobre 2015 dalle ore 16:30 alle 19 il Teatro Biblioteca Quarticciolo, via Castellaneta 10, ospiterà una nuova edizione di Biblioteca Vivente, interamente dedicata al mondo rom. Durante l'evento, organizzato da ABCittà in collaborazione con Associazione 21Luglio e Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma, una decina di libri umani dai titoli significativi affronteranno la questione Rom attraverso varie angolature (la scuola dei bambini, l’interazione con i quartieri e i non Rom, il campo e la casa, il lavoro, la famiglia).

I Rom, i Sinti, i Kalé, i Manouches e i Romanichels sono circa 16 milioni nel mondo, di cui 12 milioni in Europa, caratterizzati da una diversità storica, sociale e culturale assai complessa. Molti sono integrati ormai da generazioni ma migliaia di loro vivono ancora in condizioni di estrema emarginazione e povertà, aggravate dalle politiche di alcuni governi e dai sempre più frequenti episodi di discriminazione e razzismo. Ma qual è la realtà in cui vivono? Sono veramente tutti di origine Rom, o molti di loro sono parte di quel nuovo mondo povero europeo noto come “quarto mondo”? Riducendo e semplificando l’enorme complessità dei gruppi romanès a una minoranza compatta e monolitica le istituzioni europee non stanno forse tentando di “etnicizzare” chi vive ai margini delle nostre società per non dover affrontare il preoccupante e inarrestabile processo di impoverimento che ormai riguarda tutti, non solo queste minoranze? Vi proponiamo i risultati del primo ciclo di inchieste del progetto "R.O.M. Rights of Minorities” a cura di Babelmed.net, supportato dalla Open Society Foundation, dedicato al fenomeno della romfobia in Italia, Francia, Spagna e Turchia.

Nell'ambito della Giornata della Memoria, venerdì 27 gennaio 2017 alle ore 11 presso il Senato della Repubblica, Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro, Piazza Capranica 72, si terrà il convegno Il genocidio di Rom e Sinti durante il nazi-fascismo. Una memoria rimossa. All’evento organizzato da CILD, su iniziativa della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei Diritti Umani e con la collaborazione dell’Associazione 21 Luglio, parteciperanno: Patrizio Gonnella (presidente CILD), Robert Rydberg (ambasciatore svedese in Italia), Luigi Manconi (presidente Commissione Diritti Umani del Senato), Carlo Stasolla (presidente dell’Associazione 21 Luglio), Paola Trevisan (antropologa) e Majgull Axellson (Scrittrice, autrice del libro Io non mi chiamo Miriam).

Pubblicato in Convegni

Associazione 21 luglio vi invita a partecipare alla presentazione ufficiale del report "Linea 40 - Lo scuolabus per soli bambini rom", curato da Andrea Anzaldi e realizzato da Adriana Arrighi, Carlo Stasolla e Andrea Anzaldi, che si terrà venerdi 14 ottobre alle ore 16 presso l'Auditorium Unicef in via Palestro 68. La presentazione sarà preceduta da una conferenza stampa alle 15. Il report, frutto del lavoro di ricerca, verrà presentato presso l'Auditorium Unicef di Roma in via Palestro 68 da Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio, Stefano Batori, vice preside della Scuola Media Statale "Bramante" di Roma e Dimitris Argiropoulos, ricercatore pedagogista dell'Università di Bologna. Modera Nello Avellani di Radio Popolare Roma.

Pubblicato in Cultura rom
Pagina 1 di 3