Martedì, 24 Maggio 2016 14:31

Lagos calling

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Domenica 29 maggio 2016 alle 18 GRIOT, via di Santa Cecilia 1A, presenta il libro Lagos Calling. Nollywood e la reinvenzione del cinema in Africa. A discuterne con l’antropologo Alessandro Jedlowski, curatore del volume assieme a Giovanna Santanera, ci sarà Leonardo De Franceschi, docente di Teorie e pratiche postcoloniali del cinema e dei media all’Università di Roma Tre.

Domenica 29 maggio 2016 alle 18 GRIOT, via di Santa Cecilia 1A, presenta il libro Lagos Calling. Nollywood e la reinvenzione del cinema in Africa. A discuterne con l’antropologo Alessandro Jedlowski, curatore del volume assieme a Giovanna Santanera, ci sarà Leonardo De Franceschi, docente di Teorie e pratiche postcoloniali del cinema e dei media all’Università di Roma Tre.

Dalla fine degli anni Ottanta in poi, l’emersione del fenomeno della produzione video in Africa ha radicalmente trasformato il panorama della produzione mediatica continentale, creando nuovi spazi di espressione, nuove forme di imprenditoria e nuovi modelli culturali. Il fenomeno video, grazie alla sua particolare storia e alle sue specificità, ha contribuito a scuotere l’ambiente della cinematografia africana, a suo modo prigioniero di definizioni imposte dall’esterno, per dare il via a una “reinvenzione dall’interno” del cinema in Africa, non soltanto per quel che riguarda le forme estetiche e narrative adottate, ma anche in relazione alle strutture economiche della produzione e della circolazione di film africani all’interno del continente.
Questo volume della collana di Studi Postcoloniali di Cinema e Media introduce il pubblico italiano al dibattito scientifico emerso in relazione alla nascita e allo sviluppo dirompente della produzione video in Africa, e in particolare in Nigeria, attraverso una collezione di saggi per la maggior parte tradotti dall’inglese, alcuni già pubblicati e altri scritti appositamente.

La lista degli autori che hanno contribuito a questo volume unisce alcuni dei nomi più riconosciuti nel panorama ormai ventennale degli studi su questo fenomeno (come Jonathan Haynes, Jean-Paul Colleyn, Birgit Meyer, Abdalla Uba Adamu e Matthias Krings) a quelli di studiosi più giovani che, nel corso degli ultimi anni, hanno concorso in modo importante a rinnovare quest’area di studi con ricerche innovative e originali (come Katrien Pype, Anouk Batard, Ikechukwu Obiaya, Sara Pahor e i curatori di questa raccolta, Alessandro Jedlowski e Giovanna Santanera).


Libreria GRIOT
via di Santa Cecilia, 1A
www.libreriagriot.it

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Domenica, 29 Maggio 2016
  • data fine: Domenica, 29 Maggio 2016
  • Indirizzo: via di Santa Cecilia 1A, Roma
Letto 1029 volte Ultima modifica il Lunedì, 30 Maggio 2016 10:49
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.