Giovedì, 13 Febbraio 2020 17:17

Quando la Maschera incontra la Danza diventa Spirito In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 21 febbraio 2020 dalle ore 19 alle 22.30 presso il Puerto Mexico in via Portuense, 84, riparte il Ciclo di appassionanti tavole rotonde dal titolo Ai piedi del Baobab. In tema con il Carnevale un titolo provocatorio: Quando la Maschera incontra la Danza diventa Spirito con Steve Emejuru e Nwambe Siakè. La conferenza/dibattito sarà seguita da un gustoso piatto tipico africano.

Venerdì 21 febbraio 2020 dalle ore 19 alle 22.30 presso il Puerto Mexico in via Portuense, 84, riparte il Ciclo di appassionanti tavole rotonde dal titolo Ai piedi del Baobab. In tema con il Carnevale un titolo provocatorio: Quando la Maschera incontra la Danza diventa Spirito con Steve Emejuru e Nwambe Siakè. La conferenza/dibattito sarà seguita da un gustoso piatto tipico africano.

Nella maggior parte delle culture africane tradizionali, chi indossa una MASCHERA abbandona la propria identità e viene trasformato nello spirito che la maschera rappresenta. Questo scopo viene in genere raggiunto con l'ausilio di altri elementi rituali, come certi tipi di musica e di danza; spesso la maschera si accompagna a costumi rituali, che contribuiscono a nascondere l'identità del sacerdote mascherato.
Colui che indossa la maschera diventa quindi una sorta di MEDIUM che consente al villaggio di dialogare con le proprie divinità, gli antenati, i defunti, gli animali o altri spiriti della natura. Per questo motivo, danze e rappresentazioni mascherate svolgono spesso una funzione propiziatoria in cerimonie e celebrazioni.
Le maschere sono una delle forme d'arte africana più note in Occidente, e nel XX secolo sono state di ispirazione a movimenti artistici come cubismo, fauvismo ed espressionismo.
Sono ancora utilizzate nell'Africa urbana e moderna di oggi? Quale rapporto con l'Energia Cosmica e con la Natura si trova dietro a questi rituali?

Ne parlano i relatori:

- STEVE EMEJURU
Maestro di Danza africana, musicista e Mediatore Culturale di origine Nigeriana Igbo, un'etnia con un'antichissima e vasta tradizione nel'uso delle maschere.
E' laureato in legge con dottorato in diritto Internazionale, Ambasciatore della Cultura Nigeriana in Italia e consigliere del Re Ezerioha III di Ihitowerri in Nigeria.

- NWAMBE  SIAKE'
Giornalista, mediatore culturale, scrittore, musicista e ballerino di origine Camerunese Bamilekè, un'etnia di fortissime tradizioni soprattutto nel culto degli antenati su cui ha redatto un importante libro "Le cult des ancetres chez les Bamileke"

AI PIEDI DEL BAOBAB è un ciclo di appuntamenti con relatori speciali sul tema della danza, della cultura e della società del Continente Africano. Ci è venuta voglia di approfondire, dibattere, incontrarci e infine brindare insieme e degustare qualche specialità.

Perchè "AI PIEDI DEL BAOBAB"? In Africa le relazioni si basano sul racconto e sul dialogo, fondamentali in ogni contesto. Gli anziani in particolare tengono lunghe riunioni prima di deliberare, seduti ai piedi del baobab.
In Occidente al contrario si sta perdendo l'arte del racconto e diventa sempre più difficile dialogare.
Inviteremo quindi personaggi speciali che ci permetteranno di aprire una finestra sul vasto mondo della cultura africana e risponderanno alle nostre domande, prendendoci tutto il tempo per la buona conversazione.

La conferenza/dibattito sarà seguita da un gustoso piatto tipico africano.

LA CANTINA DI OUSTI c/o Puerto Mexico
Via Portuense, 84 (metro Piramide)

INGRESSO + PIATTO TIPICO + DRINK  €13
E' gradita la prenotazione!

Per info e prenotazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - cel. 3356109670
www.afrodanza.it - FB: Afrodanza

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Venerdì, 21 Febbraio 2020
  • data fine: Venerdì, 21 Febbraio 2020
  • Indirizzo: Via Portuense, 84 - Roma
  • Depubblicazione homepage: Sabato, 22 Febbraio 2020
Letto 182 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Febbraio 2020 14:22
Show Street View
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.