Mercoledì, 18 Marzo 2015 15:12

Presentazione di Africa e Affari da Griot

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Domenica 22 marzo 2015 alle 18.30, GRIOT, via di Santa Cecilia 1/A, presenta l’ultimo numero della rivista “Africa e Affari”, dedicato alle rimesse dei migranti e ai loro costi. Saranno presenti i giornalisti della redazione.

Domenica 22 marzo 2015 alle 18.30, GRIOT, via di Santa Cecilia 1/A, presenta l’ultimo numero della rivista “Africa e Affari”, dedicato alle rimesse dei migranti e ai loro costi. Saranno presenti i giornalisti della redazione.

Le rimesse che i lavoratori africani inviano verso i propri paesi d’origine stanno svolgendo un ruolo vitale nell’economia africana. Esse non solo contribuiscono a sostenere le spese di cui necessitano le famiglie, la sanità, l’istruzione, ma si si stanno rivelando anche un mezzo per garantire l’avvio di attività economiche in agricoltura o in altri settori produttivi. Durante i periodi di crisi sono talvolta addirittura l’unica ancora di salvezza finanziaria per le famiglie e le comunità riceventi.

Un comportamento individuale che preso a sé potrebbe sembrare marginale ma che emerge come un fenomeno economico di notevoli dimensioni se viene invece osservato nella sua complessità. Basti pensare, per esempio, che nel 2014 il flusso di rimesse in generale verso i paesi in via di sviluppo ha raggiunto la cifra record di oltre 385 miliardi di euro, all’interno di un flusso globale di denaro che ammontava a 515 miliardi di euro in tutto il mondo: tre volte più dei cosiddetti aiuti pubblici allo sviluppo concessi dalla comunità internazionale.

Libreria Griot
via di Santa Cecilia 1/A

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Domenica, 22 Marzo 2015
  • data fine: Domenica, 22 Marzo 2015
  • Indirizzo: via di Santa Cecilia, 1/a - Roma
Letto 1604 volte Ultima modifica il Lunedì, 23 Marzo 2015 13:11
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Cena somala Dwa Afro Fest »