Martedì, 09 Febbraio 2021 18:16

PERSEFONE consultorio per donne vittime di tratta, violenza e tortura-webinar In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 12 febbraio 2021 alle ore 11 Cat Cooperativa Sociale e MEDU - Medici per i Diritti Umani invitano, sulla piattaforma Zoom, al webinar PERSEFONE consultorio per donne vittime di tratta, violenza e tortura. La partecipazione è gratuita ed è necessaria l'iscrizione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  Di seguito il programma.

Venerdì 12 febbraio 2021 alle ore 11 Cat Cooperativa Sociale e MEDU - Medici per i Diritti Umani invitano, sulla piattaforma Zoom, al webinar PERSEFONE consultorio per donne vittime di tratta, violenza e tortura. La partecipazione è gratuita ed è necessaria l'iscrizione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  Di seguito il programma.

Modera: Dott.ssa Alessandra Puppo – D.E.C progetto Persefone- USL Toscana Centro.
Apertura e introduzione: Dott.ssa Valeria Dubini – Direttore Unità Funzionale Complessa Attività Territoriali USL Toscana Centro.
Consultorio Persefone: attività, risultati e progettualità futura
Paolo Piazzesi e Arianna Del Guerra – Coordinatori progetto Persefone Cat Cooperativa Sociale.
Consultorio Persefone: buone prassi di presa in carico delle donne vulnerabili
Dott.ssa Serena Leoni – Coordinatrice territoriale Toscana-Medu Medici per i Diritti Umani.
Consultorio Persefone: le donne, le casistiche e i percorsi
Nicoletta Zocco, Serena Bigazzi, Lucia Pratesi, Elisabetta Sarti, Claudia Notari – équipe consultorio.
Consultorio Persefone: un esperimento riuscito
Serena Mordini – Referente area tratta e prostituzione Cat Cooperativa Sociale
Domande e interventi partecipanti
Chiusura dei lavori: Dott.ssa Anna Ajello – Regione Toscana Settore Organizzazione delle Cure e Percorsi di cronicità

“Persefone” è un consultorio caratterizzato da un’equipe multidisciplinare in grado di favorire una presa in carico integrata di donne migranti vittime di tratta, violenza e tortura
L’urgenza per la quale nasce Persefone è la consapevolezza che le donne in condizione di grave vulnerabilità, necessitino di un approccio che sappia integrare e non disgiungere la dimensione sociale, sanitaria e giuridica, nell’ottica di un processo di facilitazione che agevoli la fruizione dei servizi offerti dal sistema sanitario nazionale e regionale.
Obiettivo principale del progetto è dunque quello di supportare le utenti nell’accesso e nella presa in carico da parte del SSN/SSR, integrando i loro bisogni sanitari e sociali specifici. Questo al fine di migliorarne le condizioni di salute e favorirne la protezione sociale e il reinserimento socio lavorativo.

A chi si rivolge
Donne migranti in condizione di grave vulnerabilità: vittime di tratta, violenza e tortura.
Orario di apertura: Venerdì dalle 9,30 alle 13,30
Composizione Equipe: presenza contemporanea di un’operatrice antitratta, una psicologa e un’ostetrica. L’equipe, quando necessario sarà affiancata nei colloqui da una mediatrice linguistico-culturale. Il consultorio si avvale di una rete integrata di servizi sociosanitari specialistici per consulenze specifiche e invii.
Modalità di accesso: il servizio é gratuito. Non è previsto accesso diretto. L’appuntamento si otterrà attraverso la segnalazione degli operatori che accolgono la persona o la seguono sul territorio, compilando un format di presentazione della situazione da fare pervenire all’indirizzo mail del consultorio.

L’equipe del consultorio risponde il venerdì durante l’orario di apertura per richiedere ulteriori informazioni e/o fissare un appuntamento.

Sede Consultorio Persefone: c/o Presidio Palagi, Viale Michelangiolo 41, 50122 Firenze, II Piano area Consultori.

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Venerdì, 12 Febbraio 2021
  • data fine: Venerdì, 12 Febbraio 2021
  • Depubblicazione homepage: Sabato, 13 Febbraio 2021
Letto 102 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Febbraio 2021 18:32
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.