Thursday, 08 April 2010 14:28

Sara Alavi

Rate this item
(0 votes)

Laureata in pittura all’Accademia delle Belle Arti di Teheran, si trasferisce successivamente a Roma, dove si iscrive al corso di Grafica multimediale della Facoltà di Architettura e partecipa a varie mostre individuali e collettive.
Come spiega lei stessa, sin da bambina coltiva la passione per la scultura ed i colori,  "Avverto l’esigenza di esprimermi con la scultura ed i colori. Da bambina giocavo ed “estraevo“ storie dalle macchie che vedevo ovunque: dal soffitto della mia stanza fino al pavimento del bagno e cominciavo a raccontare queste storie con le forme; era necessario sottolineare quelle forme con le linee! Perciò la linea è diventata il mio strumento primario...

 

Laureata in pittura all’Accademia delle Belle Arti di Teheran, si trasferisce successivamente a Roma, dove si iscrive al corso di Grafica multimediale della Facoltà di Architettura e partecipa a varie mostre individuali e collettive.
Come spiega lei stessa, sin da bambina coltiva la passione per la scultura ed i colori,  "Avverto l’esigenza di esprimermi con la scultura ed i colori. Da bambina giocavo ed “estraevo“ storie dalle macchie che vedevo ovunque: dal soffitto della mia stanza fino al pavimento del bagno e cominciavo a raccontare queste storie con le forme; era necessario sottolineare quelle forme con le linee! Perciò la linea è diventata il mio strumento primario...
Man mano queste storie hanno preso il colore della mia vita... ed ancora adesso racconto le storie della mia vita, perché le vivo ogni giorno. Ma non sono tutte storie esistenti. Sono storie, emozioni del mio stato d'animo; storie che devo ancora capire; storie che mi fanno conoscere meglio me stessa. A volte assieme all’osservatore delle mie opere conosco e capisco quello che volevo raccontare".


cell. 329 3869115
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Read 1535 times Last modified on Thursday, 15 April 2010 11:13
More in this category: « Solmaz Vilkiji Hassan Vahedi »