Tuesday, 17 September 2019 14:54

Concerto Jazz Teach me tonight - dal blues all'etno jazz Featured

Written by
Rate this item
(0 votes)

In occasione dell’inaugurazione della 9° edizione del Festival Internazionale PROPATRIA – Giovani Talenti Romeni (Roma, 21 settembre – 26 ottobre 2019), l’Accademia di Romania in Roma, l’Associazione Culturale PROPATRIA di Roma, il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, in partenariato con il cluster EUNIC Roma, organizzano sabato 21 settembre 2019, ore 19. il Concerto Jazz Teach me tonight - dal blues all'etno jazz con Harry TAVITIAN (pianoforte, voce) e Cserey CSABA, (percussioni), presso il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma Via dei Greci 18.

In occasione dell’inaugurazione della 9° edizione del Festival Internazionale PROPATRIA – Giovani Talenti Romeni (Roma, 21 settembre – 26 ottobre 2019), l’Accademia di Romania in Roma, l’Associazione Culturale PROPATRIA di Roma, il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, in partenariato con il cluster EUNIC Roma, organizzano sabato 21 settembre 2019, ore 19. il Concerto Jazz Teach me tonight - dal blues all'etno jazz con Harry TAVITIAN (pianoforte, voce) e Cserey CSABA, (percussioni), presso il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma Via dei Greci 18.

Il pianista Harry Tavitian è una delle personalità che hanno segnato l'evoluzione del jazz romeno e non soltanto. Considerato dall'International Herald Tribune, "il più interessante jazzman contemporaneo ", Tavitian ha avuto un ruolo attivo nell'emergere delle scuole di jazz nell'Europa dell'Est. "Harry Tavitian è tra i grandi pianisti che hanno iniziato e perfezionato il nuovo jazz dell'Europa dell'Est", ha detto il critico jazz austriaco Richard Schuberth all'ORF1.Il jazz d'avanguardia e il blues arcaico si alternano nella sua creazione, pervasa da un forte spirito etnico sin dal suo esordio come artista. Tavitian si definisce armeno per nascita e romeno per adozione e si sente a suo agio in entrambe le culture, il folklore balcanico e quello caucasico essendo due delle sue principali fonti d’ispirazione. In 45 anni di attività Tavitian ha collaborato con una lunga serie di musicisti romeni e stranieri, suonando su palchi scenici di quasi tutti i paesi in Europa e negli Stati Uniti.

Harry Tavitian è nato nel 1952 a Constanța - Romania in una famiglia di armeni. Ha studiato il piano classico dall'età di sei anni. Si è diplomato presso l'Accademia di Musica di Bucarest. A 17 anni scopre il blues. Nel 1978, a Constanța - Romania, ha fondato il gruppo Creative con il quale vince il primo per l’esordio al Sibiu Jazz Festival nel 1980 e diventa il promotore del jazz d'avanguardia in Romania. Negli anni '80, la musica di Creative era in sintonia con le avanguardie del jazz europeo e le tendenze della coagulazione delle scuole di jazz nazionali dell'Europa orientale, nonostante l'isolazionismo politico della Romania, le difficoltà di concedere i visti d’ingresso e l'impossibilità di rispondere agli inviti ai festival occidentali. Nel 1985 e nel 1986, il gruppo Creative realizza addirittura due album presso la Leo Records di Londra.

Harry Tavitian: „Cserey Csaba, uno dei più fantasiosi percussionisti del jazz romeno, è uno dei miei partner preferiti. Si fa notare per la sua raffinatezza, sensibilità, oltre che per il suo straordinario senso del ritmo e ... dell’umorismo. Negli ultimi 15 anni, ho suonato insieme in duo, trio o come ospite della mia band Orient Express in molti concerti in Romania, Ungheria, Belgio, Germania, Austria, Turchia

Il percussionista Cserey Csaba è nato a Gheorghieni - Romania nel 1958. È autodidatta. Ha iniziato a suonare progressive rock negli anni '70. Dal 1989 vive a Satu Mare – Romania e fonda i gruppi musicali Mistic e Trio Ra, particolarmente ispirati alla musica orientale. Alla fine degli anni '90 ha creato il "March of the Drum", uno spettacolo teatrale basato unicamente sulle percussioni. Lui stesso è creatore di strumenti di percussione. Nel 1992 ha aperto una scuola privata di percussioni dove ha dato appoggio a molti studenti, suonando insieme a loro e sostenendoli a creare le proprie band.


Organizzatori: Accademia di Romania in Roma, Associazione Culturale Romeno-Italiana PROPATRIA di Roma e Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma.

Progetto realizzato in collaborazione e con il sostegno di: Ministero per i Romeni all’Estero, Istituto Culturale Romeno di Bucarest

Partner: Ambasciata di Romania in Italia, “Institut Francaise – Centre Saint Louis” presso la Santa Sede, Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, EUNIC Roma,Comune di Roma - Assessorato alla Crescita Culturale, Biblioteche di Roma, Fondazione Sergiu Celibidache, HubArt Agency, Baldrini Produzioni, Ass. Roma & Romania - RO & RO”, Associazione „Officine delle Culture”, Progetto „Ragazzi in Gamba”, Golden Accademy.

Patrocini: Senato della Repubblica Italiana, Camera dei Deputati della Repubblica Italina, Regione Lazio, Comune di Roma, Ambasciata di Romania in Italia, Ambasciata della Repubblica Moldova in Italia, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e Biblioteche di Roma.

Media Partners:

In Romania: Agenzia Nazionale di Stampa AGERPRES, TVR Internazionale, TVR Moldova, Radio Romania

In Italia: Agenzia Stampa Askanews,Agenzia Nuova, Giornale Diplomatico, Oltre le Colonne, Abitare a Roma, Italia a Piedi, Roma a Piedi, Roma Week-end, Roma Multietnica, Bin Rome, Il Metrololitano, Più Culture, Yes Art Italy, Officina delle Culture, Associazione Culture del Mondo, Cultural Pro, Abitare a Roma

In Spagna: Agenzia di Stampa “Occidentul Românesc”;

In Belgio: Arthis Radio-Tv;

Negli SUA: Arca TV.

Per informazioni: 06 320 15 94; e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

 

 

Additional Info

  • data inizio: Saturday, 21 September 2019
  • data fine: Saturday, 21 September 2019
  • Indirizzo: Via dei Greci 18, Roma
  • Depubblicazione homepage: Sunday, 22 September 2019
Read 84 times Last modified on Tuesday, 17 September 2019 15:04
Show Street View
Federica Q

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
More in this category: « Festa della musica Cori di donne »