Martedì, 28 Febbraio 2017 13:50

Via della Rivoluzione

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Via della Rivoluzione è una strada ma anche il simbolo, legato a un momento storico ben preciso, della tensione verso il cambiamento di una società complessa che vive sospesa nel perenne contrasto tra spinta modernizzatrice e conservazione della tradizione. Con una prosa essenziale e incisiva, l’autore propone una riflessione sconvolgente sulla condizione della società iraniana che appare multiforme e amaramente inerme di fronte alla sopraffazione degli apparati di potere.

Via della Rivoluzione è una strada ma anche il simbolo, legato a un momento storico ben preciso, della tensione verso il cambiamento di una società complessa che vive sospesa nel perenne contrasto tra spinta modernizzatrice e conservazione della tradizione. Con una prosa essenziale e incisiva, l’autore propone una riflessione sconvolgente sulla condizione della società iraniana che appare multiforme e amaramente inerme di fronte alla sopraffazione degli apparati di potere.
A partire da un intervento di imenoplastica, tecnica praticata per eliminare le tracce di rapporti sessuali prematrimoniali al fine di salvaguardare il tradizionale senso dell’onore tuttora presente in Iran, la vita del proprietario della clinica e noto chirurgo, l’anziano Fatah, si lega a quella di Shahrzad, una giovane di rara bellezza privata di qualsiasi possibilità di autodeterminazione. Tuttavia la ragazza è coinvolta sentimentalmente con il suo coetaneo Mostafa, un impiegato del carcere di Evin, dove vengono rinchiusi e torturati i prigionieri politici. Le loro esistenze si intersecano in un unico destino di desideri rincorsi e negati, per cui Amir Cheheltan sviluppa un racconto corale ed emozionante che mostra ipocrisie e contraddizioni della sua terra dalla storia antichissima e affascinante.
Censurato in Iran, ma pubblicato in diversi Paesi, Via della Rivoluzione si rivolge oggi finalmente anche ai lettori italiani.
In queste pagine coraggiose e dense, di alto valore letterario, la città di Teheran è parte integrante e vivida della narrazione,in cui i temi della vita quotidiana e della sopravvivenza sono centrali e conducono il lettore verso un mondo apparentemente remoto che non lascia indifferenti.


Informazioni aggiuntive

Letto 597 volte Ultima modifica il Martedì, 11 Aprile 2017 12:34