Martedì, 29 Dicembre 2020 10:20

MareMuro, corti da Libia In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fino a giovedì 31 dicembre 2020, Teatri di Vita,  teatro comunale di Bologna ha deciso di tenere aperto un canale con il suo pubblico attraverso il programma MareMuro, offrendo gratuitamente online agli spettatori 8 cortometraggi realizzati da giovani registi libici, dove si parla di diritti umani e di aspirazioni affrontando temi quali la libertà d’espressione e la violenza. Nel luglio 2017 il Cairo Institute for Human Rights Studies, con il supporto dell’Unione Europea, ha lanciato un concorso per giovani creativi libici per descrivere la loro realtà e le sfide, attraverso modi artistici innovativi, raccogliendo numerose candidature e idee, tra documentari, fiction, animazione e film sperimentali. In agosto sono stati selezionati otto progetti, e tra settembre e novembre sono stati realizzati due laboratori formativi in Tunisia con i registi libici selezionati. Gli otto corti sono stati poi presentati a Marsiglia a cura di Réseau Euromed France, successivamente nella sede del CIHRS al Cairo e infine in anteprima italiana a Bologna a luglio 2020 durante il festival “Cuore d’Italia” di Teatri di Vita.

Fino a giovedì 31 dicembre 2020, Teatri di Vita,  teatro comunale di Bologna ha deciso di tenere aperto un canale con il suo pubblico attraverso il programma MareMuro, offrendo gratuitamente online agli spettatori 8 cortometraggi realizzati da giovani registi libici, dove si parla di diritti umani e di aspirazioni affrontando temi quali la libertà d’espressione e la violenza. Nel luglio 2017 il Cairo Institute for Human Rights Studies, con il supporto dell’Unione Europea, ha lanciato un concorso per giovani creativi libici per descrivere la loro realtà e le sfide, attraverso modi artistici innovativi, raccogliendo numerose candidature e idee, tra documentari, fiction, animazione e film sperimentali. In agosto sono stati selezionati otto progetti, e tra settembre e novembre sono stati realizzati due laboratori formativi in Tunisia con i registi libici selezionati. Gli otto corti sono stati poi presentati a Marsiglia a cura di Réseau Euromed France, successivamente nella sede del CIHRS al Cairo e infine in anteprima italiana a Bologna a luglio 2020 durante il festival “Cuore d’Italia” di Teatri di Vita.


I corti si possono vedere cliccando qui.

I corti:

“Afdis” di Azrou Magura

“Sahab (Nuvola)” di Hana Alhijazy

“Kidnapped (Rapito)” di Mohamed Fanan

“Locked away (Rinchiuso)” di Mohamed Lagha

“Salha’s song (La canzone di Salha)” di Alaa Hasen Snead

“Silence” di Nora Morajea Abdelkrim

“Ta3bir (Espressione)” di Hussein Eddeb

“The hard choice (La scelta difficile)” di Faraj Hamza

(durata complessiva: 63 minuti)


Letto 74 volte Ultima modifica il Martedì, 29 Dicembre 2020 10:49
Alice D

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Terraviva Film Festival