Martedì, 02 Aprile 2019 14:15

Gli immigrati non esistono In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mercoledì 3 aprile 2109 ore 20.30 per la Rassegna Giornaliste italiane sul fronte internazionale al Teatro biblioteca Quarticciolo, Via Ostuni 8, si terrà l'incontro Gli immigrati non esistono a cura di Doppio Ristretto. Il sistema di accoglienza italiano sta collassando. Da una parte vengono chiusi improvvisamente i grandi centri come il Cara di Castelnuovo di Porto, d’altra parte con il decreto sicurezza e immigrazione colpisce il sistema di accoglienza diffusa, cioè lo Sprar.

Mercoledì 3 aprile 2109 ore 20.30 per la Rassegna Giornaliste italiane sul fronte internazionale al Teatro biblioteca Quarticciolo, Via Ostuni 8, si terrà l'incontro Gli immigrati non esistono a cura di Doppio Ristretto. Il sistema di accoglienza italiano sta collassando. Da una parte vengono chiusi improvvisamente i grandi centri come il Cara di Castelnuovo di Porto, d’altra parte con il decreto sicurezza e immigrazione colpisce il sistema di accoglienza diffusa, cioè lo Sprar. Il risultato è un misto di caos e disumanità.

Si parlerà di quello che sta davvero succedendo in Italia e nel Mediterraneo attraverso l’analisi dei dati ma anche attraverso i racconti di storie vere di frontiera, di uomini, donne e bambini in fuga con  Annalisa Camilli, giornalista di Internazionale, Valerio Cataldi, inviato di TG3 e presidente di Carta Christian Raimo, scrittore e Assessore alla Cultura III Municipio Roma

Biglietti
3€
Per info e prenotazioni: 06 69426 222‬ 06 69426 277‬ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Via Ostuni, 8 | 00171, Roma
tel. 06 98951725 - 06 69426222 - 06 69426277

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Mercoledì, 03 Aprile 2019
  • data fine: Mercoledì, 03 Aprile 2019
  • Indirizzo: via Ostuni, 8, Roma
  • Depubblicazione homepage: Giovedì, 04 Aprile 2019
Letto 421 volte Ultima modifica il Mercoledì, 03 Aprile 2019 09:57
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Il Dio dei migranti Migration Stories »