Tuesday, 11 September 2018 15:12

Migrazioni, memoria, utopia. Omaggio a Marc Scialom Featured

Written by
Rate this item
(0 votes)

Dal 14 al 21 settembre 2018, a  Roma e a Trieste, in occasione dell’uscita del volume di racconti Pourquoi? Conte avec mort inopinée de son auteur, edizioni Artdigiland promuove, alla presenza dell’autore, Migrazioni, Memoria, Utopia. Omaggio a Marc Scialom, manifestazione di cinema, letteratura e coscienza civile promosso da Artdigiland Ltd,
a cura di Silvia Tarquini, realizzata in collaborazione con AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, festival I Milleocchi, Institut Français saint Louis, libreria Stendhal, Apollo 11 e cineclub Detour. Dal 14 al 21 settembre, una serie di appuntamenti permetterà al pubblico romano – con una puntata a Trieste per I Milleocchi – di incontrare Marc Scialom e di conoscere il suo cinema e la sua produzione letteraria. Scrittore, cineasta, traduttore francese della Divina Commedia di Dante, residente oggi ad Avignone, Scialom è autore di due lungometraggi: Lettre à la prison (1969) e Nuit sur la mer (2012) che trattano, in maniera soggettiva e poetica, i temi dell’identità culturale dei migranti, delle derive del post colonialismo e del razzismo sotterraneo o esplicito, toccando l’aspetto della vulnerabilità della donna in tali contesti.

Dal 14 al 21 settembre 2018, a  Roma e a Trieste, in occasione dell’uscita del volume di racconti Pourquoi? Conte avec mort inopinée de son auteur, edizioni Artdigiland promuove, alla presenza dell’autore, Migrazioni, Memoria, Utopia. Omaggio a Marc Scialom, manifestazione di cinemaletteratura e coscienza civile promosso da Artdigiland Ltd,
a cura di Silvia Tarquini, realizzata in collaborazione con AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, festival I Milleocchi, Institut Français saint Louislibreria StendhalApollo 11 e cineclub Detour. Dal 14 al 21 settembre, una serie di appuntamenti permetterà al pubblico romano – con una puntata a Trieste per I Milleocchi – di incontrare Marc Scialom e di conoscere il suo cinema e la sua produzione letteraria. Scrittore, cineasta, traduttore francese della Divina Commedia di Dante, residente oggi ad Avignone, Scialom è autore di due lungometraggi: Lettre à la prison (1969) e Nuit sur la mer (2012) che trattano, in maniera soggettiva e poetica, i temi dell’identità culturale dei migranti, delle derive del post colonialismo e del razzismo sotterraneo o esplicito, toccando l’aspetto della vulnerabilità della donna in tali contesti.

 

Marc Scialom nasce a Tunisi da famiglia ebrea di origini italiane. L’italiano è la sua “lingua madre”, non perché lo parlassero i suoi genitori, che avevano già acquisito quel misto di italiano francese e arabo che si parlava nel porto di Tunisi, ma perché lo parlava la sua “Nonnina”, la bisnonna con cui Marc bambino passava la maggior parte del suo tempo. Un italiano perfetto, un italiano con il quale la Nonnina gli recitava a memoria passi della Divina Commedia di Dante. Dopo le persecuzioni naziste nel '43 in Tunisia, le ripercussioni sugli Italiani, meccanicamente associati al fascismo nel periodo dell’“epurazione”, e la strage di Biserta (1961) – denunciata nel cortometraggio La parole perdue (1969) –, Scialom si trasferisce in Francia. La sua vita si intreccia, “mancandola”, con la storia del cinema: Lettre à la prison, realizzato senza un produttore e quasi “clandestinamente”, non è sostenuto dai suoi amici cineasti perché "poco politico". Si tratta di un’opera poetica sulla perdita di identità culturale e personale di un esule arabo in Francia ‒ l’amico Tahar Aïbi ‒, che in realtà mette il dito nelle piaghe di colonialismo e razzismo. È girato sull’asse migratorio Tunisi-Marsiglia-Parigi. Deluso, Scialom chiude il film in un cassetto. Torna alle sue origini, allo studio della lingua e della letteratura italiane. Traduce la Divina Commedia (Le Livre de Poche, 1996).
Ritrovato nel 2008, restaurato grazie all’impegno del collettivo di cineasti indipendenti Film Flamme di Marsiglia, Lettre à la prison viene presentato al Festival Internationale du Ducumentaire della stessa città, che lo premia con la Mention Spécial du Groupement National des Cinémas de Recherche. La perduta passione per il cinema si ripresenta in tutta la sua forza e Marc realizza, a 78 anni e dopo quaranta, il suo secondo film, Nuit sur la mer, che viene presentato nel 2012 al festival i Milleocchi di Trieste dove ottiene il premio annuale del festival, il premio Anno Uno.

 

PROGRAMMA di Roma

Venerdì 14 settembre - ore 19.00
Libreria Stendhal (piazza San Luigi dei Francesi 23, Roma)
in collaborazione con Institut Français
Presentazione del libro di racconti di Marc Scialom "Pourquoi? Conte avec mort inopinée de son auteur" (Artdigiland 2018).
Saranno disponibili anche gli altri lavori letterari di Marc Scialom: "Les autres étoiles" (Artdigiland 2015) e "Invention du réel" (Artdigiland 2016)

Sabato 15 settembre - ore 19.00
Libreria Stendhal (piazza San Luigi dei Francesi 23, Roma)
in collaborazione con Institut Français
Proiezioni: "Lettre à la prison" (1969, 70’, in francese con sottotitoli), "La parole perdue" (1969, 8’, in francese), "Exils" (1966, 16’, in francese)

Giovedì 20 settembre - ore 21.00
Apollo 11 (via Nino Bixio 80/A, Roma)
Incontro con Marc Scialom e Silvia Tarquini e proiezione di "Lettre à la prison" (1969, 70’, in francese con sottotitoli).
Durante l’incontro sarà presentato il libro Marc Scialom "Impasse du cinéma", a cura di Mila Lazic e Silvia Tarquini (Artdigiland 2012) che ricostruisce la complessa vicenda biografica e artistisca di questo prezioso autore ancora troppo poco conosciuto.

 

Venerdì 21 settembre - ore 21.00
Cineclub Detour (via Urbana 107, Roma)
Incontro con Marc Scialom e proiezione di "Nuit sur la mer" (2012, 95’, in francese con sottotitoli).

Ufficio stampa AAMOD: Elisabetta Castiglioni
+39 06 3225044 - +39 3284112014 - This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 

Additional Info

  • data inizio: Friday, 14 September 2018
  • data fine: Friday, 21 September 2018
  • Depubblicazione homepage: Saturday, 22 September 2018
Read 451 times Last modified on Tuesday, 11 September 2018 15:35
Federica Q

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.