Lunedì, 16 Ottobre 2017 12:26

Derive Mediterranee di Silvana Chiozza e Cristina Piceda

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e la Galleria Eitch Borromini, via di Santa Maria dell'Anima 30, presentano Derive Mediterranee di Silvana Chiozza e Cristina Piceda, mostra a cura di Sveva Manfredi Zavaglia che si potrà visitare fino al 14 gennaio 2018. 

L’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e la Galleria Eitch Borromini, via di Santa Maria dell'Anima 30, presentano Derive Mediterranee di Silvana Chiozza e Cristina Piceda, mostra a cura di Sveva Manfredi Zavaglia che si potrà visitare fino al 14 gennaio 2018.

Il nuovo progetto espositivo delle artiste argentine Silvana Chiozza e Cristina Piceda è composto di circa 35 opere di pittura per la prima e scultura per la seconda. Questa esposizione propone un'unione tra l’Italia e l’Argentina, quel sottile fil rouge che è sempre esistito. Un rapporto speciale tra due culture. Il legame che unisce e stabilisce il dialogo tra queste artiste è vibrante, il visitatore è trascinato in questo racconto di vita e di immagini di memoria, col desiderio di condividerlo e farlo conoscere attraverso quell'immediatezza che solo l’arte riesce a donarci. La mostra “Derive Mediterranee” - ci descrive la curatrice – offre un dialogo con il pubblico al fine di condividere la bellezza della natura e lo stupore dell’opera. Evoca frammenti astratti e realtà concrete in un viaggio nel mediterraneo dove ci possiamo tuffare tra il colore della campagna al calare del sole e ammirare l’arrivo della luna nella sua pienezza materica. La parte emotiva diviene protagonista sollecitando l'aspetto identitario del luogo storico espositivo della Galleria Borromini. L’estetica utilizzata mette in luce un aspetto possibilista di continuità tra la natura e l’umanità. Le emozioni nell’arte sono la tematica principale. Sinuose forme femminili in dialogo continuo arricchiscono l’ambiente espositivo della Galleria Borromini in modo accurato e unico, tra la pittura descrittiva con pennellate astratte, ritmiche, delicate e trasparenti su tela e tavola della Chiozza, e la scultura di marmo bianco di Carrara col nero del Belgio che ci lancia tra costellazioni o nella leggerezza attraverso un materiale come il ferro dall’aspetto fragile ma forte della Piceda.

 

Silvana Chiozza: www.silvanachiozza.com - Cristina Piceda: www.cristinapiceda.com



Galleria Eitch Borromini
Via di Santa Maria dell'Anima, 30
Roma

Ingresso gratuito - Orari: da lunedì a domenica h 11-19 Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Sabato, 14 Ottobre 2017
  • data fine: Domenica, 14 Gennaio 2018
  • Indirizzo: via di Santa Maria dell'Anima, 30, Roma
  • Depubblicazione homepage: Venerdì, 19 Gennaio 2018
Letto 472 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Gennaio 2018 14:10
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.