Venerdì, 08 Marzo 2019 12:30

Mediterranea Rete In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto nasce nel 2018 e ha come obiettivo la riqualificazione delle competenze professionali di un gruppo di dodici beneficiari SPRAR, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria, regolarmente soggiornanti a Roma, che si intende sostenere al fine dell’inserimento nel tessuto sociale e lavorativo capitolino. La sede è quella della Curia Generalizia dei Missionari Vincenziani, circa due ettari di terra in Via della Nocetta 191, dove troviamo: un orto biologico con ortaggi e verdure destinati alla vendita a km zero, un giardino delle erbe aromatiche e un vasto agrumeto con cui si producono sali e zuccheri aromatizzati in barattoli da 50 gr e marmellate biologiche per la vendita al dettaglio e online, un vivaio per la coltivazione di una preziosa e rara collezione di “Sweet pea” (piante da fiori profumatissime e rampicanti) e “Cosmos” (fiori annuali di varietà molto particolari) i cui semi provengono da alcuni vivai specializzati della Gran Bretagna

Il progetto nasce nel 2018 e ha come obiettivo la riqualificazione delle competenze professionali di un gruppo di dodici beneficiari SPRAR, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria, regolarmente soggiornanti a Roma, che si intende sostenere al fine dell’inserimento nel tessuto sociale e lavorativo capitolino. La sede è quella della Curia Generalizia dei Missionari Vincenziani, circa due ettari di terra in Via della Nocetta 191, dove troviamo: un orto biologico con ortaggi e verdure destinati alla vendita a km zero, un giardino delle erbe aromatiche e un vasto agrumeto con cui si producono sali e zuccheri aromatizzati in barattoli da 50 gr e marmellate biologiche per la vendita al dettaglio e online, un vivaio per la coltivazione di una preziosa e rara collezione di “Sweet pea” (piante da fiori profumatissime e rampicanti) e “Cosmos” (fiori annuali di varietà molto particolari) i cui semi provengono da alcuni vivai specializzati della Gran Bretagna; un’ampia gamma di graminacee e piante mediterranee (piante xerofile adatte a vivere in ambienti caratterizzati da lunghi periodi di siccità o da clima arido o desertico) grazie alla collaborazione con “Cascina Bollate”, il vivaio che Susanna Magistretti ha realizzato nel carcere omonimo. Inoltre si occupano della produzione di oggetti da design per giardini e terrazzi urbani come tutori per piante e da parete, orti verticali, tavoli e sedie per giardino, vasche in ferro e legno per piante di tutti i tipi e generi e della progettazione e manutenzione di giardini, terrazze e balconi grazie alla professionalità di Michela Pasquali (architetto paesaggista e presidente di Linaria).

Nato grazie alla sinergia tra la Congregazione della Missione, i Gruppi di Volontariato Vincenziano – Lazio, la Cooperativa Sociale “Tre Fontane” (ente gestore di alcuni centri SPRAR presenti sul territorio di Roma) e l’associazione no profit “Linaria” (che ha maturato nel tempo diverse esperienze sullo spazio urbano e sull’integrazione).


Attraverso la nascente collaborazione con la cooperativa sociale “Accoglienza Vincenziana” si intende entrare in modo stabile e professionale nel mondo del lavoro e del commercio, attraverso un’azione di impresa sociale che si affermi nel territorio locale e nazionale.

L’iniziativa, oltre ad essere l’occasione per questo gruppo di rifugiati politici di una completa e autonoma integrazione sociale vuole anche essere una sperimentazione con forte impatto sociale, economico e ambientale con la possibilità di diventare un progetto pilota replicabile in altre realtà urbane di proprietà religiosa o pubblica. Due caratteristiche queste (il forte impatto sociale e la replicabilità del progetto) che sono anche due strategie essenziali per la metodologia del cambiamento sistemico.

Questo semplice intervento a favore di beneficiari SPRAR, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria, regolarmente soggiornanti a Roma che bussano alle nostre porte è un modo concreto di affrontare le nuove sfide della povertà che nel XXI secolo sollecitano la nostra adesione al Vangelo di Cristo. Rispondere attraverso un intervento globale e totale che permetta un cambio integrale del proprio stile di vita, una vera e propria svolta che restituisca dignità e autonomia alla persona, un cambio sistemico della sua esistenza.

La carità, oltre che a non vantarsi né a gonfiarsi, come dice san Paolo, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità… La carità non avrà mai fine.

Per maggiori informazioni, è possibile visitare il nostro sito web:
http://www.mediterranearete.org/
la pagina facebook: https://www.facebook.com/mediterranearete/?ref=br_rs

Informazioni aggiuntive

  • Indirizzo: Via della Nocetta 191, roma
Letto 517 volte Ultima modifica il Venerdì, 28 Giugno 2019 12:13
Show Street View