Martedì, 02 Aprile 2019 12:10

Ricordare, unire, rinnovare a 25 anni dal genocidio dei tutsi del Ruanda In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Domenica 7 aprile 2019, ore 15.45, presso l’Aula magna Regina della John Cabot University, via della Lungara 233, sopravvissuti, testimoni e studiosi si ritroveranno insieme per commemorare il genocidio dei Tutsi del Ruanda, una delle più drammatiche pagine della storia recente, avvenuto esattamente 25 anni fa. Ricordare, Unire, Rinnovare: questo il titolo – e il significato – della manifestazione, che vuole richiamare alla memoria quanto accadde dal 7 aprile al 4 luglio del 1994 nel piccolo Paese dell’Africa orientale, quando un milione di persone – tra cui donne e bambini, famiglie intere – furono massacrate a colpi di machete, mazze chiodate e armi da fuoco. Le Nazioni Unite hanno proclamato il 7 aprileGiornata internazionale di riflessione sul genocidio in Ruanda”.

Domenica 7 aprile 2019, ore 15.45, presso l’Aula magna Regina della John Cabot University, via della Lungara 233, sopravvissuti, testimoni e studiosi si ritroveranno insieme per commemorare il genocidio dei Tutsi del Ruanda, una delle più drammatiche pagine della storia recente, avvenuto esattamente 25 anni fa. Ricordare, Unire, Rinnovare: questo il titolo – e il significato – della manifestazione, che vuole richiamare alla memoria quanto accadde dal 7 aprile al 4 luglio del 1994 nel piccolo Paese dell’Africa orientale, quando un milione di persone – tra cui donne e bambini, famiglie intere – furono massacrate a colpi di machete, mazze chiodate e armi da fuoco. Le Nazioni Unite hanno proclamato il 7 aprile “Giornata internazionale di riflessione sul genocidio in Ruanda”.

La manifestazione, a cura dell’Istituto Guarini per gli Affari Pubblici della JCU, è organizzata da “Ibuka Italia - Memoria e Giustizia”, un’associazione composta da italiani e ruandesi residenti nel nostro Paese.

«La prima missione della nostra associazione è quella di tenere viva la memoria del genocidio dei Tutsi: Ibuka in ruandese significa “ricorda”. Fra i nostri obiettivi c’è anche quello di contrastare ogni forma di negazionismo o di revisionismo. Chiediamo inoltre giustizia, perché ci sono tantissimi responsabili di quegli atti orribili che vivono ancora liberi in diverse nazioni del mondo», ha spiegato Honorine Mujyambere, presidente di Ibuka Italia.

Alla commemorazione prenderanno parte Emanuela Del Re, viceministra agli Affari esteri con delega per l’Africa; Béata Ntamanyoma, presidente della diaspora ruandese in Italia, Annalisa Manta di Unric Italia; Lyal S. Sunga, già special investigator per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite; Angélique Rutayisire, sopravvissuta. Un particolare ricordo arriverà dalla Famiglia Igihozo, gruppo di ex studenti scampati al genocidio. Chiuderà gli interventi Honorine Mujyambere.

Aprirà i lavori il professor Federigo Argentieri, direttore dell’Istituto Guarini per gli Affari pubblici della JCU. Modererà Giuseppe Mazza.

Appuntamento a Roma domenica 7 aprile, alle ore 15.45, presso l’Aula magna Regina della John Cabot University, via della Lungara 233, Trastevere.

https://calendar.johncabot.edu/event/25th-anniversary-of-the-genocide-of-tutsis-in-rwanda/

http://www.johncabot.edu/

 

John Cabot University
Roma, via della Lungara 233 - 00165
Tel: +39 066819121
Ufficio stampa: Leonida Valeri, tel. 338 1664053

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Domenica, 07 Aprile 2019
  • data fine: Domenica, 07 Aprile 2019
  • Indirizzo: via della Lungara, 233, Roma
  • Depubblicazione homepage: Lunedì, 08 Aprile 2019
Letto 417 volte Ultima modifica il Martedì, 02 Aprile 2019 12:20
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.