Lunedì, 20 Maggio 2013 16:21

Idee migranti. Installazioni-Eventi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Presso il Museo Pigorini Piazza G. Marconi, 14 la sezione “Idee Migranti” della mostra [S]oggetti migranti: dietro le cose le persone intende accogliere, nel periodo dell’esposizione (fino al 16 giugno 2013), le proposte di artisti, ricercatori, associazioni, centri di ricerca, ecc. che hanno partecipato al concorso lanciato dal Museo “Luigi Pigorini” nel luglio 2012.“IDEE MIGRANTI” è un ampliamento della mostra [S]oggetti migranti e della sua missione: aprire gli spazi museali al dialogo tra diversi attori del territorio nazionale per rafforzare la vocazione del museo ad essere contenitore e catalizzatore di multivocalità, prospettive critiche, contaminazioni di linguaggi. Dal 25 maggio all'8 giugno verranno proposti i seguenti eventi-installazioni:

Presso il Museo Pigorini Piazza G. Marconi, 14 la sezione “Idee Migranti” della mostra [S]oggetti migranti: dietro le cose le persone intende accogliere, nel periodo dell’esposizione (fino al 16 giugno 2013), le proposte di artisti, ricercatori, associazioni, centri di ricerca, ecc. che hanno partecipato al concorso lanciato dal Museo “Luigi Pigorini” nel luglio 2012.“IDEE MIGRANTI” è un ampliamento della mostra [S]oggetti migranti e della sua missione: aprire gli spazi museali al dialogo tra diversi attori del territorio nazionale per rafforzare la vocazione del museo ad essere contenitore e catalizzatore di multivocalità, prospettive critiche, contaminazioni di linguaggi. Dal 25 maggio all'8 giugno verranno proposti i seguenti eventi-installazioni:

Programma

Installazioni

25 maggio - 8 giugno 2013

Inaugurazione 25 maggio 2013, 16.00


Memorie in Transito
di Flavio Risi e Sabrina Battipaglia

Installazione – Spazio Vetrata

Un portale da attraversare ricoperto di tessere multicolori. Un tragitto che richiama alla memoria il transito di culture che danno vita, oggi, al nostro patrimonio. Un tunnel in cui calpestare un pavimento di specchi che si frantumano pian piano in pezzi sempre più piccoli, così da scomporre il mosaico di culture in frammenti dispersi per la memoria e, prima o poi, destinati all’oblio.

Tanti tasselli, oggetti testimonianza, elementi solidi e tangibili d’esperienza di vita, tecniche, e più in generale di esigenze collettive e sociali.

L’altro da sé
di Marco Calì-Zucconi

Installazione – Spazio Vetrata

Opere in combustione pittoriche, realizzate con acqua e fiamme ossidriche, senza alcun elemento grafico o pittorico preliminare. L’unione dell’acqua e del fuoco, elementi opposti in Natura, assume valore simbolico, per raccontare un’integrazione relazionale con l’Altro da Sé, sociale e culturale.

The crustumerium experience
di Uberti Serge

Installazione – Soppalco Oceania

Libri da sfogliare, tele dipinte ispirate alla necropoli di Custrumerium. L’installazione nasce dall’esperienza vissuta dall’artista italo-francese nel 2010 nell’ambito di uno scavo archeologico nella necropoli della città latina di Crustumerium (IX-V secolo a.C.) distrutta dai romani nel 499 a.C.

Hands and spirits
di Elizabeth Frolet

Installazione – Soppalco Oceania

Sculture in ceramica e ferro che alludono al potere spirituale delle mani, al loro potere rigenerante per un’umanità che ne le ha dimenticate per privilegiare l'emisfero sinistro del cervello, logico e poco immaginativo.


Performance, 24-25 maggio 2013

Impression d’Afrique
Performance di Danza contemporanea della compagnia MK
A cura di MK e Routes agency

Performance – Sala conferenze / Spazio Americhe

24 maggio, 16.30 | ingresso gratuito

25 maggio, 17.00 | ingresso gratuito

 
Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini"
Piazza G. Marconi, 14
tel. 0654952269 - fax 0654952310
www.pigorini.beniculturali.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1371 volte Ultima modifica il Lunedì, 20 Maggio 2013 16:28
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Pace e amore Storia di un jihadista »