Martedì, 14 Aprile 2015 11:41

Passi della Memoria: in piazza per ricordare il centenario del genocidio armeno

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 24 aprile 2015 l'Associazione della Comunità Armena di Roma e del Lazio invita a Passi della Memoria: in piazza per ricordare il centenario del genocidio armeno. Passi della memoria, organizzata dal Comitato romano per il centenario del genocidio armeno che raccoglie associazioni armene e italiane unite nel ricordo del Metz Yeghern (Il Grande Male), vuole riaffermare il valore della Memoria come strumento per sconfiggere i grandi crimini. L'Appuntamento è alle ore 15 a Porta Pia per un breve percorso che si snoderà anche nei pressi dell’ambasciata di Turchia dove è prevista una sosta e un momento di raccoglimento.

Venerdì 24 aprile 2015 l'Associazione della Comunità Armena di Roma e del Lazio invita a Passi della Memoria: in piazza per ricordare il centenario del genocidio armeno. Passi della memoria, organizzata dal Comitato romano per il centenario del genocidio armeno che raccoglie associazioni armene e italiane unite nel ricordo del Metz Yeghern (Il Grande Male), vuole riaffermare il valore della Memoria come strumento per sconfiggere i grandi crimini. L'Appuntamento è alle ore 15 a Porta Pia per un breve percorso che si snoderà anche nei pressi dell’ambasciata di Turchia dove è prevista una sosta e un momento di raccoglimento.
Il primo genocidio ad essere perpetrato, il primo ad essere negato, il primo ad essere dimenticato. Ma chi voleva l’annientamento del popolo armeno, ha fallito nel suo obiettivo, e a distanza di un secolo il ricordo di quel crimine contro l’umanità non è svanito.
Per commemorare l’orrore del 1915, contro ogni forma di negazionismo, armeni, italiani, rappresentanti delle comunità straniere, associazioni e istituzioni educative si ritrovano in piazza il 24 aprile.


Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Venerdì, 24 Aprile 2015
  • data fine: Venerdì, 24 Aprile 2015
Letto 1643 volte Ultima modifica il Martedì, 28 Aprile 2015 11:38
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.