Come nasce la poesia? Di quale misterioso lavoro è l'esito? E qual è il suo compito? Chiunque si sia posto, almeno una volta, domande del genere potrà finalmente trovare in queste interviste – che coprono l'intero arco della vita di Brodskij in esilio, dall'inizio degli anni Settanta fino a poche settimane prima della morte improvvisa, avvenuta a New York nel 1996 – risposte di un'audace limpidezza.

Pubblicato in Iosif Brodskij
Fondato nel 1976 da padre Nilo Ezio Cadonna e don Sergio Mercanzin per aiutare i profughi dell'URSS e far conoscere la situazione dei cristiani in quel paese, è oggi un luogo sia d’incontro tra credenti sia di dialogo ecumenico. 
La Fondazione promuove tra i cattolici occidentali la conoscenza della cultura cristiana del vicino Oriente mediante una libreria specializzata nonché cicli di conferenze e seminari su liturgia, spiritualità e catechesi. Si mantiene viva in occidente la memoria e la tradizione ortodossa.
Il Centro è un punto di riferimento di livello internazionale per quanto riguarda i corsi di iconografia orientale. L’iconografia è lo strumento tramite cui viene diffusa la conoscenza delle culture bizantina e slava. 
Nella sede è presente una vasta scelta di icone contemporanee provenienti da diversi paesi dell'Oriente Cristiano.
Pubblicato in Arte e artigianato russo

La sede del Centro si trova nel palazzo storico Santacroce (XVI secolo) nelle immediate vicinanze di Piazza Campo de' Fiori. Scopi del centro: conservazione dello spazio russofono nella zona appenninica e nelle isole, Sicilia e Sardegna; rafforzamento dei legami bilaterali Russia - Italia nella sfera culturale e umanitaria; promozione dei contatti e della collaborazione nell’ambito della scienza e dello sport; sostegno dei connazionali russi residenti in Italia; collaborazione con le organizzazioni pubbliche e non governative; supporto informativo rispetto alla politica estera ed interna della Russia; stretta collaborazione con l’Ambasciata della Federazione russa in Italia.

Nella vita e nell'arte la Cvetaeva aspirò sempre, impetuosamente, avidamente, quasi rapacemente, alla finezza e alla perfezione: e nell'inseguirle si spinse molto in avanti, sorpassò tutti. Oltre al poco che ci è noto, essa ha scritto una quantità di cose che da noi sono ancora sconosciute: opere immense, tempestose...

Pubblicato in Marina Cvetaeva
Fondato nel 1976 da padre Nilo Ezio Cadonna e don Sergio Mercanzin per aiutare i profughi dell'URSS e far conoscere la situazione dei cristiani in quel paese, è oggi un luogo sia d’incontro tra credenti sia di dialogo ecumenico.
La Fondazione promuove tra i cattolici occidentali la conoscenza della cultura cristiana del vicino Oriente mediante una libreria specializzata nonché cicli di conferenze e seminari su liturgia, spiritualità e catechesi. Si mantiene viva in occidente la memoria e la tradizione ortodossa.
Il Centro è un punto di riferimento di livello internazionale per quanto riguarda i corsi di iconografia orientale.
Si prefigge lo scopo di promuovere e sviluppare l'armonizzazione socio-economico-culturale tra l'Italia e la Russia, proponendo specifici servizi ed attività alle persone fisiche e giuridiche di provenienza e di cittadinanza russa operanti in Italia nonché ai cittadini italiani interessati alla storia, alla realtà ed alla cultura russa.
Il Consiglio assicura ai connazionali regolarmente residenti ed agli italiani di origine russa l'assistenza occorrente per il pieno godimento dei diritti di cittadinanza, politici, sociali, economici, religiosi e culturali nonché per la tutela dei legittimi interessi, nel rispetto delle leggi italiane, delle leggi russe e delle norme di diritto internazionale.
L'Associazione è un Consiglio di coordinamento dei compatrioti russi in Italia che si propone come scopo principale lo sviluppo dei legami commerciali tra Italia e Russia e la promozione ed il mantenimento in Italia della lingua e della cultura russa attraverso l'organizzazione di eventi con artisti e scrittori russi. L'associazione offre un contributo all'Ambasciata della Russia in Italia e coopera con le organizzazioni interessate allo sviluppo delle relazioni multilaterali tra i due Paesi attraverso congressi, conferenze, mostre e altre attività.
Il centro fu organizzato nel 2003 per volontà dei cittadini russi residenti a Roma e degli amici italiani interessati  a conoscere la cultura e lingua  russa.
In questi anni sono state organizzate moltissime serate e manifestazioni come ad esempio concerti di musica classica in alcune delle principali chiese di Roma, serate di folclore russo, presentazioni di libri dei connazionali  russi, mostre dei pittori e fotografi della Federazione Russa in diverse gallerie di Roma, feste nazionali e popolari, incontri all’Ufficio Consolare per conoscere nuovi diritti, leggi e regolamenti introdotti nella legislazione della Federazione russa nonché partecipazioni a vari eventi del Comune di Roma.
La collezione di libri della  “Casa Russa” raccoglie circa 2000 volumi di letteratura classica e moderna mentre i “nuovi arrivi” giungeranno grazie al programma federale “Lingua russa” e grazie ad altri progetti statali.
Una intera sezione della biblioteca è dedicata a programmi di insegnamento in formato digitale.
E’disponibile una cineteca ed è possibile collegarsi con gli archivi elettronici della Biblioteca presidenziale Boris Eltsin. Ai visitatori è data la possibilità di effettuare una visita guidata virtuale delle sale del Museo Russo.
Pubblicato in Biblioteche russe
Pagina 4 di 11